Sessualità femminile

A differenza del maschietto però, il suo sviluppo psicosessuale verso la femminilità prevede non soltanto una rinuncia al possesso della madre (che per il bambino preluderà, al momento del risveglio della sessualità, alla ricerca di oggetti d'amore femminili), ma anche un rivolgersi al padre come secondo oggetto di investimento affettivo.

La maggiore semplicità della strutturazione del complesso edipico nel maschio è legata all'esistenza di un solo organo sessuale, il fallo. Le pulsioni sessuali rivolte verso la madre, sotto la minaccia di evirazione da parte del padre, vengono rimosse. Dopo un periodo più o meno lungo di latenza, di assenza cioè di qualsiasi moto libidico, l'arrivo della pubertà fà sì che le pulsioni si dirigano su altre donne, su sostituti materni.

Per la bambina il discorso è più complesso. La prima fase della sua vita sessuale infantile è dominata dall'organo clitoride, un corrispettivo in piccolo del pene. Questo stadio coincide con un intenso attaccamento alla madre. Quando lo sviluppo procede nel senso della femminilità, ella viene abbandonata come oggetto d'amore. Ciò avviene per una sorta di delusione astiosa da parte della bimba nel constatare di non essere stata dotata di un vero pene. Il rivolgersi al padre sarebbe allora motivato da moti aggressivi verso la genitrice, considerata come una limitatatrice della sua sessualità: non le ha dato il pene, lei stessa ne è priva, le vieta la masturbazione, le inibisce l'accesso al godimento ecc...

L'amore per il padre la risarcisce così dei torti subiti: la sessualità "attiva" viene sostituita da una "passiva", più propriamente femminile. L'aspirazione del "dare" viene sostituita da quella del "ricevere": amore, bambini, fallo.... Anche per lei segue un periodo variabile di latenza in cui le pulsioni sessuali tacciono rimosse; al loro riattivarsi in adolescenza l'organo vagina è ormai predominante, benché il clitoride continui a svolgere una funzione importante nella sessualità. La ricerca del partner si deve sdoganare dalla figura paterna, benché, come per il maschio, conservi una serie di tratti tipici del genitore del sesso opposto.

Da quanto descritto emerge chiaramente come la sessualità femminile sia marcata da una certa bisessualità di fondo. Il primo amore di una bambina in effetti è un amore omosessuale. Sempre secondo l'insegnamento del padre della psicoanalisi, il cammino verso la femminilità incontra frequentemente degli inciampi. Gli esiti della scoperta della propria "evirazione" nella piccina possono non condurla verso la ricerca del padre e dunque verso una conversione dell'attività in passività. Ella può, a causa della forte delusione legata all'amara constatazione della sua "inferiorità organica", o rimuovere del tutto la questione sessuale, disinteressandosene completamente e condannandosi ad una frigidità pressoché totale, oppure rimanere "fissata" ad un "complesso di mascolinità". Che la porta ad accentuare i suoi lati mascolini tenendola ingabbiata in un rapporto di accesa conflittualità con la madre, che le preclude un accesso pieno alla sessualità adulta.

Spesso accade anche che il padre risulti insufficiente nel riconoscere la domanda d'amore della piccola, svalorizzandola e facendola sentire non desiderata. Sentirsi rifiutata dal padre la può portare a rifugiarsi nuovamente nel rapporto con la madre, lasciandola però allo sbando per quanto riguarda l'assunzione delle insegne della femminilità.

Molte omosessualità o bisessualità femminili hanno alle spalle configurazioni simili: madri forti, direttive,manipolatrici e generatrici di attaccamenti fortissimi e padri deboli, assenti dalla scena. Incapaci sia di riconoscere la domanda d'amore della figlia, che di mettere un limite al rapporto simbiotico fusionale fra lei e sua madre

Inoltre anche dietro a molte unioni eterosessuali possiamo vedere nel rapporto con il partner maschile un rimettere in gioco parte della conflittualità irrisolta nel confronti della madre. Osserviamo spesso donne eterosessuali inconsciamente fissate alle loro madri assumere ruoli dirigenziali e autoritari nella coppia, riproducendo con il compagno dinamiche di devastazione subite in relazione alla figura materna.

Sessualità

Altri articoli sull'amore

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961