Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

A differenza del maschietto però, il suo sviluppo psicosessuale verso la femminilità prevede non soltanto una rinuncia al possesso della madre (che per il bambino preluderà, al momento del risveglio della sessualità, alla ricerca di oggetti d'amore femminili), ma anche un rivolgersi al padre come secondo oggetto di investimento affettivo.

La maggiore semplicità della strutturazione del complesso edipico nel maschio è legata all'esistenza di un solo organo sessuale, il fallo. Le pulsioni sessuali rivolte verso la madre, sotto la minaccia di evirazione da parte del padre, vengono rimosse. Dopo un periodo più o meno lungo di latenza, di assenza cioè di qualsiasi moto libidico, l'arrivo della pubertà fà sì che le pulsioni si dirigano su altre donne, su sostituti materni.

Per la bambina il discorso è più complesso. La prima fase della sua vita sessuale infantile è dominata dall'organo clitoride, un corrispettivo in piccolo del pene. Questo stadio coincide con un intenso attaccamento alla madre. Quando lo sviluppo procede nel senso della femminilità, ella viene abbandonata come oggetto d'amore. Ciò avviene per una sorta di delusione astiosa da parte della bimba nel constatare di non essere stata dotata di un vero pene. Il rivolgersi al padre sarebbe allora motivato da moti aggressivi verso la genitrice, considerata come una limitatatrice della sua sessualità: non le ha dato il pene, lei stessa ne è priva, le vieta la masturbazione, le inibisce l'accesso al godimento ecc...

L'amore per il padre la risarcisce così dei torti subiti: la sessualità "attiva" viene sostituita da una "passiva", più propriamente femminile. L'aspirazione del "dare" viene sostituita da quella del "ricevere": amore, bambini, fallo.... Anche per lei segue un periodo variabile di latenza in cui le pulsioni sessuali tacciono rimosse; al loro riattivarsi in adolescenza l'organo vagina è ormai predominante, benché il clitoride continui a svolgere una funzione importante nella sessualità. La ricerca del partner si deve sdoganare dalla figura paterna, benché, come per il maschio, conservi una serie di tratti tipici del genitore del sesso opposto.

Da quanto descritto emerge chiaramente come la sessualità femminile sia marcata da una certa bisessualità di fondo. Il primo amore di una bambina in effetti è un amore omosessuale. Sempre secondo l'insegnamento del padre della psicoanalisi, il cammino verso la femminilità incontra frequentemente degli inciampi. Gli esiti della scoperta della propria "evirazione" nella piccina possono non condurla verso la ricerca del padre e dunque verso una conversione dell'attività in passività. Ella può, a causa della forte delusione legata all'amara constatazione della sua "inferiorità organica", o rimuovere del tutto la questione sessuale, disinteressandosene completamente e condannandosi ad una frigidità pressoché totale, oppure rimanere "fissata" ad un "complesso di mascolinità". Che la porta ad accentuare i suoi lati mascolini tenendola ingabbiata in un rapporto di accesa conflittualità con la madre, che le preclude un accesso pieno alla sessualità adulta.

Spesso accade anche che il padre risulti insufficiente nel riconoscere la domanda d'amore della piccola, svalorizzandola e facendola sentire non desiderata. Sentirsi rifiutata dal padre la può portare a rifugiarsi nuovamente nel rapporto con la madre, lasciandola però allo sbando per quanto riguarda l'assunzione delle insegne della femminilità.

Molte omosessualità o bisessualità femminili hanno alle spalle configurazioni simili: madri forti, direttive,manipolatrici e generatrici di attaccamenti fortissimi e padri deboli, assenti dalla scena. Incapaci sia di riconoscere la domanda d'amore della figlia, che di mettere un limite al rapporto simbiotico fusionale fra lei e sua madre

Inoltre anche dietro a molte unioni eterosessuali possiamo vedere nel rapporto con il partner maschile un rimettere in gioco parte della conflittualità irrisolta nel confronti della madre. Osserviamo spesso donne eterosessuali inconsciamente fissate alle loro madri assumere ruoli dirigenziali e autoritari nella coppia, riproducendo con il compagno dinamiche di devastazione subite in relazione alla figura materna.

Sessualità

Altri articoli sull'amore

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Quando l'amore non è corrisposto

Quando amare vuol dire solo movimento d'andata, ossia mano che si protende verso la rosa ma nessun movimento di risposta, nessun'altra mano che a sua volta si dirige verso l'amante, che fare? Si tratta di una situazione frequentissima, a noi psicologi capita spessissimo di ascoltare il dolore di chi non è ricambiato in amore.

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Solitudine femminile

Sempre più donne nel contesto contemporaneo si trovano confrontate con la solitudine, non semplicemente quella subita. Pur non mancando di corteggiatori, decidono di non scendere a compromessi, in nome dell'amore con la A maiuscola. Non innamorandosi mai veramente, non incontrando mai la persona che sentono essere "giusta" per loro, scelgono di vivere la loro vita rinunciando ai vantaggi economici e sociali associati ad una relazione con un uomo.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961