Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Allontanare all’improvviso il partner tanto desiderato , trattarlo con gelida indifferenza, vederlo inerme e sofferente per un lasso di tempo determinato offre un godimento irrinunciabile. Quello di sentirsi forti e potenti, amati, domandati, ma nello stesso tempo liberi dalla vulnerabilità a cui espone l’esperienza dell’amore.

Paura, rifiuto e disamore

La durata della sensazione è tuttavia breve, rapidamente subentrano ansia e frustrazione. Il partner, se ha un’affettività sana, frastornato si allontana. E allora tutto è perduto, l’effetto inebriante dato dalla preghiera dell’altro e dalla presunta raggiunta indipendenza rispetto alle catene dell’amore si dissolve rovesciandosi in una disperazione prima rabbiosa e poi angosciata.

A questo punto seguono tentativi convulsi di riavvicinarsi all’oggetto perduto, di riportarlo a sè. Ma nella misura in cui ciò accade, presto il meccanismo riparte da capo, in una ripetizione monotona e sfibrante che dura il tempo in cui il partner è disposto a dare altre possibilità, dunque a sopportare in nome della comprensione, dell’amore, di un certo masochismo e di molto altro ancora.

Prima o poi però inevitabilmente qualcosa si rompe. Dopo anche molti anni trascorsi all’insegna delle montagne russe emotive il compagno o la compagna si stancano. È una stanchezza diversa, è la stanchezza del “disamore”.

L’amore maltrattato può sopportare fino ad un certo limite oltre il quale semplicemente muore. Senza la molla dell’amore (o presunto tale) il movimento di ritorno, dato per scontato nel tempo, non si verifica più, lasciando il vuoto, l’amara contemplazione delle macerie prodotte dalle inutili guerre protratte nel tempo.

È chiaro allora come alla lunga il rifiuto che sottende un’incessante domanda d’amore sia un vero e proprio killer che agisce sabotando dall’interno rapporti spesso positivi, che si basano su affinità e intese profonde.

Non si tratta in questi casi di incompatibilità caratteriali, sessuali, intellettuali o affettive. Unioni splendide, affinità elettive possono essere minate ed infine distrutte da quella che al fondo è paura allo stato puro di venire abbandonati. La paura inconscia di essere lasciati, traditi dopo aver riposto la corazza della propria autosufficienza spinge ad abbandonare, a richiudere, a fuggire. Come ogni paura.

Passato che torna

Come disattivare questo veleno letale che inquina dunque anche le acque più cristalline?
Innanzitutto è necessario che siano coloro che agiscono tale dinamica ad accorgersi della distruttività che portano con sè le loro condotte. Spesso sono le fidanzate, le mogli o i mariti a spingere per la terapia. Ricattati dal “o ti curi o non torno con te” questi pazienti varcano la soglia dell’analista senza alcuna motivazione e convinti che basti comportarsi bene per un po’ perché tutto si aggiusti.

La crisi deve quindi essere personale e profonda, indipendente dalle domande altrui. Un momento tipico che fa da molla è quello in cui il partner sparisce definitivamente, prostrato e “disamorato” dall’altalena continua di alti e bassi. È il tempo della depressione nera, del panico, della realizzazione stupefatta del disastro provocato. Il rischio insito in questa fase è che la persona si incolli al terapeuta per farsi coccolare, non certo per lavorare su di sé.

La terapia per funzionare deve costituirsi come un luogo di interrogazione e di messa in discussione di sè. Se resta lo spazio del pianto e della lamentazione nulla cambia. Al contrario se si trasforma in una ricerca attiva delle cause e dei perché può riservare delle sorprese. Il soggetto può accedere ad un passato a cui aveva voluto voltare le spalle per rileggerne gli avvenimenti traumatici in maniera nuova.

Frequentemente infatti, nelle storie di chi si è costruito una corazza di invulnerabilità e di rifiuto, si nascondono fatti dolorosi risalenti all’infanzia o alla prima adolescenza, che si riferiscono allo strappo da una figura genitoriale avvenuto in maniera repentina o percepito come tale. Tendenzialmente già al momento dell’accadimento e poi nei mesi e negli anni successivi, il silenzio e la negazione erano sembrate le strategie più efficaci per fronteggiare la sofferenza.

Il dolore veniva dunque incapsulato, restando come una bomba inesplosa su uno sfondo di pace apparente. Ma la portata devastante degli eventi non si disattiva realmente in questo modo. Odio, rancore, aggressività, dolore sono tutti schiacciati e repressi sotto una lastra rigida di invulnerabilità e indifferenza che allontanano dal contatto con le emozioni.

Ora la condizione dell’innamoramento e poi dell’amore profondo va naturalmente a risvegliare il conflitto irrisolto, nella misura in cui strappa forzatamente, al di là della volontà, dall’illusione difensiva di autosufficienza. E qui cominciano i problemi.

Distacchi improvvisi, raffreddamenti, parole taglienti entrano in gioco per tentare di ripristinare la barriera protettiva perduta. Una sorta di tentativo di beneficiare dell’amore dell’altro senza però darsi, mettersi in gioco davvero, esporsi al rischio di soffrire nuovamente. E, pure, un modo per liberare l’aggressività repressa verso l’oggetto d’amore abbandonico, per vendicarsi immaginariamente e inconsciamente rovesciando le parti.

Orizzonti terapeutici

La terapia in queste situazioni può rivelarsi un potente strumento, nella misura in cui, liberando la parola, agisce in senso contrario al muro di silenzio ispessitosi negli anni e fautore del riversarsi cieco nel reale di un trauma rimasto indigerito.

Mettere in parola contrasta l’agire automatico. Se il soggetto trova la forza di dire l’indicibile e di ascoltarsi davvero può porre un freno a comportamenti che appaiono più forti di lui, senza ricorrere ad un atto di volontà. Si tratta dell’effetto che scaturisce naturalmente da un atteggiamento etico di confronto diretto e senza schermi con il proprio peggio.

Guardare con occhi nuovi il nostro peggio, quello che è accaduto e come abbiamo reagito è l’unica vera arma che abbiamo per non soccombere alla ripetizione e per non rovinare la nostra vita. Certo, ci vuole un atto di coraggio, che non esclude, non cancella la paura ma la affronta a viso scoperto.

Sessualità , Rapporto uomo donna, Aiuto psicoterapeutico , Disagio contemporaneo

Altri articoli sull'amore

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961