"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

L'originalità della poesia sta proprio nel far risaltare in primo piano l'intreccio di sofferenza che si instaura fra il depresso e chi lo ama, così che la comprensione del fenomeno ne viene amplificata. Attraverso le reazioni evocate in chi vi si trova a stretto contatto, otteniamo un allargamento della visuale sul disturbo, che va oltre quella classica, per lo più incentrata sul malessere patito piuttosto che su quello inflitto dal depresso.

Intanto viene rappresentata con l'immediatezza tipica degli artisti quello che è un aspetto riscontrabile nella clinica della depressione, ovvero il compiacimento del proprio stato luttuoso, l'indugiare in una condizione di malessere che arreca un inconscio e oscuro tornaconto. "Fa finta di cantare ma in effetti si lamenta" ci dice la poetessa; quella che può sembrare un'alta espressione di dolore non è altro che lamento, paralisi, crogiolarsi di "vigile urbano sempre fermo sulla sua catastrofe".

Alda lucidamente, finemente e impietosamente svela la prossimità del dolore psichico subito da chi viene colpito da accessi depressivi con una non del tutto inconsapevole crudeltà verso l'altro. L'anima   "instabile",  " luttuosa", " morta" produce effetti di mortificazione, tende cioè a trasferire la morte psichica da se stessa all'altro, come in un accesso di odio punitivo verso tutto ciò che è vivo e desiderante.

Per questo il depresso viene apostrofato anche come " cavilloso", " anomalo", " iettatore": la vicinanza alla verità di fondo dell'esistenza, ovvero la sua infondatezza, la sua mancanza di senso, lo rende pesante, diverso dalla norma e infine fatalmente "iettatore" appunto, come una calamita di morte che esercita un potere di attrazione fatale su ogni creatura con cui entra in una sfera di contatto intimo e ravvicinato.

Ecco il vero significato dei versi "si comincia da bimbi ad essere depressi/da grandi si diventa perfidi". La depressione infatti invariabilmente fa la sua prima comparsa nell'infanzia di coloro che ne soffriranno da adulti. Di solito insorge a causa di un dubbio sull'amore, nel vederlo negli occhi di un genitore. Precocemente viene incontrato qualcosa di intollerabile, un buco, uno strappo nella tela rassicurante che copre il reale. Una scheggia di non senso, di vuoto si insinua nella mente del futuro depresso e da lì si propaga con effetti nefasti in coloro che avranno una relazione d'amore con lui. Egli diventa per l'appunto "perfido", involontariamente, inconsciamente crudele con l'oggetto d'amore, con l'amico, con l'amante. L'esposizione alla mancanza che l'amore induce, riporta alla luce quel vuoto, quel buco. Il timore di svanire annienta l'oggetto buono, amorevole, animato dal dono gratuito.

Dunque intorno a lui chi tenta di salvarlo muore e finalmente, ci dice la poetessa, " dopo aver distrutto un intero mondo di eroi/il depresso rimane felice; e' finalmente libero". La distruzione di colui che porta l'abbondanza dell'amore arreca sollievo, libertà da quelle che vengono sentite come catene insopportabili. Il legame, il contatto profondo sono al fondo desiderati come l'aria ma al tempo stesso percepiti come estremamente pericolosi, inaccessibili, al pari di un frutto proibito.

Dopo tale annientamento dell'altro il depresso "finalmente ride" conclude Alda con amara spietatezza. Si tratta naturalmente di una felicità triste, di un riso disperato che, cosa che la poetessa non dice, può indurre in seguito tentativi di riparazione, ritorni, nuovi slanci che aimè dureranno poco, brevi schiarite prima del prossimo addensarsi di nubi.

 

Altri articoli sulla depressione

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Leggi l'articolo

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Leggi l'articolo

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Leggi l'articolo

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Leggi l'articolo

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Leggi l'articolo

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Leggi l'articolo

Depressione e curiosità

La curiosità, intesa come stato di meraviglia davanti alle cose che spinge incessantemente a volerne penetrare più a fondo lo sfuggevole significato, è un’attitudine mentale benefica per la psiche, nella misura in cui la mantiene viva proteggendola dagli agguati di ansia e depressione.

Leggi l'articolo

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Leggi l'articolo

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Leggi l'articolo

Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Leggi l'articolo

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Leggi l'articolo

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961