Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Come è possibile che un soggetto svuotato come il depresso sia capace di dare vita ad un’opera artistica? Quale rapporto c’è tra solitudine, dolore, mortificazione e spinta alla messa in forma di un testo, un dipinto, una canzone? Cosa significa questa forma di voler dire, che raggiunge l’Altro e allaccia la vita alla morte?

Per la psicoanalisi il fenomeno si spiega proprio a partire dalla vicinanza con il vuoto a cui porta lo stato depressivo. Potremmo pensare infatti al depresso come a colui che vive in maniera più intensa ciò di cui fanno esperienza tutti gli esseri umani, ossia un sentimento di fondo di mancanza che accompagna il loro essere nel mondo. Il venire amati e voluti dalla propria famiglia sicuramente attutisce questo vissuto, tuttavia non lo elimina del tutto proprio perchè non può sopperire alla radicale solitudine che accompagna ogni vita umana, condannata a non fare mai del tutto “uno” con un altro essere, a non trovare mai il completamento in qualcun altro. La ferita, lo strappo, la frustrazione dello stare al mondo accomunano tutti. Per nessuno esiste un eden di continua gratificazione, si tratta di fare i conti con il limite del nostro essere separati. Questo però non toglie che vi sia possibilità di desiderare e godere. Ma non lo si può fare ininterrottamente, in mezzo c’è un intervallo, c’è sempre da fare i conti con un meno, con una mancanza, con un vuoto inaggirabile.

Nella depressione nevrotica e per alcuni aspetti anche nella melanconia di matrice psicotica, il dolore di esistere, la condizione lesa della vita vengono percepite con particolare intensità. Spesso nella storia di soggetti che soffrono di queste forme di malessere troviamo relazioni genitoriali caratterizzate da ambivalenza, abbandono, perdita che ne acuiscono la sensibilità e amplificano il citato senso di solitudine e infondatezza esistenziale. Creare appare allora come un modo per dare voce al dolore, esteriorizzarlo attribuendogli un senso possibile, una forma pensabile. A volte la creazione appare come l’unica parentesi al dolore, diventa una sorta di supplenza a una carenza molto profonda. Ma anche nei casi meno gravi, quando in gioco vi è una tendenza melanconica di ordine nevrotico, il sollievo apportato dall’atto creativo è indubbio.

Dunque senza mancanza, senza esperienza del limite e della sofferenza non avremmo neppure arte, creazione, espressione di pensiero e di vita. Freud parlava di “sublimazione”, ovvero di possibilità per la pulsione di soddisfarsi attraverso delle vie più elevate rispetto a quella meramente sessuale. C’è quindi una vera e propria soddisfazione pulsionale nell’arte, un rapporto carnale fra artista ed opera che dura per tutto l’arco del processo creativo. Per poi riscivolare nuovamente nella separazione, nel lasciar andare, in un perpetuo movimento di andata e ritorno che interdice all’umano alcuna eterna pienezza.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.