Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Come è possibile che un soggetto svuotato come il depresso sia capace di dare vita ad un’opera artistica? Quale rapporto c’è tra solitudine, dolore, mortificazione e spinta alla messa in forma di un testo, un dipinto, una canzone? Cosa significa questa forma di voler dire, che raggiunge l’Altro e allaccia la vita alla morte?

Per la psicoanalisi il fenomeno si spiega proprio a partire dalla vicinanza con il vuoto a cui porta lo stato depressivo. Potremmo pensare infatti al depresso come a colui che vive in maniera più intensa ciò di cui fanno esperienza tutti gli esseri umani, ossia un sentimento di fondo di mancanza che accompagna il loro essere nel mondo. Il venire amati e voluti dalla propria famiglia sicuramente attutisce questo vissuto, tuttavia non lo elimina del tutto proprio perchè non può sopperire alla radicale solitudine che accompagna ogni vita umana, condannata a non fare mai del tutto “uno” con un altro essere, a non trovare mai il completamento in qualcun altro. La ferita, lo strappo, la frustrazione dello stare al mondo accomunano tutti. Per nessuno esiste un eden di continua gratificazione, si tratta di fare i conti con il limite del nostro essere separati. Questo però non toglie che vi sia possibilità di desiderare e godere. Ma non lo si può fare ininterrottamente, in mezzo c’è un intervallo, c’è sempre da fare i conti con un meno, con una mancanza, con un vuoto inaggirabile.

Nella depressione nevrotica e per alcuni aspetti anche nella melanconia di matrice psicotica, il dolore di esistere, la condizione lesa della vita vengono percepite con particolare intensità. Spesso nella storia di soggetti che soffrono di queste forme di malessere troviamo relazioni genitoriali caratterizzate da ambivalenza, abbandono, perdita che ne acuiscono la sensibilità e amplificano il citato senso di solitudine e infondatezza esistenziale. Creare appare allora come un modo per dare voce al dolore, esteriorizzarlo attribuendogli un senso possibile, una forma pensabile. A volte la creazione appare come l’unica parentesi al dolore, diventa una sorta di supplenza a una carenza molto profonda. Ma anche nei casi meno gravi, quando in gioco vi è una tendenza melanconica di ordine nevrotico, il sollievo apportato dall’atto creativo è indubbio.

Dunque senza mancanza, senza esperienza del limite e della sofferenza non avremmo neppure arte, creazione, espressione di pensiero e di vita. Freud parlava di “sublimazione”, ovvero di possibilità per la pulsione di soddisfarsi attraverso delle vie più elevate rispetto a quella meramente sessuale. C’è quindi una vera e propria soddisfazione pulsionale nell’arte, un rapporto carnale fra artista ed opera che dura per tutto l’arco del processo creativo. Per poi riscivolare nuovamente nella separazione, nel lasciar andare, in un perpetuo movimento di andata e ritorno che interdice all’umano alcuna eterna pienezza.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Disturbo bipolare, personalità borderline e schizofrenia: quali differenze diagnostiche?

Il disturbo bipolare (sindrome maniaco-depressiva) non è immediatamente riconoscibile dal disturbo borderline di personalità, perché entrambi hanno in comune una serie importante di sintomi. Inoltre, essendo presenti nei due casi sintomi psicotici, si può creare confusione con la schizofrenia.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.