Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Bulimia, obesità, dipendenza da sostanze stupefacenti, shopping compulsivo, ipocondria sono alcuni esempi di queste modalità di autocura del malessere.

La persona portatrice di un vissuto depressivo tenta cioè di alleviarlo ricorrendo al cibo o a una droga, nella riconcorsa dell’effetto vitalizzante ma aimè di breve durata successivo alla loro assunzione. La transitorietà della sospensione della paralisi psichica legata ai tempi necessariamente brevi del consumo innesca il circolo vizioso della dipendenza. Si deve ripetere l’operazione per ottenere nuovamente il beneficio atteso. Non solo, le quantità vanno aumentate, per aggirare l’inevitabile assuefazione che si genera.

La spirale di dipendenza che si viene ad instaurare è nociva non solo nei termini di un danneggiamento della salute o della perdita della libertà che comporta l’invischiamento in certe pratiche rituali. Il danno ancora maggiore lo vediamo proprio nel rinforzo alla stessa depressione che queste pratiche tentano di curare. Per la bulimica il fatto di aver ceduto alla pulsione orale, al richiamo della dispensa, dopo l’euforia iniziale la getta nello sconforto di non essere riuscita a ottemperare al suo ideale di controllo e di distacco dalle passioni, facendola sentire uno scarto. Anche l’obeso tende a sprofondare sempre più a fondo al termine di ogni abbuffata, che lo mette di fronte alla sua debolezza e ad un’immagine di sé poco desiderabile. Stesso discorso per il tossicodipendente: cessato lo stordimento sperimenta un senso di svuotamento amplificato dal malessere fisico provocato dalla droga. Anche il malato di shopping compulsivo riproduce la medesima dinamica una volta finita l’ingordigia di acquisti. Si sente di nuovo solo e in più danneggiato economicamente dall’inutile sperpero di danaro.

Un discorso a parte merita l’ipocondria. Pur non facendo parte della classe delle dipendenze, spesso accompagna soggetti depressi e si rivela anch’essa un mezzo di auto terapia. Essa infatti si profila come un modo per localizzare il malessere senza nome della depressione, dargli una causa e un luogo ben precisi. <<Sono triste, impaurito, pervaso da un senso di mortificazione perché realmente rischio la morte>> pensa inconsciamente il soggetto ipocondriaco. Il suo attivismo in controlli ed esami di ogni genere inoltre gli garantisce di rompere momentaneamente con il vissuto di fondo di stasi e paralisi esistenziale.

In tutti gli scenari descritti vediamo dunque prevalere una proliferazione di azioni momentanee e dal carattere transitorio che assumono il valore di una parentesi ossigenante rispetto alla morsa depressiva. Parentesi destinata però a richiudersi in favore di una ripresa ancor più violenta del sentimento di vuoto e di scarsa desiderabilità che avviluppa ogni depresso.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Disturbo bipolare, personalità borderline e schizofrenia: quali differenze diagnostiche?

Il disturbo bipolare (sindrome maniaco-depressiva) non è immediatamente riconoscibile dal disturbo borderline di personalità, perché entrambi hanno in comune una serie importante di sintomi. Inoltre, essendo presenti nei due casi sintomi psicotici, si può creare confusione con la schizofrenia.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.