Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Certo, la madre in origine offre un primissimo riparo al traumatismo del vivere. Poi però si tratta di fare a meno di lei, del suo conforto, del suo amore incondizionato. Pena un inchiodamento alla sua figura che impedisce ogni autonomia e possibilità di divenire se stessi.

Ecco, un nome della depressione potrebbe essere allora la nostalgia di quell'unione primitiva, di quel giardino fiorito, di quel paradiso perduto. Il rifiuto di accettarne la perdita e dunque di guardare in faccia e venire a patti con l'incompletezza, la solitudine del proprio essere ne costituirebbero il cuore misterioso. E si attiverebbero ogni volta che la vita ci mette di fronte degli inciampi, delle perdite, dei traumi, delle delusioni, dei rallentamenti.

Nella depressione diventiamo vili, paurosi, ci chiudiamo in noi stessi, siamo stanchi, svogliati, privi di energie. Ci lasciamo andare all'inerzia, all'immobilismo, al dolore di esistere. Ci ritroviamo, senza accorgercene, congelati all'istante dell'accadimento luttuoso, fissati al passato, cristallizzati nel piangere ciò che non c'è più.

Così facendo assolutizziamo il nostro patire, non vediamo che fa parte della vita, ne rifiutiamo l'esistenza, il peso e ci sembra che nulla abbia senso, che noi stessi non siamo nulla, così nudi e miseri. Lo splendore assoluto a cui aspireremmo ci sfugge, la nostra immagine ne viene intaccata, impoverita e non lo accettiamo, non ci va bene. La nostra protesta si esprime attraverso la mortificazione, la stasi, l'indifferenza.

Deprimersi significa al fondo sottrarsi al lavoro umile e faticoso di rimettere insieme i cocci dopo la caduta di un vaso liscio e prezioso, attività che non porterà mai alla restituzione della sua immagine originaria, senza sbavature e senza crepe, ma che potrà dare luogo all'inedito, ad altra cosa, ad altro vaso, creativamente, secondo un collage originale e dagli esiti imprevedibili. Radunare i pezzi sparpagliati si traduce in vita, in azione, in particolarità soggettiva, unica nella sua imperfezione. Mentre contrariamente, indugiare attoniti intorno ai frantumi schiaccia e paralizza in un rammarico senza fine, nell'impossibilità di cancellare, rendere non avvenuto l'inevitabile.

Combattere la depressione non si gioca dunque semplicemente al livello di prendere dei farmaci o sottoporsi a dei trattamenti. In questa maniera non si fa altro che medicalizzare il proprio stato, passivizzandosi ancora di più. Delegando all'Altro il compito di sanarci, di guarirci, andiamo a rinforzare la nostra posizione di fondo di impotenza e chiusura. E' come se gli dicessimo con aria di sfida: << guarda che disastro! Voglio proprio vedere se ci riesci tu a riparare il danno!>>, non volendo vedere che il danno in se' è davvero irreparabile. Il punto non sta nel sistemare tutto a posto come prima, ma, a partire dalla lesione subita, dall'evento luttuoso, rimettersi faticosamente in cammino con i mezzi che si hanno, con ciò che resta dopo la tempesta.

Questo passaggio comporta un trasferimento della responsabilità dei propri patimenti dall' Altro, dalla cattiva sorte, dal non senso della vita a se stessi. Rintracciarsi artefici del proprio male e' la primissima mossa che crea le condizioni minime per uno spostamento dalla morsa depressiva. Ciò può accadere solo attraverso un dire, un dire bene, un mettere in parola ciò che non va. Non semplicemente come sfogo fine a stesso. Ma come ricerca, autentica e non facile, dei perché più profondi e veri, spesso scomodi e pertanto difficili da dissotterrare. Al rifiuto di dire e di sapere si opporrà una nuova spinta, quella a conoscere. La mancanza, il vuoto scavato dalla perdita potrà così essere utilizzato come meccanismo propulsivo per incamminarsi verso aspre salite, in un movimento perpetuo che riallaccia al dinamismo della vita.

.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.