Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Atteggiamenti tipici di un determinato contesto non sono prelevati come tratti da cui resta comunque possibile mantenere una certa distanza, ma vengono assunti integralmente, come una divisa, a sfavore della seppur minima espressione della propria autenticità. Il ruolo prevale completamente sulla soggettività, fino al suo completo livellamento e cancellazione. Al guadagno di un'immagine socialmente approvata segue un'eclissi totale dell'essere più particolare della persona, con i relativi effetti sul piano psichico. 

 Il tratto che accomuna questi tipi di depressione è senz'altro un profondo senso di vuoto. Esso può prendere la forma o dell'apatia, dell'indifferenza, dello spegnimento di ogni vitalità, oppure al contrario dell'euforia e dell'iperattivismo sganciati però da ogni dimensione di vero piacere e di vera gioia.  L'eccesso di adeguamento mimetico alle richieste della realtà e ai modelli imposti svuota l'essere umano, rendendolo simile ad una macchina performante ma priva del sentimento della vita. La sofferenza del provare ad essere se stessi, il conflitto, il fallimento, l'erranza vengono neutralizzati attraverso l'identificazione massiccia ad un sembiante sociale. Ma, insieme ai patimenti, in questi soggetti scompaiono pure le gioie, sparisce la vita stessa.

Un noto psicoanalista inglese, Christopher Bollas, definisce tali personalità "normotiche". In effetti sono persone "anormalmente normali", troppo normali, troppo conformiste. Spesso accade che abbiano successo all'interno di ambienti professionali che non incentivano creatività o indipendenza di pensiero, ma che privilegiano al loro interno la rigida osservazione di regole e protocolli. Il loro disagio è tendenzialmente invisibile, sembrano appunto "normali". Dentro sono morti ma nessuno se ne accorge, nemmeno loro stessi. 

Finiscono con il chiedere aiuto quando si trovano nella condizione di sentire finalmente qualcosa, frequentemente a partire proprio da un vacillamento del loro ruolo. Tipicamente un insuccesso lavorativo li getta nella disperazione più nera. Allora le emozioni, prima assenti, diventano travolgenti, ingovernabili. Capita anche che il loro malessere interiore diventi manifesto quando sono chiamati ad agire creativamente, quando per esempio devono prendere delle decisioni o più in generale in tutte quelle situazioni della vita in cui non basta seguire un modello ma bisogna attingere alla parte più profonda di se stessi, alla propria soggettività. L'amore spesso è un territorio che mette in difficoltà, perché fa appello a gusti e sentimenti personali. Un incontro davvero significativo  può avere il potere di svegliare dal torpore, con tutto il correlato destabilizzante che tale risveglio finisce per provocare.    


La depressione di cui patisce un soggetto eccessivamente incollato ai diktat sociali di  comportamento non è dunque connotata dall'intensità della sofferenza e del dolore psichico, bensì da una forma di malessere inavvertibile, freddo, sordo. È il vuoto.  La terapia punterà preliminarmente a discriminare i casi in cui sia possibile allentare l'irrigidimento delle difese da quelli in cui esse vadano invece rinforzate, per prevenire o richiudere una pericolosa disgregazione interiore. Di solito chi può fare un buon lavoro nel senso del recupero della propria personalità ad un certo punto avverte il senso di essersi perso e di aver smarrito desiderio e vitalità. Il fatto di poter vedere  di essersi difensivamente rifugiati in un mondo di certezze che non  rappresentano davvero ciò che si è appare come un ottimo indice per addentrarsi in un lavoro non sempre facile di ricerca di se stessi.     

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.