Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Un progetto o una persona facevano sentire profondamente vivi, ma anche destabilizzati, in balia dell'incertezza e della precarietà. E allora indietreggiare era parsa come una comoda via d'uscita, un tornare alle rassicuranti ed insoddisfacenti sicurezze di sempre.

Quando non osiamo, quando preferiamo non perdere nulla in termini di confort e di benessere, invariabilmente veniamo puniti con una flessione del tono dell'umore. I nostri occhi, ad uno sguardo attento, nonostante la facciata di sorrisi e padronanza, tradiscono una sorda infelicità.Tentiamo di distrarci con mille impegni ed attività, ma nel nostro intimo quella sensazione soffocante di incompiutezza non ci dà tregua. Magari apparentemente la nostra vita è perfetta: un buon compagno, un buon lavoro. Ma qualcosa manca. Manca la scintilla del desiderio, le nostre giornate sono amministrate più che assaporate e vissute.

Cosa fare? Certo non si tratta di buttare impulsivamente tutto all'aria. Nè di continuare a crogiolarci nel rimpianto di ciò che avrebbe potuto essere e non è stato. Guardarsi indietro, rileggere il passato ha senso solo per poter cogliere la logica che ha finito per determinare la situazione attuale. Perde tutto il suo valore invece se diventa un ruminare ossessivamente sulle occasioni perdute, come un voler tornare indietro per cancellare quello che è stato. La realtà del passato non è modificabile. Ciò che può mutare è il nostro modo di approccio a ciò che ci spaventa, solo se però iniziamo a guardarci onestamente dentro, a conoscere i nostri lati più nascosti, quella verità che ci riguarda e di cui per stare tranquilli non abbiamo voluto sapere proprio nulla...

Nel dare voce al nostro inconscio, alla parte in ombra e creativa di noi stessi, piano piano recuperiamo un contatto intimo con desideri ed aspirazioni, ci apriamo nuovamente alla dimensione della sorpresa e dell'incontro. Oggi, nel qui ed ora.Rinunciamo all'aspirazione al controllo, ci esponiamo con rinnovato entusiasmo a situazioni ed eventi nuovi, così come magari notiamo per la prima volta ciò che è stato a lungo sotto i nostri occhi e non abbiamo visto per anni.

Una psicoterapia psicoanalitica non è un percorso breve e non risolve magicamente le cose che non sono andate bene per una vita. Ma nel tempo, con pazienza, produce veri e propri rovesciamenti di prospettiva. Combatte la depressione non perché la aggredisce frontalmente con tecniche o manovre che non coinvolgono chi le subisce passivamente. La contrasta proprio perché riattiva, attraverso la parola e una buona relazione terapeutica, le energie vitali assopite di chi domanda aiuto. A lui è richiesto uno sforzo preliminare, senza il quale non può esserci nessuna terapia.

Lo sforzo di parlare, di raccontarsi, di dire di sè non è aggirabile. Così come quello di ascoltarsi davvero, di farsene qualcosa di ciò che si è dissotterrato e messo in parola con tanta fatica. Il tutto in presenza di un uditore sicuramente sollecito nel sostenere questa parola, assolutamente di sostegno nella difficoltà, ma nello stesso tempo instancabilmente in attesa di un movimento soggettivo da parte del suo paziente, anche fosse maldestro, incerto e a rischio di caduta.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.