La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Certo, può finire con l’incistarsi, fino a ridurre le nostre possibilità espressive ad un’unica tinta opaca. Dominando tutta la nostra vita psichica. Impedendo qualsiasi possibilità di vivere, osare, andare avanti.

Non esiste dunque una sola depressione. Varia di intensità, da un leggero sottofondo malinconico a un senso di totale disperazione. Ma varia anche nella durata, può essere intermittente, passeggera o accompagnare incessantemente le nostre giornate.

Vi sono poi soggetti più predisposti a viverla, magari in virtù delle loro prime esperienze di vita. Tuttavia non interessa soltanto una specifica categoria di persone. La sua specificità è quella, pur con le citate differenze di intensità e di durata, di riguardare tutti. Tutti, prima o poi, la incontrano.

Incontriamo la depressione perché siamo strutturalmente fragili, limitati. Freud parlava di Hilflosichkeit, che tradotto in italiano significa “mancanza di aiuto”, inermità. Per il padre della psicoanalisi questa era la condizione nella quale l’uomo veniva al mondo. Solo e senza scuse. Gettato.

La depressione è allora legata allo stato di solitudine radicale dell’essere umano. Che i legami umani possono alleviare, curare ma non eliminare del tutto.

A questo punto si capisce bene perché la depressione si manifesta soprattutto come conseguenza delle perdite. Perdere una persona cara significa vivere di nuovo la sensazione di smarrimento e di insufficienza che la sua presenza teneva lontano. Quando siamo amati, quando viviamo il conforto del legame il senso di solitudine esistenziale, di essere una povera cosa sembra non esistere più. Al suo posto c’è il valore che abbiamo per l’Altro.

Anche perdere un lavoro, una posizione sociale, la salute per via di una malattia ingenerano lo stesso meccanismo. La ferita primordiale si riapre. E una sensazione di insensatezza rischia di trascinarci via.

Nelle grandi città, come ad esempio Milano, questo fenomeno è amplificato per via della precarietà dei legami e dell’esposizione conseguente alla solitudine. Uno psicologo a Milano può allora fare molto, riflettere su questi temi ha un potere terapeutico fortissimo. Spinge verso l’integrazione ed accettazione della nostra vera natura, quella autentica. Aiuta a capire cosa ci succede quando la depressione bussa alla nostra porta. Rendendola così un po’ più tollerabile.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.