La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Arriva in punta di piedi, ma quando stringe la sua morsa significa che siamo nel pieno della crisi. Non è facile uscirne con rapidità. La risalita è altrettanto lenta della discesa.

Quali sono i segni premonitori che possono preludere ad un attacco? Da cosa cioè si riconosce l’arrivo di una depressione? Può trattarsi di un generale senso di apatia, una svogliatezza insolita per il nostro modo di essere. Si può notare un graduale allontanamento dalle relazioni sociali, una tendenza ad isolarsi, a rifiutare inviti ed occasioni di convivialità. Il tutto è accompagnato dal senso di una diminuzione del nostro valore personale. Iniziamo a sentirci invadere dal vuoto, come se non avessimo nulla da dire o da dare agli altri. Ciò può aprire la via a dei sensi di colpa, ci giudichiamo con una severità che non conoscevamo. Se stiamo così infondo è tutta colpa nostra, pensiamo. Che non abbiamo la forza, il mordente per darci da fare e sorridere.

La depressione si instaura nel momento in cui questi segnali, dapprima sfumati e appena percettibili, si amplificano, fino a dominare del tutto le nostre giornate. Allora ecco che la svogliatezza si trasforma in paralisi totale, attività banali come curare il proprio aspetto o la casa appaiono estremamente difficoltose. La tendenza ad isolarsi diventa non riuscire ad uscire nemmeno dalla propria abitazione. Il sentimento strisciante di vuoto diventa certezza che nulla abbia senso, niente e nessuno valgano davvero la pena di esistere. Noi in primis ci sentiamo invasi dal nulla, l’iniziale svalutazione di sé lascia il posto a un disprezzo e una ferocia che possono condurre fino a gesti estremi.

La violenza e la pervasività dei sintomi descritti variano da persona a persona. Quando si parla di depressione bisogna tener presente che non ne esiste una sola forma uguale per tutti. L’intensità delle sue tonalità può essere molto diversa in individui che ne soffrono, anche se il colore di base rimane lo stesso. Esistono pertanto depressioni più gravi e depressioni meno gravi in termini di eccessi a cui può portare la malattia.

Ma non solo. La gravità è legata anche alla sua logica di scatenamento. Se la perdita rimane una delle condizioni trasversali alla depressione, è importante stabilire di che tipo di perdita si tratta.

Se è in gioco la perdita della propria immagine ideale, che per via di eventi spiacevoli si è confrontata con un brusco ridimensionamento, siamo nel campo di un disturbo che ha buone probabilità di ripresa. Ad esempio un manager di successo che perde il lavoro si trova faccia a faccia con un volto di sé vulnerabile, dal quale magari era rifuggito per tutta una vita. Un lavoro terapeutico può permettere di guardare finalmente senza paura anche le proprie fragilità, integrate le quali poter poi tornare a creare ed essere attivi con una nuova consapevolezza di sé.

Se invece è in gioco la perdita di strategie compensatorie trovate per far fronte a vuoti e carenze più arcaici, radicali e pervasivi, allora il percorso di recupero prevede la ricerca di nuovi fattori protettivi, piccole stampelle che aiutano a impostare e mantenere uno stile di vita accettabile.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Lutto e depressione: somiglianze e differenze

 

Uno stato luttuoso successivo ad una perdita, sia essa di una persona, di un lavoro o di una condizione esistenziale, spesso ad un occhio non esperto non appare distinguibile dalla depressione. In comune vi sono infatti alcune manifestazioni tipiche: un profondo e doloroso scoramento, una perdita di interesse per il mondo esterno e per la maggior parte delle attività quotidiane e un affievolimento della capacità di amare.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.