La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Tocchiamo con mano la nostra limitatezza e vulnerabilità: sperimentiamo di non essere poi così importanti per l'Altro come credevamo. Ma vedere questa nostra imperfezione non ci fa piacere. Ognuno di noi  desidera mostrare un’immagine positiva di se stesso ai propri e altrui occhi. Ognuno desidera essere desiderabile per l'Altro.

Chi riesce a rimarginare tale ferita, aperta dalla perdita del riferimento sicuro dell'Altro? E chi invece cade in una vera e propria depressione?

Colui che supera con successo i torti e le delusioni inflitte dall’Altro non si limita ad attribuire a lui colpe ed insufficienze. Incolpare sempre l’Altro è una strategia per non mettersi in discussione ma è vincente solo nel breve periodo. Alla lunga ci si trova da soli, in un isolamento che può nuovamente favorire l’insorgenza della depressione. Chi dunque reagisce in maniera equilibrata a un proprio fallimento o a una propria impotenza prende atto della situazione, non si rifiuta di guardarla così come è. Non si attacca al periodo mitico del “prima” ma decide di affrontare l’”oggi”. Di fatto ridimensiona l’immagine di sé, integrando la nuova nella vecchia. Con un effetto liberatorio: si concede di essere quel che è. Limiti inclusi. Si autorizza a vivere e a desiderare nuovamente, tollerando il rischio di ulteriori fallimenti e delusioni nella relazione con l’Altro.

Cosa accade invece a chi scivola verso la depressione conclamata? A livello inconscio rimane agganciato al momento della perdita. Si rifiuta di lasciare andare ciò che ha perso, perché questo significherebbe confrontarsi con la mancanza che si è aperta in lui, con la propria limitatezza. Così il dolore non passa mai, la tristezza è sempre quella del primo momento, non si smorza, non si affievolisce. Col passare del tempo i pensieri e i comportamenti sono identici a quelli esibiti nei giorni immediatamente successivi all’evento scatenante. Questo lamento incessante impedisce un lavoro di rielaborazione dell’immagine di sé. Non consente di rimettersi in gioco nelle relazioni e più in generale in progetti di vita. <<Tanto tutto è destinato al fallimento>> - si dice il depresso - <<a che pro provare di nuovo? Perché esporsi a rischi? Meglio la rinuncia, meglio l’arido e desolante confort dell’ isolamento, meglio il lamento rispetto all’incontro con l’umiliazione del fallimento!>>.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.