Le ricchezze della timidezza

Nella società contemporanea essere introversi, riservati, di fondo timidi può sembrare a prima vista un handicap. Il modello culturale dominante tende infatti a incentivare chi si esibisce, chi è abile cioè, sul lavoro, nelle situazioni sociali o nei confronti dell'altro sesso, a catalizzare l'attenzione degli altri su di se', attraverso un certo uso del linguaggio e del corpo.

A questa capacità di imporsi sulla scena quasi mai si associano anche sostanza e spessore. Chi prevarica, chi sgomita, chi si mette in evidenza viene notato non per cosa dice ma per la sicurezza con cui si esprime e si atteggia. Non è nemmeno detto che piaccia e che riscuota un effettivo successo: di fatto però appare, e questo semplice elemento lo pone in una condizione favorevole rispetto ai suoi interlocutori più riflessivi e attenti ai contenuti.

Ma siamo sicuri che questo vantaggio sia poi così significativo? Che non si traduca in successo di superficie e di breve durata? Essere estremamente trasmittenti, comunicatori, vivaci, iper estroversi cattura sulle prime, seduce, ma espone anche al rischio di annoiare, di risultare pesanti, scontati. Chi parla molto, chi riversa il suo essere sugli altri come un libro aperto, alla lunga infastidisce, perché non da' il giusto spazio all'altro, non lo valorizza, comunicandogli la sensazione di essere trasparente, non degno di interesse. Inoltre è facile che commetta delle gaffes, poiché la sua lettura dell'altro, spesso molto rapida e superficiale, lo porta a non inquadrare con precisione chi ha davanti.

Il timido dunque, se è difficile che sia d'impatto in una conversazione, in un contesto sociale, non necessariamente avrà meno successo di un estroverso, semplicemente incorrerà in difficoltà diverse. Essendo chiuso e riservato, ci mette più tempo ad aprirsi e a dare evidenza della sua interiorità, generalmente molto profonda e ricca. Spesso viene anche scambiato per un individuo snob e presuntuoso, iper selettivo nelle relazioni e freddo. Una volta entrati in contatto con lui, superata la barriera, diventa però facile accorgersi che la sua natura differisce dall'immagine che comunica. Ad un apparente distacco emotivo corrispondono al contrario sensibilità e passionalità, tenute a freno da una proverbiale capacità di controllo che, se da un parte ne limita la spontaneità, dall'altra ne fa però anche un soggetto stabile e in grado di non essere capricciosamente sbatacchiato dalle pulsioni del momento.

Le ricchezze della timidezza sono allora davvero tante e sempre di più vengono apprezzate a vari livelli, al di la' dello stereotipo culturale che associa sfrontatezza e successo. Sul lavoro per esempio la capacità ricettiva del timido, la sua sensibilità verso l'altro, la sua abilità nell' ascolto e nell' osservazione lo rendono prezioso nella gestione dei delicati rapporti con clienti e collaboratori. Inoltre la sua riflessività e capacità introspettiva lo premiano in tutte quelle professioni che prevedono doti analitiche e creatività. Nell'amore, il saper valorizzare l'altro, la curiosità vera e spassionata nei suoi confronti, la profondità di lettura che non sfocia mai in giudizio, lo predispongono a una comunione autentica e a tratti "mistica".

Certo, la timidezza a volte, quando è molto marcata, quando si associa a una forte inibizione, fa soffrire chi la vive, andandone in certi casi a limitare pesantemente le possibilità espressive. Dietro a questa ipertrofia del controllo vi possono essere fattori legati a un'infanzia vissuta in un ambiente familiare molto repressivo e soffocante. In questi casi un lavoro psicoterapeutico può lentamente autorizzare una distensione di tale assetto difensivo, andando a sciogliere piano piano dei nodi rimasti irrisolti. Di sicuro non trasforma il timido in un estroverso, ma ne tempera piuttosto la componente auto invalidante, favorendo una messa in valore della ricchezza e dell'unicità insite in una personalità un po' diversa dai canoni ma viva e presente.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.