Le ricchezze della timidezza

Nella società contemporanea essere introversi, riservati, di fondo timidi può sembrare a prima vista un handicap. Il modello culturale dominante tende infatti a incentivare chi si esibisce, chi è abile cioè, sul lavoro, nelle situazioni sociali o nei confronti dell'altro sesso, a catalizzare l'attenzione degli altri su di se', attraverso un certo uso del linguaggio e del corpo.

A questa capacità di imporsi sulla scena quasi mai si associano anche sostanza e spessore. Chi prevarica, chi sgomita, chi si mette in evidenza viene notato non per cosa dice ma per la sicurezza con cui si esprime e si atteggia. Non è nemmeno detto che piaccia e che riscuota un effettivo successo: di fatto però appare, e questo semplice elemento lo pone in una condizione favorevole rispetto ai suoi interlocutori più riflessivi e attenti ai contenuti.

Ma siamo sicuri che questo vantaggio sia poi così significativo? Che non si traduca in successo di superficie e di breve durata? Essere estremamente trasmittenti, comunicatori, vivaci, iper estroversi cattura sulle prime, seduce, ma espone anche al rischio di annoiare, di risultare pesanti, scontati. Chi parla molto, chi riversa il suo essere sugli altri come un libro aperto, alla lunga infastidisce, perché non da' il giusto spazio all'altro, non lo valorizza, comunicandogli la sensazione di essere trasparente, non degno di interesse. Inoltre è facile che commetta delle gaffes, poiché la sua lettura dell'altro, spesso molto rapida e superficiale, lo porta a non inquadrare con precisione chi ha davanti.

Il timido dunque, se è difficile che sia d'impatto in una conversazione, in un contesto sociale, non necessariamente avrà meno successo di un estroverso, semplicemente incorrerà in difficoltà diverse. Essendo chiuso e riservato, ci mette più tempo ad aprirsi e a dare evidenza della sua interiorità, generalmente molto profonda e ricca. Spesso viene anche scambiato per un individuo snob e presuntuoso, iper selettivo nelle relazioni e freddo. Una volta entrati in contatto con lui, superata la barriera, diventa però facile accorgersi che la sua natura differisce dall'immagine che comunica. Ad un apparente distacco emotivo corrispondono al contrario sensibilità e passionalità, tenute a freno da una proverbiale capacità di controllo che, se da un parte ne limita la spontaneità, dall'altra ne fa però anche un soggetto stabile e in grado di non essere capricciosamente sbatacchiato dalle pulsioni del momento.

Le ricchezze della timidezza sono allora davvero tante e sempre di più vengono apprezzate a vari livelli, al di la' dello stereotipo culturale che associa sfrontatezza e successo. Sul lavoro per esempio la capacità ricettiva del timido, la sua sensibilità verso l'altro, la sua abilità nell' ascolto e nell' osservazione lo rendono prezioso nella gestione dei delicati rapporti con clienti e collaboratori. Inoltre la sua riflessività e capacità introspettiva lo premiano in tutte quelle professioni che prevedono doti analitiche e creatività. Nell'amore, il saper valorizzare l'altro, la curiosità vera e spassionata nei suoi confronti, la profondità di lettura che non sfocia mai in giudizio, lo predispongono a una comunione autentica e a tratti "mistica".

Certo, la timidezza a volte, quando è molto marcata, quando si associa a una forte inibizione, fa soffrire chi la vive, andandone in certi casi a limitare pesantemente le possibilità espressive. Dietro a questa ipertrofia del controllo vi possono essere fattori legati a un'infanzia vissuta in un ambiente familiare molto repressivo e soffocante. In questi casi un lavoro psicoterapeutico può lentamente autorizzare una distensione di tale assetto difensivo, andando a sciogliere piano piano dei nodi rimasti irrisolti. Di sicuro non trasforma il timido in un estroverso, ma ne tempera piuttosto la componente auto invalidante, favorendo una messa in valore della ricchezza e dell'unicità insite in una personalità un po' diversa dai canoni ma viva e presente.

Altri articoli sul disagio esistenziale

Siamo vittime o responsabili?

E' incontestabile la subordinazione di ciascun essere umano all'ambiente che lo accoglie fin dal suo ingresso nel mondo. Il desiderio dei genitori, le loro ambizioni e aspettative condizionano e plasmano inevitabilmente la materia che costituisce ogni soggettività. Facendo sì che essa sia sempre frutto di un passato, di una storia, di un Altro che ci ha preceduto.

Leggi l'articolo

Narcisismo patologico: cause, effetti, rimedi.

Narcisismo sano e narcisismo patologico

Il narcisismo in sé non rappresenta una patologia. Freud ci insegna come un buon investimento di energia libidica sul proprio Io (noto come amor proprio) sia fondamentale ai fini dell'equilibrio psichico.

Leggi l'articolo

Limiti della psichiatria istituzionale: la voce di Eugenio Borgna

Eugenio Borgna, primario di Psichiatria dell'Ospedale Maggiore di Novara, è stato allievo di uno dei più insigni maestri di fenomenologia in Italia, Enrico Morselli.

Leggi l'articolo

L'insuccesso

Incorrere in un insuccesso, amoroso o lavorativo, è un evento diventato destabilizzante per l’uomo di oggi. In effetti fin da bambino avevano stabilito per lui vari traguardi da raggiungere. Nella scuola, nello sport, nelle relazioni.

Leggi l'articolo

Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

Leggi l'articolo

Ambizione o desiderio autentico?

Spesso si utilizza genericamente il termine ambizione per indicare l'attitudine di un individuo a far emergere la propria individualità in un determinato campo di interesse. Essa si accompagna solitamente al raggiungimento di un riconoscimento da parte dell'ambiente di riferimento, in termini di notorietà, prestigio e valorizzazione economica.

Leggi l'articolo

Il lutto

Quando subiamo una perdita di solito attraversiamo un periodo in cui siamo tristi, svogliati, chiusi in noi stessi e non a nostro agio con gli altri. Può capitare di sentirsi ansiosi, posseduti dall’attesa di un pericolo imminente.

Leggi l'articolo

La persona è sempre altro rispetto al suo disagio

Per la psicoanalisi, al pari di ogni vero e interessante approccio all'umano, ogni soggetto sintomatico resta sempre altro rispetto alla sua malattia. La diagnosi è uno strumento utile, di cui il clinico si avvale per classificare, riconoscere e dunque dare un nome al disagio che affligge una persona.

Leggi l'articolo

La sindrome di Asperger: luci e ombre


La sindrome di Asperger fa parte della categoria dei Disturbi pervasivi dello sviluppo. Essi comportano la compromissione dello sviluppo psichico del bambino per ciò che concerne la socialità, la comunicazione verbale e non verbale e il repertorio di attività e interessi.

Leggi l'articolo

Vedere ascoltando

Ascoltare è il mestiere dello psicoanalista. A lui non servono occhi per "vedere" i suoi pazienti, il suo approccio all'umano mette fra parentesi lo sguardo, inteso come catalogazione, giudizio, misura, conoscenza a priori. A pensarci bene infatti la vista espone all'abbaglio, alla fascinazione così come alla repulsione perché coglie dell'altro caratteristiche meramente esteriori e superficiali.

Leggi l'articolo

Le ricchezze della timidezza

Nella società contemporanea essere introversi, riservati, di fondo timidi può sembrare a prima vista un handicap. Il modello culturale dominante tende infatti a incentivare chi si esibisce, chi è abile cioè, sul lavoro, nelle situazioni sociali o nei confronti dell'altro sesso, a catalizzare l'attenzione degli altri su di se', attraverso un certo uso del linguaggio e del corpo.

Leggi l'articolo

Femminilità e apertura al desiderio dell'Altro: quando diventa masochismo

La femminilità comporta strutturalmente una sensibilità speciale al desiderio dell'Altro. Questo significa che una donna, nel momento in cui sperimenta una delusione affettiva o amorosa, può facilmente andare incontro a sentimenti di svalorizzazione, di caduta depressiva ai limiti della depersonalizzazione.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961