La malattia "normotica"

Quando si pensa a problematiche di ordine psicologico viene quasi immediato riferirsi a situazioni di disadattamento rispetto alla realtà. Nell'immaginario collettivo cioè la persona sofferente di disturbi psichici è quella che incontra, in maniera più o meno marcata, delle difficoltà nel fronteggiare i compiti e le sfide della vita, preferendo il rifugio nel mondo della fantasia. Questa visione può per certi versi essere condivisibile, benché tenda a ridurre la complessità della questione.

Chi può dirsi del tutto esente dall'incontrare delle empasse in rapporto alle esigenze della realtà? È poi così " patologico" avere una ricca vita interiore? Certo, se quest'ultima si sviluppa in maniera tale da sostituirsi integralmente a ciò che sta fuori la gravità della situazione è fuor di dubbio. Entriamo infatti nel mondo della psicosi. Esiste tuttavia un' altra forma patologica, altrettanto grave ma meno facilmente identificabile, che appare figlia del meccanismo esattamente opposto: l' eccesso di adeguamento alla realtà che schiaccia e azzera qualsiasi interiorità.

Christopher Bollas, un noto psicoanalista inglese, la chiama "malattia normotica". Il normotico, al contrario dell'alienato "classico", tutto ritirato nel suo mondo, è perfettamente adeguato all'ambiente. Ma lo è troppo. È talmente ancorato alla realtà percepita oggettivamente da non essere più per nulla in contatto con la sua soggettività, che finisce così per essere completamente cancellata. Il suo essere si svuota, diventando un oggetto materiale fra i vari prodotti manufatti che lo circondano.

Una persona normotica è dunque anormalmente normale. È troppo stabile, troppo sicura, troppo estroversa. Non ha sbalzi d'umore e appare eccezionalmente stabile e sana. Si interessa solo dei fatti oggettivi, lasciando perdere tutto ciò che ha a che fare con l' introspezione e l'immaginazione. Generalmente misura il valore delle persone nei termini di quantità di oggetti posseduti. Non è in grado di sviluppare una vera intimità con un altro essere umano, per cui le sue relazioni sono caratterizzate dal reciproco racconto delle cose avvenute, dalla cronaca piuttosto che del vissuto soggettivo. L' amore e l' amicizia sono molto simili ai suoi acquisti, non chiamano in causa la sua interiorità.

Dove cominciano i problemi per questo individuo anormalmente normale? A prima vista si potrebbe dire che la sua superficialità lo protegga efficacemente dal dolore e dalla sofferenza. Saremmo portati a pensare ad un' esistenza al riparo da inciampi e malesseri. A ben vedere invece le cose non stanno proprio così. Nel corso di una vita è infatti impossibile sottrarsi del tutto dall' incontro con circostanze che spingono a vivere esperienze davvero toccanti, quali ad esempio la morte di una persona cara, la malattia, la perdita di un lavoro, l'amore. Il normotico sulle prime tenta di fronteggiarle nella sua solita maniera, concentrandosi sui fatti e rifugiandosi in slogan e frasi fatte. Ma può accadere che queste difese crollino, lasciandolo del tutto sprovvisto di strumenti per elaborare ciò che gli sta accadendo. Non sapendo come si fa a fronteggiare un problema di natura affettiva e trovandosi alle prese con uno sgretolamento dei suoi usuali sistemi di controllo, ricorre ad espedienti esterni che lo aiutino ad anestetizzarsi. Lo vediamo ad esempio rifugiarsi nell'alcol o nell'iperattività.

Solo quando le compensazioni del normotico vengono meno si evidenzia in maniera plateale il suo disagio, coperto efficacemente dalla tuta mimetica della sua normalità. Bere, ammazzarsi di lavoro, dedicarsi compulsivamente allo sport, ricorrere massicciamente all'uso di psicofarmaci o droghe sono dei modi con i quali tenta di richiudere la voragine aperta in lui dall'essere interpellato come soggetto. Certe situazioni ed esperienze infatti costituiscono un cimento e un dolore per tutti, ma chi riesce a farvi fronte senza soccombere completamente ce la fa perché può attingere ad una ricchezza interiore che a questi soggetti manca completamente.

Ecco perché raramente chiedono aiuto, non ne hanno motivo, vivendo per l'appunto una vita assolutamente normale. Quando lo fanno è perché sono alle prese con il crollo. Cercano l'aiuto di un analista per trovare un modo per sentirsi reali o per simboleggiare una sofferenza che a loro arriva solo sotto forma di senso di vuoto. Il terapeuta li aiuterà allora a sviluppare nel tempo un loro tratto soggettivo, idiomatico, in modo da rendere superflue o meno rigide le loro barriere difensive.

Altri articoli sul disagio esistenziale

La giovinezza nella contemporaneità: parla Alain Badiou

Alain Badiou, uno dei massimi filosofi viventi, con il suo "La vera vita. Appello alla corruzione dei giovani" ci regala un'originale lettura della condizione giovanile nella contemporaneità. 

Leggi l'articolo

Ipocondria e rapporto con l'Altro

Il termine ipocondria si riferisce ad un disturbo psichico in cui al centro prevale la preoccupazione di aver contratto una grave malattia, in assenza di vere ed oggettive evidenze a riguardo. Sintomi comuni come un mal di pancia o un'eruzione cutanea vengono immediatamente presi come segni di una patologia invalidante, ingenerando un vortice di pensieri catastrofici ed un'intensificazione conseguente di ricerche e visite mediche. L'ossessione circa la possibilità di essere malati non si smorza a seguito di indagini mediche e controlli anche approfonditi, mostrando un certo grado di indipendenza rispetto ai dati di realtà.

Leggi l'articolo

Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

Leggi l'articolo

Il lutto

Quando subiamo una perdita di solito attraversiamo un periodo in cui siamo tristi, svogliati, chiusi in noi stessi e non a nostro agio con gli altri. Può capitare di sentirsi ansiosi, posseduti dall’attesa di un pericolo imminente.

Leggi l'articolo

La persona è sempre altro rispetto al suo disagio

Per la psicoanalisi, al pari di ogni vero e interessante approccio all'umano, ogni soggetto sintomatico resta sempre altro rispetto alla sua malattia. La diagnosi è uno strumento utile, di cui il clinico si avvale per classificare, riconoscere e dunque dare un nome al disagio che affligge una persona.

Leggi l'articolo

Creatività o compiacenza?

In psicoanalisi utilizziamo il termine creatività non solo per indicare la capacità di dare vita ad opere d’arte. Sulla scia dell’insegnamento di Donald W. Winnicott, per noi acquista un significato più ampio, nella misura in cui la intendiamo come quell’atteggiamento di fondo nei confronti della realtà esterna che sta alla base dell’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta.

Leggi l'articolo

Ripartire dopo scelte sbagliate

Come riprendere in mano la propria vita a seguito delle conseguenze nefaste di scelte sbagliate? Come non soccombere alla tentazione di rifugiarsi nel diniego della realtà o nella disperazione? Come non sommare altri errori a quelli già fatti? In altre parole: come arrestare l' "effetto domino" di negatività spesso innescato da un atto impulsivo?

Leggi l'articolo

Ambizione o desiderio autentico?

Spesso si utilizza genericamente il termine ambizione per indicare l'attitudine di un individuo a far emergere la propria individualità in un determinato campo di interesse. Essa si accompagna solitamente al raggiungimento di un riconoscimento da parte dell'ambiente di riferimento, in termini di notorietà, prestigio e valorizzazione economica.

Leggi l'articolo

Vedere ascoltando

Ascoltare è il mestiere dello psicoanalista. A lui non servono occhi per "vedere" i suoi pazienti, il suo approccio all'umano mette fra parentesi lo sguardo, inteso come catalogazione, giudizio, misura, conoscenza a priori. A pensarci bene infatti la vista espone all'abbaglio, alla fascinazione così come alla repulsione perché coglie dell'altro caratteristiche meramente esteriori e superficiali.

Leggi l'articolo

Il trauma

Spesso il malessere che ci assale può essere riconducibile ad un trauma che abbiamo subito nel nostro passato. Ma cosa si intende per trauma? In un certo senso l’esistenza stessa è traumatica. Perché confronta tutti, prima o poi, con il sentimento di impotenza.

Leggi l'articolo

Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Cosa ci impedisce di realizzare davvero le nostre vite? Perché rimaniamo così facilmente impigliati nelle aspettative degli altri a tal punto da smarrire la bussola interiore dei nostri desideri più profondi? Cosa ci trattiene in realtà? Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Leggi l'articolo

Quando il desiderio si eclissa

Moltissime situazioni di sofferenza psicologica, sia nei giovani che negli adulti, hanno alla base la percezione di essersi persi, di brancolare nel buio, di non sapere più bene che cosa si vuole veramente. Un’insonnia, una certa apatia, un’ansia prima sconosciute ad un certo punto della vita compaiono sulla scena.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961