La malattia "normotica"

Quando si pensa a problematiche di ordine psicologico viene quasi immediato riferirsi a situazioni di disadattamento rispetto alla realtà. Nell'immaginario collettivo cioè la persona sofferente di disturbi psichici è quella che incontra, in maniera più o meno marcata, delle difficoltà nel fronteggiare i compiti e le sfide della vita, preferendo il rifugio nel mondo della fantasia. Questa visione può per certi versi essere condivisibile, benché tenda a ridurre la complessità della questione.

Chi può dirsi del tutto esente dall'incontrare delle empasse in rapporto alle esigenze della realtà? È poi così " patologico" avere una ricca vita interiore? Certo, se quest'ultima si sviluppa in maniera tale da sostituirsi integralmente a ciò che sta fuori la gravità della situazione è fuor di dubbio. Entriamo infatti nel mondo della psicosi. Esiste tuttavia un' altra forma patologica, altrettanto grave ma meno facilmente identificabile, che appare figlia del meccanismo esattamente opposto: l' eccesso di adeguamento alla realtà che schiaccia e azzera qualsiasi interiorità.

Christopher Bollas, un noto psicoanalista inglese, la chiama "malattia normotica". Il normotico, al contrario dell'alienato "classico", tutto ritirato nel suo mondo, è perfettamente adeguato all'ambiente. Ma lo è troppo. È talmente ancorato alla realtà percepita oggettivamente da non essere più per nulla in contatto con la sua soggettività, che finisce così per essere completamente cancellata. Il suo essere si svuota, diventando un oggetto materiale fra i vari prodotti manufatti che lo circondano.

Una persona normotica è dunque anormalmente normale. È troppo stabile, troppo sicura, troppo estroversa. Non ha sbalzi d'umore e appare eccezionalmente stabile e sana. Si interessa solo dei fatti oggettivi, lasciando perdere tutto ciò che ha a che fare con l' introspezione e l'immaginazione. Generalmente misura il valore delle persone nei termini di quantità di oggetti posseduti. Non è in grado di sviluppare una vera intimità con un altro essere umano, per cui le sue relazioni sono caratterizzate dal reciproco racconto delle cose avvenute, dalla cronaca piuttosto che del vissuto soggettivo. L' amore e l' amicizia sono molto simili ai suoi acquisti, non chiamano in causa la sua interiorità.

Dove cominciano i problemi per questo individuo anormalmente normale? A prima vista si potrebbe dire che la sua superficialità lo protegga efficacemente dal dolore e dalla sofferenza. Saremmo portati a pensare ad un' esistenza al riparo da inciampi e malesseri. A ben vedere invece le cose non stanno proprio così. Nel corso di una vita è infatti impossibile sottrarsi del tutto dall' incontro con circostanze che spingono a vivere esperienze davvero toccanti, quali ad esempio la morte di una persona cara, la malattia, la perdita di un lavoro, l'amore. Il normotico sulle prime tenta di fronteggiarle nella sua solita maniera, concentrandosi sui fatti e rifugiandosi in slogan e frasi fatte. Ma può accadere che queste difese crollino, lasciandolo del tutto sprovvisto di strumenti per elaborare ciò che gli sta accadendo. Non sapendo come si fa a fronteggiare un problema di natura affettiva e trovandosi alle prese con uno sgretolamento dei suoi usuali sistemi di controllo, ricorre ad espedienti esterni che lo aiutino ad anestetizzarsi. Lo vediamo ad esempio rifugiarsi nell'alcol o nell'iperattività.

Solo quando le compensazioni del normotico vengono meno si evidenzia in maniera plateale il suo disagio, coperto efficacemente dalla tuta mimetica della sua normalità. Bere, ammazzarsi di lavoro, dedicarsi compulsivamente allo sport, ricorrere massicciamente all'uso di psicofarmaci o droghe sono dei modi con i quali tenta di richiudere la voragine aperta in lui dall'essere interpellato come soggetto. Certe situazioni ed esperienze infatti costituiscono un cimento e un dolore per tutti, ma chi riesce a farvi fronte senza soccombere completamente ce la fa perché può attingere ad una ricchezza interiore che a questi soggetti manca completamente.

Ecco perché raramente chiedono aiuto, non ne hanno motivo, vivendo per l'appunto una vita assolutamente normale. Quando lo fanno è perché sono alle prese con il crollo. Cercano l'aiuto di un analista per trovare un modo per sentirsi reali o per simboleggiare una sofferenza che a loro arriva solo sotto forma di senso di vuoto. Il terapeuta li aiuterà allora a sviluppare nel tempo un loro tratto soggettivo, idiomatico, in modo da rendere superflue o meno rigide le loro barriere difensive.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.