Ripartire dopo scelte sbagliate

Come riprendere in mano la propria vita a seguito delle conseguenze nefaste di scelte sbagliate? Come non soccombere alla tentazione di rifugiarsi nel diniego della realtà o nella disperazione? Come non sommare altri errori a quelli già fatti? In altre parole: come arrestare l' "effetto domino" di negatività spesso innescato da un atto impulsivo?

Nel corso dell'esistenza ad un certo punto può accadere che si tenti di risolvere questioni problematiche rimaste irrisolte attraverso degli agiti di natura impulsiva.

Ad esempio una donna che vive numerose relazioni sentimentali frustranti può improvvisamente decidere di sposare un uomo che non ama e non conosce bene, per cercare di sottrarsi alla sofferenza che prova sistematicamente ogni volta che si innamora. Oppure un uomo molto in gamba sul lavoro ma estremamente insicuro rispetto alle proprie capacità può licenziarsi in tronco apparentemente senza motivo, in realtà mosso dall'urgenza di trovare sollievo alla sua angoscia.

In entrambi i casi citati abbiamo in primo piano un'azione che cerca frettolosamente di porre rimedio nella realtà a ciò che non funziona nell'interiorità del soggetto. Questo scivolamento sul piano reale di una questione di natura simbolica, questo blackout del pensiero, questa cecità transitoria comportano purtroppo delle conseguenze negative. La persona si trova catapultata in situazioni che non rispecchiano i suoi veri desideri. Se non si ferma a riflettere rischia di andare avanti nel collezionare una serie infinita di atti impulsivi che cercano gli uni di arginare gli altri, finendo per mettere seriamente a rischio la propria stabilità.

Un buon punto di partenza per arginare tale spirale distruttiva è senz'altro la consapevolezza. I primi barlumi di presa di coscienza dell'errore commesso, spesso a monte rispetto ad una sfilza di situazioni concatenate le une alle altre, vanno assecondati, anziché scacciati. L'effetto di tale attivazione del pensiero e revisione critica di se stessi è però sempre estremamente doloroso. Si può venire travolti dalla consapevolezza, ci si può sentire schiacciati, messi in scacco. Ci si può sentire finiti. A molti può capitare di cedere alla tentazione di fuggire, da soli manca la forza per sopportare il peso della lucidità.

È a questo punto allora che una psicoterapia può essere estremamente utile, perché si tratta di un esercizio del pensiero in cui non si è da soli. Il terapeuta non può risolvere direttamente il problema ma può sostenere nel processo doloroso di messa a fuoco e di elaborazione di quelle cause invisibili che hanno portato verso soluzioni inadeguate. Si tratta di un vero e proprio lavoro di elaborazione del lutto. Al termine del quale non si può fare altro che accettare ciò che è stato, senza però rassegnarsi ad un futuro di disgrazie.

La visione nitida della cause alla base di una guerra estremamente distruttiva non la può rendere non avvenuta. Ma può permettere di ricostruire a partire dalle macerie, con la fiducia in nuove modalità di soluzione dei problemi.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.