Esistere o sentirsi reali?

Sentirsi "reali" è più che semplicemente esistere. Significa parlare, muoversi, rapportarsi ed agire a partire da un accordo profondo con se stessi. Vuol dire conoscenza ed accettazione del proprio tratto singolare, accoglienza ed abbandono verso ciò che si è. Senza svalutazioni severe o sciocche vanità.

Senza cioè preoccupazione rispetto alla propria immagine, che tanto comunque non è nostra, ci sfugge sempre e non ci rappresenta mai una volta per tutte, dipendendo dall'infinita varietà di gusti ed opinioni degli altri. I quali, come specchi, riflettono le più disparate immagini di noi, mai veritiere perché inestricabilmente connesse ai fantasmi di chi le crea.

La spontaneità del divenire se stessi implica allora un oblio dell'Altro? È possibile sottrarsi completamente alle sue aspettative, non essere più soggetti a condizionamenti di sorta? Esistono sicuramente nella vita sociale delle regole e delle convenzioni non scritte che limitano la libera espressione di tutto ciò che ci passa per la mente. Ma fedeltà a se stessi non significa affatto perdita totale di freni inibitori. Quelli ci sono e restano, rivestono una funzione importante, fanno parte del nostro essere civilizzati. Non si può non fare i conti con l'esistenza della cultura in cui siamo immersi, con i limiti che impone ai nostri impulsi.

La vitalità che deriva da un contatto con il nostro vero sè ci porta però ad essere più liberi rispetto al mondo dell'immagine. Non tanto perché ci spinge verso delle eccentricità, in quel caso saremmo dei ribelli, dei provocatori. Quanto perché, pur dentro alle regole e in situazioni convenzionali, ci permette di lasciarci andare, di riversare all'esterno le nostre ricchezze con umiltà e di mostrare simpaticamente i nostri difetti. Senza cercare per prima cosa di ottenere approvazione.

È falso pensare che le maschere sociali di successo molto spesso esibite negli ambienti lavorativi o sociali suscitino nel prossimo vera simpatia, vera approvazione. Chi è se stesso sicuramente andrà incontro a reazioni vere nell'altro, non solo quelle della gamma positiva. Potrà anche suscitare diffidenza, ostilità. Ma ciò non è in sè un problema, perché le opinioni delle persone cambiano, così come cambiano le immagini riflesse a seconda della luce.

Inoltre un'accettazione serena di se stessi comporta correlativamente una grande umanità verso i limiti degli altri. Libera da rabbia e rancori, fa uscire dalla trappola dell'aggressivtà, sempre conseguenza di un eccesso di aspettative nutrite verso l'altro. Sentirsi "reali" spinge dunque naturalmente ad approcciare il proprio simile con gentilezza, con apertura, con curiosità. Porta cioè ad avvicinarsi alla "realtà" dell'altro, più che alla sua immagine, spazzando via pregiudizi e distorsioni.

Una psicoterapia ben riuscita, a di là delle risoluzioni dei sintomi, ha sempre come esito l'accrescimento della centratura in se stessi. Porta cioè alla luce il vero sè, tramite uno scambio relazionale protratto nel tempo all'interno di un contesto assolutamente fuori dal comune, privo di giudizi, aspettative, condizionamenti. In cui si può finalmente DIRE, dire una parola autentica. È l'incontro con la propria verità a produrre effetti di verità in tutta la dimensione esistenziale. Che piano piano si riaccende di colori, passando dalla mera esistenza passiva alla pienezza del vivere.

Altri articoli sul disagio esistenziale

La persona è sempre altro rispetto al suo disagio

Per la psicoanalisi, al pari di ogni vero e interessante approccio all'umano, ogni soggetto sintomatico resta sempre altro rispetto alla sua malattia. La diagnosi è uno strumento utile, di cui il clinico si avvale per classificare, riconoscere e dunque dare un nome al disagio che affligge una persona.

Leggi l'articolo

Ambizione o desiderio autentico?

Spesso si utilizza genericamente il termine ambizione per indicare l'attitudine di un individuo a far emergere la propria individualità in un determinato campo di interesse. Essa si accompagna solitamente al raggiungimento di un riconoscimento da parte dell'ambiente di riferimento, in termini di notorietà, prestigio e valorizzazione economica.

Leggi l'articolo

Creatività o compiacenza?

In psicoanalisi utilizziamo il termine creatività non solo per indicare la capacità di dare vita ad opere d’arte. Sulla scia dell’insegnamento di Donald W. Winnicott, per noi acquista un significato più ampio, nella misura in cui la intendiamo come quell’atteggiamento di fondo nei confronti della realtà esterna che sta alla base dell’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta.

Leggi l'articolo

Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

Leggi l'articolo

Il lutto

Quando subiamo una perdita di solito attraversiamo un periodo in cui siamo tristi, svogliati, chiusi in noi stessi e non a nostro agio con gli altri. Può capitare di sentirsi ansiosi, posseduti dall’attesa di un pericolo imminente.

Leggi l'articolo

La malattia "normotica"

Quando si pensa a problematiche di ordine psicologico viene quasi immediato riferirsi a situazioni di disadattamento rispetto alla realtà. Nell'immaginario collettivo cioè la persona sofferente di disturbi psichici è quella che incontra, in maniera più o meno marcata, delle difficoltà nel fronteggiare i compiti e le sfide della vita, preferendo il rifugio nel mondo della fantasia. Questa visione può per certi versi essere condivisibile, benché tenda a ridurre la complessità della questione.

Leggi l'articolo

Esistere o sentirsi reali?

Sentirsi "reali" è più che semplicemente esistere. Significa parlare, muoversi, rapportarsi ed agire a partire da un accordo profondo con se stessi. Vuol dire conoscenza ed accettazione del proprio tratto singolare, accoglienza ed abbandono verso ciò che si è. Senza svalutazioni severe o sciocche vanità.

Leggi l'articolo

Normalità e patologia: quali confini?

È opinione comune associare ad uno stato di "normalità" psichica l'adesione alla realtà, intesa come pacifica accettazione dei limiti imposti dall'ambiente esterno sulle nostre pulsioni e aspirazioni. La stessa civiltà infatti si basa su una quota di rinuncia alla soddisfazione delle pulsioni individuali, in virtù di un bene più grande, l'ordine e la stabilità nel reale.

Leggi l'articolo

Siamo vittime o responsabili?

E' incontestabile la subordinazione di ciascun essere umano all'ambiente che lo accoglie fin dal suo ingresso nel mondo. Il desiderio dei genitori, le loro ambizioni e aspettative condizionano e plasmano inevitabilmente la materia che costituisce ogni soggettività. Facendo sì che essa sia sempre frutto di un passato, di una storia, di un Altro che ci ha preceduto.

Leggi l'articolo

Narcisismo "sano" o narcisismo "patologico"?


Quando si parla di narcisismo si tende a pensare immediatamente al culto esagerato per la propria immagine, all'autocelebrazione a tutti i livelli che non lascia spazio alla considerazione dell'altro. Tuttavia questa è la versione "patologica" del fenomeno, sempre frutto di una sottostante fragilità narcisistica.

Esistono infatti un narcisismo "sano" ed uno "malato". Il primo non è altro che amor proprio, coscienza di sè, rispetto e cura per se stessi. È, freudianamente parlando, un equilibrato investimento libidico sull'io, necessario alla vita. Freud parlava di un "narcisismo primario" del piccolo dell'uomo, necessariamente chiuso nel suo guscio per sopravvivere e svilupparsi, avvolto in un bozzolo di bisogni e di indifferenza rispetto al mondo esterno.

Leggi l'articolo

La sindrome di Asperger: luci e ombre


La sindrome di Asperger fa parte della categoria dei Disturbi pervasivi dello sviluppo. Essi comportano la compromissione dello sviluppo psichico del bambino per ciò che concerne la socialità, la comunicazione verbale e non verbale e il repertorio di attività e interessi.

Leggi l'articolo

La giovinezza nella contemporaneità: parla Alain Badiou

Alain Badiou, uno dei massimi filosofi viventi, con il suo "La vera vita. Appello alla corruzione dei giovani" ci regala un'originale lettura della condizione giovanile nella contemporaneità. 

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961