Vedere ascoltando

Ascoltare è il mestiere dello psicoanalista. A lui non servono occhi per "vedere" i suoi pazienti, il suo approccio all'umano mette fra parentesi lo sguardo, inteso come catalogazione, giudizio, misura, conoscenza a priori. A pensarci bene infatti la vista espone all'abbaglio, alla fascinazione così come alla repulsione perché coglie dell'altro caratteristiche meramente esteriori e superficiali.

Ciò che più luccica, ciò che "appare" fortemente desiderabile in quanto a forma, ciò che "sembra" in una tal maniera non è affatto detto che corrisponda nel suo reale a quell'immagine ideale che pone davanti agli occhi e che può trarre in inganno qualsiasi osservatore convinto della veridicità di ciò che osserva "empiricamente".

Non a caso gli artisti, così come gli uomini di scienza, pur con mezzi diversi, nel loro approccio ai fenomeni che li affascinano esercitano un altro tipo di visione, una visione mentale che va molto al di là del semplice immaginario e che in definitiva è senza immagine. Anche quando l'immagine viene utilizzata per descrivere qualcosa, essa è sempre trattata come un simbolo, rimanda cioè continuamente ad altro, in una dinamicità che tenta, senza mai saturare, di agganciare qualcosa del reale, dell'oscura essenza misteriosa delle cose.

Ora, anche senza essere psicologi, artisti o scienziati, tutti quanti possiamo esercitarci nell'arte dell'ascolto, da intendersi dunque non tanto come semplice stare a sentire quello che ha da dire il nostro prossimo ma come apertura alla complessità di ciò che ci circonda, mai esente da contraddizioni e punti ciechi. È soprattutto nella vita che si mette continuamente alla prova la nostra flessibilità in termini di giudizio e comprensione. Le relazioni in particolare sono esposte ai rischi insiti nella nostra radicata tendenza a lasciar predominare l'immagine su tutto, il che significa lasciar vincere le apparenze, i clichè, i pre giudizi, le convinzioni che ci sostengono ma che nello stesso tempo ci azzoppano nell'andare davvero incontro all'altro.

Secondo la psicoanalisi la stessa essenza dell'Io è immaginaria. Abbiamo un'immagine solida e monolitica perfino di noi stessi, siamo in definitiva un mucchio di convinzioni e di idee che in alcune occasioni particolari, quando vengono toccate altre corde, scopriamo essere del tutto false o fallaci nel rappresentarci. L'impalcatura del nostro Ego salta nei momenti in cui accostiamo veramente il reale, quando cioè facciamo esperienza di un incontro. Allora capita di imbattersi nel nostro essere più autentico, senza definizione, senza immagine coerente e coesa, che è fatto di slancio, di mancanza, di desiderio, di mistero. È così che spesso, nevroticamente, anziché aprirci al mistero lo sfuggiamo, angosciati dall'assenza delle certezze su noi stessi e sull'altro che ogni vero incontro con il reale porta con sè.

Sgomberare il campo dai "prestigi" dell'immagine è uno dei compiti fondamentali insiti nella lunga formazione di un analista. Ma è anche, di rovescio, uno degli effetti di un'analisi personale. Una visione che va al di là, libera da occhiali distorcenti, offre delle potenzialità enormi a chi la raggiunge. Amplia il ventaglio delle esperienze esistenziali, arricchisce e dona tridimensionalità, spessore alle relazioni.

Inoltre riduce enormemente frustrazioni ed insoddisfazioni, perché ancora all'imperfezione e alla contraddittorietà del presente, senza la spinta a forzare il proprio vissuto entro categorie ideali, lisce, perfette e socialmente desiderabili. Il tutto si traduce in un incremento della tolleranza e perfino della simpatia nei confronti dell'Altro e dei suoi limiti, considerati come parte inscindibile di un tutto.

Il recupero del reale insito nello sviluppo dell'occhio interiore si traduce in definitiva nella vita quotidiana in quella capacità definita oggi con un nome tanto in voga: la "resilienza". Allora anche gli eventi negativi verranno integrati dalla psiche senza alterare la possibilità di cogliere ciò che di positivo offre la vita, proprio perché lo sguardo non è fisso su come le cose dovrebbero essere (l'ideale) ma sulla prosaicità dell'esserci, qui ed ora.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.