Gli scacchi della "caccia" alla felicità

Andare a "caccia" di felicità genera perenne insoddisfazione. L'ambita preda  sfugge puntualmente ad ogni volontà di cattura, ad ogni moto di appropriazione. I celebri versi di Herman Hesse svelano questa verità, per lo più  nota ai clinici e a tutti coloro che si accostano alle faccende umane: fin quando dai la caccia alla felicità, non sei maturo per essere felice, anche se quello che più ami è già tuo.

Gran parte dell'infelicità lamentata nelle cure riguarda la frustrazione di non avere più, o non avere ancora, quel qualcosa in grado di assicurare una pienezza senza crepe. Grande illusione, visto che nulla e nessuno possono suturare la mancanza costitutiva che divide tutti quanti. Non a caso, una volta raggiunto il tanto bramato obiettivo, l' appetibilità  della meta crolla come un castello senza fondamenta. Allora ecco un nuovo stimolo, il gioco ricomincia daccapo, in una ripetizione infinita. 

La riflessione di Jacques Lacan è illuminante per cogliere profondamente questi fenomeni. Li definisce "immaginari", ovvero frutto di una dinamica primitiva di immedesimazione confusiva e totalizzante con l'immagine splendente dell'altro simile. Nella misura in cui l'immagine dell'altro è fondamentale per reperire l'identità di se stessi e dare l'illusione di consistenza (fenomeno strutturale nella prima infanzia ma mai del tutto superato nell'adulto) anche ciò che possiede l'altro va posseduto.

 La frustrazione e la gelosia hanno qui la loro radice: un oggetto reale che si trova altrove è caricato della potenzialità di ricomporre la fragile tenuta identitaria del soggetto. Ma la soddisfazione del possesso è transitoria quanto illusoria: l'insufficienza si ripresenta perché di per sè incolmabile.

La brama di qualcosa, a ben vedere, non è il desiderio. Nella poesia di Hesse sembrano termini sinonimi ma non lo sono del tutto. Per la psicoanalisi lacaniana il desiderio d'altro, d'altra cosa, è simile alla brama, ha un lato distruttivo e dissipativo, mentre il desiderio dell'Altro con la A maiuscola indica un'altra soddisfazione, più piena e duratura di quella schiava dell'oggetto.

È il riconoscimento che viene dall'Altro grande, dall'alterità umana in quanto tale, sono l'amore, la stima, il "sì" umanizzante e senza condizioni a far sperimentare una soddisfazione non più immaginaria ma "simbolica". Seppur simbolica e dunque impalpabile, slegata dal possesso, questa soddisfazione è potentissima, tocca e fa vibrare il corpo. Fa sentire  qualcosa dell'ordine della felicità. 

Anche la semplice percezione del fatto che nell'Altro c'è un desiderio sgancia dalle dinamiche di immedesimazione reciproca, uniformanti e fonte di conflitto. L'Altro vuole altro, è desiderante "punto e basta", è vivo, libero, in movimento,  sfuggente, mai del tutto catturabile, mai riconducibile all'Uno. 

Anche quando ama, anche quando c'è, quando è fonte di riconoscimento, quando dona il segno d'amore, non c'è mai del tutto, è mancante, é sempre un po' altrove, è sempre Altro. Per questo motivo la felicità, se non viene  dall'oggetto ma dall'Altro in quanto fonte di soddisfazione simbolica, non può al tempo stesso  nemmeno interamente dipendere da lui. 

Al fondo la poesia di Hesse allude a questo volto dell'Altro che non esiste, questo Altro bucato. La felicità così  si sgancia da ogni fonte di gratificazione esterna, che sia l'oggetto o l'Altro, per abbracciare la dimensione della pace, della solitudine suprema, della pura contemplazione. 

Il superamento e il ridimensionamento delle dinamiche immaginarie, fondamentalmente infantili, segnala l'ingresso nella maturità.

Non si tratta di rinuncia a fare, a realizzarsi o a dedicarsi alle proprie passioni. L'invito sembra essere un altro: fare spazio, accogliere l'incompiutezza strutturale dell'umano senza combatterla, senza negarla nella rincorsa del trionfo immaginario dell'Io, dell'immagine splendente o dell'amore ideale. 

Allora un incontro, una piccola cosa, un evento insignificante, presi nella loro essenzialità, possono caricarsi di sorprendete bellezza e trasmettere un delicato senso di connessione. Allora le onde dell’accadere non ti raggiungono più.

 

Felicità 

Fin quando dai la caccia alla felicità,
non sei maturo per essere felice,
anche se quello che più ami è già tuo.

 Fin quando ti lamenti del perduto
ed hai solo mete e nessuna quiete,
non conosci ancora cos’è pace.

Solo quando rinunci ad ogni desiderio
e non conosci né meta né brama
e non chiami per nome la felicità,

Allora le onde dell’accadere non ti raggiungono più
e il tuo cuore e la tua anima hanno pace.

Herman Hesse

Tags: Poesia e psicoanalisi

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.