L'incontro con il desiderio secondo Lacan

L’incontro con il pensiero di Jacques Lacan ha dato una svolta al mio desiderio di dedicarmi alla psicoanalisi e alla cura del disagio. L’ha reso non solo più comprensibile ai miei occhi, ma anche più deciso, più forte.

Lacan è uno psicoanalista che parla di desiderio. Non tanto del desiderio a cui sembriamo tutti assuefatti, quello del possesso di oggetti, ma della spinta vitale che anima ciascun uomo. E che sta dietro alle nostre parole, ai nostri atti, ai nostri dubbi. Rimane lì, velato, silente, inconscio e in alcuni momenti salta fuori, si rivela pienamente in un lapsus, un atto mancato, un sogno.

Il desiderio è la parte più intima di un uomo e nello stesso tempo la più sconosciuta a lui stesso. È quella forza che non si placa con la soddisfazione, è come dice Lacan “condizione assoluta”. Non si accontenta di oggetti materiali o del conseguimento del successo.

Chi accoglie e riconosce il suo desiderio può sperimentare delle privazioni, può andare incontro a difficoltà, al rischio del fallimento, ma nel profondo è vivo, creativo, aperto all’imprevedibilità della vita e alle sue possibilità.

Il desiderio è personale per ciascuno di noi, è la parte più singolare di un essere umano, è ciò che ci rende unici, tutti diversi, particolari, interessanti. In lui abita la nostra soggettività, il tratto che ci fa apparire inconfondibili.

La realizzazione del proprio desiderio va incontro a degli scacchi. Possono prendere la forma dell’insoddisfazione perpetua, cronica. Non ci va mai bene niente, tutto e tutti sembrano essere insufficienti. Si tratta di una forma di rifiuto con cui cerchiamo di tenere viva la dimensione del desiderio, che però ci condanna all’infelicità, all’impossibilità di tradurre in atto un’aspirazione.

Un altro ostacolo frequente alla realizzazione del desiderio è la sua distruzione attraverso la rinuncia. Pevale il senso di paura, di impotenza, di fatica. “Tanto è tutto inutile”, “non ce la farò mai” sono frasi che spesso diciamo e che fanno da alibi ad un atteggiamento di fondo passivo e rinunciatario.

Per Lacan l’assunzione del proprio desiderio è una questione etica. “Cedere sul proprio desiderio” ci dice è “un peccato”, una “viltà morale”. Spesso la depressione clinica ha una radice di questo tipo, nasce dall’aver voltato le spalle ad un’aspirazione, una vocazione, un talento. Tirando in ballo scuse comode ma paralizzanti. Lasciandoci come consolazione uno sterile lamento.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.