L'incontro con il desiderio secondo Lacan

L’incontro con il pensiero di Jacques Lacan ha dato una svolta al mio desiderio di dedicarmi alla psicoanalisi e alla cura del disagio. L’ha reso non solo più comprensibile ai miei occhi, ma anche più deciso, più forte.

Lacan è uno psicoanalista che parla di desiderio. Non tanto del desiderio a cui sembriamo tutti assuefatti, quello del possesso di oggetti, ma della spinta vitale che anima ciascun uomo. E che sta dietro alle nostre parole, ai nostri atti, ai nostri dubbi. Rimane lì, velato, silente, inconscio e in alcuni momenti salta fuori, si rivela pienamente in un lapsus, un atto mancato, un sogno.

Il desiderio è la parte più intima di un uomo e nello stesso tempo la più sconosciuta a lui stesso. È quella forza che non si placa con la soddisfazione, è come dice Lacan “condizione assoluta”. Non si accontenta di oggetti materiali o del conseguimento del successo.

Chi accoglie e riconosce il suo desiderio può sperimentare delle privazioni, può andare incontro a difficoltà, al rischio del fallimento, ma nel profondo è vivo, creativo, aperto all’imprevedibilità della vita e alle sue possibilità.

Il desiderio è personale per ciascuno di noi, è la parte più singolare di un essere umano, è ciò che ci rende unici, tutti diversi, particolari, interessanti. In lui abita la nostra soggettività, il tratto che ci fa apparire inconfondibili.

La realizzazione del proprio desiderio va incontro a degli scacchi. Possono prendere la forma dell’insoddisfazione perpetua, cronica. Non ci va mai bene niente, tutto e tutti sembrano essere insufficienti. Si tratta di una forma di rifiuto con cui cerchiamo di tenere viva la dimensione del desiderio, che però ci condanna all’infelicità, all’impossibilità di tradurre in atto un’aspirazione.

Un altro ostacolo frequente alla realizzazione del desiderio è la sua distruzione attraverso la rinuncia. Pevale il senso di paura, di impotenza, di fatica. “Tanto è tutto inutile”, “non ce la farò mai” sono frasi che spesso diciamo e che fanno da alibi ad un atteggiamento di fondo passivo e rinunciatario.

Per Lacan l’assunzione del proprio desiderio è una questione etica. “Cedere sul proprio desiderio” ci dice è “un peccato”, una “viltà morale”. Spesso la depressione clinica ha una radice di questo tipo, nasce dall’aver voltato le spalle ad un’aspirazione, una vocazione, un talento. Tirando in ballo scuse comode ma paralizzanti. Lasciandoci come consolazione uno sterile lamento.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.