Perché lo psicologo gratis non funziona

Una consulenza psicologica, sia essa un primo colloquio diagnostico o una seduta di psicoterapia o di psicoanalisi, è soggetta a pagamento, al pari di tutte le altre prestazioni professionali. In un'economia di scambio infatti ogni attività lavorativa, dalla più umile a quella più qualificata, produce un certo valore, misurato in termini di danaro.

Ma siamo sicuri che la motivazione alla base del pagamento delle sedute con uno psicologo sia legata solo a fattori di ordine economico?  Non ha essa anche delle implicazioni ad un  livello più profondo?  Il danaro ha anche una valenza simbolica, ad esso sono associati dei significati che vanno oltre il suo potere di acquisto. Dunque la sua circolazione nella relazione terapeuta - paziente ha un'incidenza anche ad un livello inconscio che,  se riconosciuta, contribuisce ad indirizzare in modo corretto il trattamento. Vediamo come.

Innanzitutto il fatto di pagare una somma di danaro da parte di chi si rivolge allo psicologo  imposta bene la partenza del lavoro che seguirà. È chiaro infatti che chi domanda è proprio colui che sta chiedendo aiuto. La gratuità potrebbe portare su questo punto ad un pericoloso ribaltamento della domanda, perché metterebbe il terapeuta nella condizione di chiedere all'utente se vuole essere aiutato, costringendolo a darsi da fare per attivare in lui una motivazione in tal senso. La terapia risulterebbe così inficiata fin dall'inizio, perché avremmo un paziente passivo, ingabbiato nell'erronea aspettativa  che tutto il lavoro debba venire dall'altro. Mentre invece un cambiamento può avvenire solo se c'è una vera disponibilità a farsi aiutare.

In secondo luogo il pagamento delle sedute comporta una loro valorizzazione, il riconoscimento che il percorso intrapreso è prezioso. Come tutto ciò che davvero conta comporta un investimento, una quota di perdita, di fatica. Se fosse gratis o troppo a buon mercato rischierebbe di essere dato per scontato, ed inconsciamente squalificato. La professionalità e l'aiuto specialistico del terapeuta sarebbero ridotti al rango di chiacchierate amichevoli, svuotandosi così di senso. 

E qui veniamo al terzo punto, collegato direttamente ai primi due. Il danaro, oltre a segnare simbolicamente una perdita di una quota di godimento personale in virtù di un investimento in una cosa davvero di valore, marca anche una differenza fra le parti, svincolando  il rapporto dall'equivoco di un'amicizia gratuita. Se si paga per essere ascoltati significa che quell'ascolto è scevro dal rispecchiamento reciproco che connota le relazioni fra pari, mai del tutto libere da condizionamenti e tabù. Ciò non significa che non intervengano in rapporto al terapeuta dei fattori di natura affettiva, anzi,  sarebbe un problema se tale "transfert" non esistesse. Ma esso non ha a che vedere con la persona che lui è nella vita, perché non c'è reciprocità, il terapeuta non racconta nulla di se stesso, è lì in quel momento come strumento a disposizione dell'altro. Può essere oggetto di sentimenti positivi o negativi a seconda di cosa il paziente proietta in lui, ed anche questo fenomeno può essere utilizzato come uno strumento conoscitivo importante. In ogni caso il pagamento a fine seduta aiuta a non fare confusione e rende evidente all'utente la sua libertà. 


A questo punto risulta più chiaro come la  formula dello psicologo gratis non sia di alcuna efficacia terapeutica per chi vuole davvero inoltrarsi in un processo di cambiamento e di messa in discussione autentica di se stesso. Non giova neppure alla categoria professionale degli specialisti in psicoterapia, nella misura in cui svilisce la loro lunga, difficoltosa e profonda formazione, ben lontana dall'esercizio di una semplice empatia. 

 

 

 

    

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.