Depressione

La malinconia è la felicità di essere triste.
Victor Hugo

Il quadro depressivo: tristezza, apatia, crisi di pianto, svogliatezza, indecisione, scarsa stima di sé, autoaccuse e sensi di colpa, disturbi del sonno e dell’appetito, sensazione di aver perso qualcosa o qualcuno di importante, concentrazione dei pensieri sul passato e mancanza di prospettiva. Oppure sbalzi di umore, periodi “neri” si alternano ad euforia, ottimismo irrefrenabile, energia, sensazione di invulnerabilità, diminuzione delle ore di sonno, pensieri rapidi e loquacità, tendenza a lanciarsi in attività, progetti ed iniziative rischiose.

Anche nell’ambito dei disturbi depressivi, analogamente al panico, è in primo piano la percezione di un’esistenza abbandonata nel mondo, priva di soddisfazione, che riduce il soggetto a sentirsi senza valore agli occhi di se stesso e degli altri.

Alla base di questi vissuti non esiste una causa generalizzabile. E’ possibile tuttavia rintracciare frequentemente nelle storie di chi ne è colpito la presenza di una perdita, subita durante l’infanzia, che può aver preso la forma dell’abbandono o di una delusione molto forte da parte di una figura di riferimento importante. Danneggiando l’immagine di se stesso, incrinandola.

L’evento vero e proprio scatenante la depressione lo abbiamo però in età adulta. Di solito si tratta di una nuova perdita, che va a riattivare i sentimenti di abbandono e smarrimento provati in passato che si era cercato di nascondere o negare (di solito attraverso dei meccanismi compensatori: ad esempio per migliorare la propria autostima si era deciso di essere bravissimi negli studi, iperattivi nel lavoro o in altri campi della vita). Il soggetto depresso non è riuscito a lasciare andare ciò che ha perduto, non accetta la perdita e rimane perciò attaccato al passato. A quello che avrebbe potuto essere e non è stato. Così si ripiega nel lamento, nella stasi, nella paralisi e nella rinuncia a qualsiasi realizzazione personale. Attende di essere risarcito, attende un riscatto per i torti subiti, vuole essere amato.

Rintracciare la perdita, la ferita subita, poterla nominare, attraversare ed infine accettare appare come un primo passo verso l’uscita dalla morsa della depressione. Per tornare non all’aspettativa di essere amati ma ad amare.

Depressione: alcuni casi clinici

  • Antonella è un’impiegata d’azienda. Per far fronte a una serie di problematiche si è accontentata di un lavoro monotono ma “sicuro”. Lentamente si spegne. Le sembra che la sua vita non le appartenga più. Come riallacciarsi al proprio desiderio?

  • Giulia, trentenne, è una donna affascinante e di successo. Cambia molti partner ed è sempre lei a chiudere le relazioni. Un lutto le fa improvvisamente realizzare di essere sola, di non poter contare sull’affetto di nessuno. Dalla tristezza ben presto nascono degli interrogativi interessanti. Cosa la spinge a non fermarsi con nessuno? Perché ogni uomo alla fin fine è deludente?

  • Marina, trentacinquenne, dopo la prima gravidanza avverte un senso di inadeguatezza come madre e come donna. Al lavoro sembra che la sua maternità sia un handicap. Come uscire dall’aut aut del o madre o donna? Come tenere insieme l’essere madre e l’essere donna, la dimensione privata e quella pubblica?

  • Matteo, ventenne, vive una delusione amorosa. Da lì in poi nulla gli interessa più, cerca la solitudine, è inconcludente negli studi. A casa le cose non vanno male ma nemmeno bene, vede i genitori distanti, non più innamorati. Che gli chiedono di studiare, di dare di più. Che valore ha la tristezza per lui? Come uscirne rafforzati e con una nuova carica vitale?

  • Lucia è una quarantenne piacente e dinamica, madre di due figli. Dopo dieci anni di matrimonio il marito la lascia per un’altra. È un fulmine a ciel sereno, non si era accorta di nulla. Il suo mondo all’improvviso si rivela fasullo. Le sue certezze illusioni. Il mondo si svuota ed è depressione, tristezza, perdita della voglia di vivere, autoaccuse.

  • Azzurra è una donna di mezza età, ha una figlia, un modello per tutti. Brava negli studi, colta. Poi un evento sconcertante la vede protagonista. Arriva la depressione: insonnia, senso di colpa, perdita di interessi, timore del giudizio degli altri. Cosa risveglia nella donna la caduta della figlia?

Articoli sulla depressione

La verità del panico

E’ un dato di fatto ormai assodato: nella civiltà contemporanea tutte le istituzioni sono indebolite e ridimensionate nel loro potere normativo. Nelle famiglie il prestigio e la forza orientativa dell’autorità paterna sono decaduti. Assistiamo a un progressivo sgretolamento degli ideali, a uno sfaldamento della credenza che la vita sia fondata, che abbia cioè alla fin fine un senso.

Leggi l'articolo

Panico e depressione. Perchè spesso vanno a braccetto?

Tra panico e depressione c’è un legame molto stretto. La forma depressiva che colpisce chi soffre di panico si caratterizza per la predominanza di un senso di rinuncia alla vita, a cui seguono apatia e demoralizzazione. Anche quando il panico è trattato farmacologicamente allo stesso modo osserviamo il presentarsi della depressione.

Leggi l'articolo

Quando l'ansia è da prestazione

L'ansia così detta "da prestazione" oggigiorno è molto diffusa a vari livelli, per via della competitività che caratterizza la maggior parte dei contesti sociali. Essere al top, disinvolti, sciolti, positivi, efficienti appare come un vero e proprio diktat che su molti esercita un effetto inibitorio, inducendo un timore sempre crescente di non essere all' altezza delle attese del proprio ambiente.

Leggi l'articolo

Il panico e le sue invisibili ragioni

il vissuto connesso al panico differisce profondamente da quello di un comune attacco d'angoscia, nella misura in cui la violenza e la pervasività con la quale si manifesta sono tali da rendere impossibile il proseguimento di qualsiasi attività.

Leggi l'articolo

Angoscia: cos'è e come fronteggiarla

Tutti gli esseri umani, con le dovute differenze di intensità e frequenza, si trovano esposti all'esperienza dell'angoscia. C'è unanimità nel considerarla una delle sensazioni più sgradevoli e penose che si possano provare. Infatti, quando si è presi nello stato angoscioso, si percepisce un disagio difficile da localizzare perché tutto il nostro essere sembra in qualche modo venirne catturato.

Leggi l'articolo

Il panico e il fallimento delle difese

Spesso vediamo insorgere il panico in persone fortemente legate al raggiungimento di elevati standard qualitativi, soprattutto nel campo dello studio e del lavoro. Di solito le crisi hanno luogo a seguito di un periodo di super lavoro, in cui si è dato fondo a tutte le proprie energie fisiche e mentali. Il panico insorge sia nel caso del raggiungimento dell'agognato risultato, sia in quello contrario dell'insuccesso e della rinuncia.

Leggi l'articolo

Angoscia o attacco di panico?

L’angoscia colpisce tutti gli esseri umani, nessuno escluso. Non va confusa con il panico, in cui predomina la sensazione del completo fuori controllo. Nell’angoscia non siamo pienamente vinti, soverchiati dalla paura di impazzire come invece accade nel panico. Ci sentiamo piuttosto in attesa, nelle vicinanze di un pericolo imminente dai caratteri non ben definiti.

Leggi l'articolo

Il panico: un fenomeno contemporaneo già scoperto da Sigmund Freud

Nel mio lavoro di psicoterapeuta e psicologo a Milano incontro spessissimo in chi chiede aiuto il panico, un fenomeno che, in virtù della sua diffusione, viene ormai generalmente considerato come una malattia della modernità.

Leggi l'articolo

Ansia: quando diventa patologica?

L'ansia è un affetto che sperimentiamo tutti, chi più frequentemente, chi meno. Essa può manifestarsi sotto forma di attesa angosciosa o di picco improvviso. La sua funzione "ancestrale" è quella di segnalare l'esistenza di eventuali pericoli esterni, che possono minacciare l'Integrità dell'Io.

Leggi l'articolo

Il panico e la lacerazione del legame

La psicoanalisi offre una spiegazione convincente del perché le crisi di panico emergano frequentemente proprio dopo una rottura sentimentale o la perdita di un legame significativo.

Leggi l'articolo

Il panico e il padre. Quale rapporto c’è?

Esiste un rapporto fra panico e figura paterna. O meglio fra panico e funzione paterna. E’ bene sottolineare questa differenza per non identificare il padre in carne ed ossa con la sua funzione. Che è quella di stabilire dei limiti, dei confini, delle soglie, delle regole. In psicoanalisi vediamo all’opera la funzione limitante paterna nel taglio del cordone ombelicale che lega il figlio alla madre.

Leggi l'articolo

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.