Vita adulta

Anche tra giovinezza e età adulta non possiamo stabilire un confine chiaro e definito in termini di età o di esperienze. Il modo con cui ci rapportiamo alla nostra età anagrafica è sempre soggettivo e variabile da individuo a individuo. E questo vale per tutte le stagioni della vita.

Convenzionalmente potremmo far corrispondere la vita adulta con quel periodo successivo a scelte fondamentali e centrali nella propria esistenza: il partner, il lavoro, i figli.

Questo periodo “nel mezzo del cammino”, è contrassegnato da costanza, stabilità, responsabilità, impegno, fatica. Abbiamo da un lato la relazione con il partner, che richiede amore, attenzione e capacità di reciproco adattamento nel tempo. L’attività lavorativa su un altro fronte assorbe energie fisiche e mentali. Mentre i figli attraverso la loro esistenza portano gioia e gratificazione, ma anche responsabilità e preoccupazioni.

I tre ambiti citati, che non necessariamente dobbiamo tutti rintracciare nella vita di ciascuno e che non costituiscono delle tappe fisse sulla cui base valutare la qualità di una vita, sono inoltre soggetti a crisi e difficoltà. Il rapporto con il partner si può incrinare e rompere in maniera improvvisa o progressiva, l’usura della routine, delle incombenze pratiche e delle incomprensioni può minare la stabilità della coppia o far smarrire il senso originario e la freschezza dello stare insieme. Il lavoro, sia per la mancanza di cambiamenti e nuovi stimoli che per un eccesso di precarietà e frammentazione è passibile anch’esso di diventare fonte di stress e di disagio. I figli nella loro crescita incontrano a volte difficoltà di una certa rilevanza, che a loro volta mettono alla prova l’immagine di sé del genitore e la sua capacità di fornire loro una testimonianza solida e durevole.

Rapporti di coppia conflittuali, crisi lavorative e nella gestione dei figli sono gli ambiti in cui maggiormente si esprime la sofferenza dell’adulto.

A volte concentrare l’analisi su queste situazioni attraverso un percorso psicoterapeutico fa riaffiorare problematiche antiche mai del tutto superate o desideri a cui non si è dato ascolto. Permette di vedere e di provare ad arrestare l’inconsapevole ripetizione che tiene prigionieri.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione lucida o inconsapevole?

L’affetto depressivo tendenzialmente mal si concilia con l’esercizio della parola, inteso quest’ultimo come possibilità di espressione ed elaborazione di questioni relative a verità soggettive. La depressione blocca la parola sia nella sua dimensione di ponte nei confronti dell’Altro, sia nella sua potenzialità dinamica di scoperta del nuovo.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.