Vita adulta

Anche tra giovinezza e età adulta non possiamo stabilire un confine chiaro e definito in termini di età o di esperienze. Il modo con cui ci rapportiamo alla nostra età anagrafica è sempre soggettivo e variabile da individuo a individuo. E questo vale per tutte le stagioni della vita.

Convenzionalmente potremmo far corrispondere la vita adulta con quel periodo successivo a scelte fondamentali e centrali nella propria esistenza: il partner, il lavoro, i figli.

Questo periodo “nel mezzo del cammino”, è contrassegnato da costanza, stabilità, responsabilità, impegno, fatica. Abbiamo da un lato la relazione con il partner, che richiede amore, attenzione e capacità di reciproco adattamento nel tempo. L’attività lavorativa su un altro fronte assorbe energie fisiche e mentali. Mentre i figli attraverso la loro esistenza portano gioia e gratificazione, ma anche responsabilità e preoccupazioni.

I tre ambiti citati, che non necessariamente dobbiamo tutti rintracciare nella vita di ciascuno e che non costituiscono delle tappe fisse sulla cui base valutare la qualità di una vita, sono inoltre soggetti a crisi e difficoltà. Il rapporto con il partner si può incrinare e rompere in maniera improvvisa o progressiva, l’usura della routine, delle incombenze pratiche e delle incomprensioni può minare la stabilità della coppia o far smarrire il senso originario e la freschezza dello stare insieme. Il lavoro, sia per la mancanza di cambiamenti e nuovi stimoli che per un eccesso di precarietà e frammentazione è passibile anch’esso di diventare fonte di stress e di disagio. I figli nella loro crescita incontrano a volte difficoltà di una certa rilevanza, che a loro volta mettono alla prova l’immagine di sé del genitore e la sua capacità di fornire loro una testimonianza solida e durevole.

Rapporti di coppia conflittuali, crisi lavorative e nella gestione dei figli sono gli ambiti in cui maggiormente si esprime la sofferenza dell’adulto.

A volte concentrare l’analisi su queste situazioni attraverso un percorso psicoterapeutico fa riaffiorare problematiche antiche mai del tutto superate o desideri a cui non si è dato ascolto. Permette di vedere e di provare ad arrestare l’inconsapevole ripetizione che tiene prigionieri.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Lutto e depressione: somiglianze e differenze

 

Uno stato luttuoso successivo ad una perdita, sia essa di una persona, di un lavoro o di una condizione esistenziale, spesso ad un occhio non esperto non appare distinguibile dalla depressione. In comune vi sono infatti alcune manifestazioni tipiche: un profondo e doloroso scoramento, una perdita di interesse per il mondo esterno e per la maggior parte delle attività quotidiane e un affievolimento della capacità di amare.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.