Vita adulta

Anche tra giovinezza e età adulta non possiamo stabilire un confine chiaro e definito in termini di età o di esperienze. Il modo con cui ci rapportiamo alla nostra età anagrafica è sempre soggettivo e variabile da individuo a individuo. E questo vale per tutte le stagioni della vita.

Convenzionalmente potremmo far corrispondere la vita adulta con quel periodo successivo a scelte fondamentali e centrali nella propria esistenza: il partner, il lavoro, i figli.

Questo periodo “nel mezzo del cammino”, è contrassegnato da costanza, stabilità, responsabilità, impegno, fatica. Abbiamo da un lato la relazione con il partner, che richiede amore, attenzione e capacità di reciproco adattamento nel tempo. L’attività lavorativa su un altro fronte assorbe energie fisiche e mentali. Mentre i figli attraverso la loro esistenza portano gioia e gratificazione, ma anche responsabilità e preoccupazioni.

I tre ambiti citati, che non necessariamente dobbiamo tutti rintracciare nella vita di ciascuno e che non costituiscono delle tappe fisse sulla cui base valutare la qualità di una vita, sono inoltre soggetti a crisi e difficoltà. Il rapporto con il partner si può incrinare e rompere in maniera improvvisa o progressiva, l’usura della routine, delle incombenze pratiche e delle incomprensioni può minare la stabilità della coppia o far smarrire il senso originario e la freschezza dello stare insieme. Il lavoro, sia per la mancanza di cambiamenti e nuovi stimoli che per un eccesso di precarietà e frammentazione è passibile anch’esso di diventare fonte di stress e di disagio. I figli nella loro crescita incontrano a volte difficoltà di una certa rilevanza, che a loro volta mettono alla prova l’immagine di sé del genitore e la sua capacità di fornire loro una testimonianza solida e durevole.

Rapporti di coppia conflittuali, crisi lavorative e nella gestione dei figli sono gli ambiti in cui maggiormente si esprime la sofferenza dell’adulto.

A volte concentrare l’analisi su queste situazioni attraverso un percorso psicoterapeutico fa riaffiorare problematiche antiche mai del tutto superate o desideri a cui non si è dato ascolto. Permette di vedere e di provare ad arrestare l’inconsapevole ripetizione che tiene prigionieri.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.