Percorsi terapeutici

La principale forza motrice della terapia è la sofferenza del paziente con il desiderio, che ne scaturisce, di guarire.
Sigmund Freud
percorsi-terapeutici

Lo strumento di cui si avvale lo psicoterapeuta analiticamente orientato è il colloquio clinico, grazie al quale può offrire un ascolto attento, una valorizzazione della parola unica e irripetibile di chi domanda. Attraverso questo processo si vanno ad isolare progressivamente il momento e il motivo dell’emergenza e della costituzione della crisi.

Ciò può avere l’effetto di gettare una prima luce su quanto appare inizialmente oscuro e ingovernabile. Mettere bene in forma la questione personale che affligge, ritagliare, delimitare i bordi del problema forniscono già un sollievo e appaiono come il primo passo per un successivo lavoro di ricerca delle cause più profonde ed antiche. Inoltre dà la possibilità di calibrare la profondità e le modalità dell’analisi in base alle caratteristiche individuali di ciascuno.

Vengono quindi messi a punto percorsi terapeutici diversificati e personalizzati che individuano la strategia di trattamento più adeguata in base alle differenti problematiche e ai tratti distintivi di chi domanda un supporto.

In genere sono due le principali scansioni in cui si divide il percorso terapeutico: una prima fase di analisi della domanda e il trattamento psicoterapeutico vero e proprio.

Possiamo avere poi due varianti della psicoterapia: la psicoterapia di gruppo e la psicoterapia di coppia.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.