Analisi della domanda

Trovare scappatoie quando non si vuole guardare dentro se stessi è la cosa più facile al mondo. Una colpa esterna esiste sempre, è necessario avere molto coraggio per accettare che la colpa – o meglio la responsabilità – appartiene a noi soltanto.
Susanna Tamaro

L’analisi della domanda consiste in una serie variabile di colloqui “preliminari” alla cura stessa e propedeutici alla formulazione di un’ipotesi diagnostica. Si raccolgono informazioni riguardanti la vita della persona, le tappe salienti della sua storia, dettagli sui sintomi e sulle condizioni di vita attuali. In questa fase appare cruciale delimitare il problema che fa soffrire, dargli un nome, ricostruirne il periodo di emergenza e le condizioni esistenziali associate ad esso.

Questo lavoro ha una durata variabile da individuo a individuo, può durare più o meno a lungo e va considerato non solo come un momento durante il quale lo specialista rileva delle informazioni bensì come un primo approccio terapeutico, che in quanto tale può arrecare sollievo.

I primi colloqui con lo specialista tuttavia rappresentano nello stesso tempo una fase molto delicata sia per chi chiede aiuto sia per chi lo offre.

Da una parte colui che si rivolge allo psicologo ha dovuto superare molte resistenze e titubanze prima di convincersi di non farcela con i propri mezzi. Generalmente prevale la convinzione di dovercela fare da soli, si pensa che essere forti equivalga a non avere bisogno di nessuno. Di solito è solo durante il percorso terapeutico che si scopre come in realtà ci voglia molta più forza nel chiedere aiuto che nel negare tutto e attribuire le colpe dei propri malesseri agli altri o agli eventi esterni. Agli inizi tuttavia questo concetto non è ancora chiaro e si può giustamente far fatica a concedere la propria fiducia a chi di fatto è ancora un estraneo.

Il terapeuta accorto conosce questo fenomeno, sa che ci vuole del tempo perché una persona si possa aprire e lasciarsi andare a dire tutto liberamente, senza timori né pudori. Un colloquio psicoterapeutico non è in alcun modo un esame: non ci sono giudizi, risultati da raggiungere, tempi da rispettare. È un’esperienza.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.