Analisi della domanda

Trovare scappatoie quando non si vuole guardare dentro se stessi è la cosa più facile al mondo. Una colpa esterna esiste sempre, è necessario avere molto coraggio per accettare che la colpa – o meglio la responsabilità – appartiene a noi soltanto.
Susanna Tamaro

L’analisi della domanda consiste in una serie variabile di colloqui “preliminari” alla cura stessa e propedeutici alla formulazione di un’ipotesi diagnostica. Si raccolgono informazioni riguardanti la vita della persona, le tappe salienti della sua storia, dettagli sui sintomi e sulle condizioni di vita attuali. In questa fase appare cruciale delimitare il problema che fa soffrire, dargli un nome, ricostruirne il periodo di emergenza e le condizioni esistenziali associate ad esso.

Questo lavoro ha una durata variabile da individuo a individuo, può durare più o meno a lungo e va considerato non solo come un momento durante il quale lo specialista rileva delle informazioni bensì come un primo approccio terapeutico, che in quanto tale può arrecare sollievo.

I primi colloqui con lo specialista tuttavia rappresentano nello stesso tempo una fase molto delicata sia per chi chiede aiuto sia per chi lo offre.

Da una parte colui che si rivolge allo psicologo ha dovuto superare molte resistenze e titubanze prima di convincersi di non farcela con i propri mezzi. Generalmente prevale la convinzione di dovercela fare da soli, si pensa che essere forti equivalga a non avere bisogno di nessuno. Di solito è solo durante il percorso terapeutico che si scopre come in realtà ci voglia molta più forza nel chiedere aiuto che nel negare tutto e attribuire le colpe dei propri malesseri agli altri o agli eventi esterni. Agli inizi tuttavia questo concetto non è ancora chiaro e si può giustamente far fatica a concedere la propria fiducia a chi di fatto è ancora un estraneo.

Il terapeuta accorto conosce questo fenomeno, sa che ci vuole del tempo perché una persona si possa aprire e lasciarsi andare a dire tutto liberamente, senza timori né pudori. Un colloquio psicoterapeutico non è in alcun modo un esame: non ci sono giudizi, risultati da raggiungere, tempi da rispettare. È un’esperienza.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.