Psicoterapia di gruppo

La terapia di gruppo si afferma definitivamente come tecnica terapeutica grazie agli originali contributi di R. W. Bion durante la seconda guerra mondiale, alle prese con il trattamento di gruppo dei soldati con problemi che ostacolavano la loro partecipazione alla guerra.

Il grande pregio della terapia di gruppo consiste nella possibilità che offre ad individui con problematiche simili di incontrarsi e confrontarsi. Ciò lo si vede bene in chi soffre di attacchi di panico, piuttosto che di depressione, dipendenze e disturbi del comportamento alimentare.

Il gruppo funziona così da specchio, permette un riconoscimento del proprio malessere, generalmente incompreso ai componenti dell’ambiente familiare. Inoltre promuove un’apertura all’altro, dà la possibilità di intrecciare nuovi legami, di uscire dalla solitudine, di recuperare fiducia e ottimismo grazie all’aiuto reciproco. Il senso di appartenenza che regala lo stare in gruppo in alcuni casi può davvero rafforzare il senso di identità e costituire un freno alla sensazione di precarietà così diffusa in chi soffre di un disagio.

L’efficacia del gruppo “mono sintomatico” (costituito cioè da soggetti che soffrono dello stesso sintomo) come strumento terapeutico la si vede nel breve periodo grazie al confronto con soggetti simili, che soffrono dello stesso tipo di disagio. Il senso di isolamento legato alla propria condizione si affievolisce e abbastanza rapidamente si inizia a stare meglio grazie al conforto dato dallo scambio con i compagni.

Gli effetti di lungo periodo sono invece legati alla scoperta della propria particolarità e diversità rispetto agli altri. Nonostante ciascuno esprima la sofferenza nello stesso modo degli altri, non è identico a loro. Ognuno ha una storia particolare che lo ha portato a stare male, inoltre ha modi di pensare propri, tratti specifici che lo rendono unico e irripetibile. Riappropriarsi della propria soggettività ha un innegabile effetto terapeutico perché allontana dalla identificazione totale con il proprio malessere. Se siamo altro rispetto a ciò di cui soffriamo possiamo anche metterlo in discussione, analizzarlo, distaccarcene un po’.

Spesso quest’ultima fase coincide con la richiesta di un approfondimento delle proprie questioni più intime e personali mediante un percorso di psicoterapia individuale. Si entra nel gruppo tutti uguali e se ne esce tutti diversi.

Lo psicoterapeuta, durante la terapia, offre se stesso come un facilitatore della circolazione libera della parola fra i membri del gruppo. La sua presenza è silenziosa ma c’è, sostiene senza offuscare i veri protagonisti del lavoro terapeutico.

Sono attivi i seguenti gruppi:

  • gruppi per il trattamento dei disturbi comportamento alimentare

  • gruppi per il trattamento delle dipendenze

  • gruppi per il trattamento dei disturbi da attacco di panico

  • gruppi per il trattamento della depressione

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Disturbo bipolare, personalità borderline e schizofrenia: quali differenze diagnostiche?

Il disturbo bipolare (sindrome maniaco-depressiva) non è immediatamente riconoscibile dal disturbo borderline di personalità, perché entrambi hanno in comune una serie importante di sintomi. Inoltre, essendo presenti nei due casi sintomi psicotici, si può creare confusione con la schizofrenia.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.