La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Si tratta delle così dette dipendenze affettive, in cui domina un pertinace attaccamento ad un partner sfuggente, incostante e sostanzialmente concentrato su se stesso. 

Le donne sono le più inclini a tale modalità “masochistica” ma non mancano nemmeno casi in cui è la controparte maschile a trovarsi in seria difficoltà.

Perché le donne sono le più invischiate?

A causa dell’educazione, di fattori culturali e di predisposizioni innate il genere femminile è portato alla cura, al contenimento e all’empatia.

Il materno si sovrappone facilmente al femminile, finendo per impattare anche all’interno delle relazioni di coppia. Gli stessi uomini, pur amando le donne forti ed indipendenti, in campo amoroso tendono a regredire, comportandosi spesso in maniera infantile e richiedente cura e attenzioni. 

In amore l’uomo si può rilassare, si può spogliare dei panni di quello che non deve chiedere mai, e può mostrare la sua parte più vulnerabile e bisognosa.

Fino a quando la colorazione del rapporto di coppia in senso materno non esclude la reciprocità e non soffoca la sessualità tutto rientra nella normalità; se i ruoli sono interscambiabili e anche la donna ha la possibilità di regredire senza sentirsi giudicata e di giocare un po’ allora nulla di male.

Tale sana reciprocità si instaura tuttavia non a caso ma per volontà di entrambi. Infatti quando l’uomo sistematicamente non si dimostra in grado di “dare” dal punto di vista affettivo,  la donna sufficientemente sicura di sé e del proprio valore si allontana, decretando la fine della dinamica sbilanciata.

Ma se persiste lo schema per cui lui è l’oggetto indiscusso delle cure (perché lunatico, incostante, vulnerabile e profondamente autoriferito)  e lei è sempre lì, pronta a capire, giustificare, sacrificarsi e ingoiare bocconi amari allora le cose si mettono male.

Le cause profonde 

E qui il discorso si fa del tutto unisex, nella misura in cui entrano in gioco vulnerabilità personali che poco hanno a che fare con l’identità di genere. 

Essere disposti a sopportare personalità ingombranti, di qualsiasi sesso siano, fino al sacrificio di sé,  sottende sempre nell’infanzia una figura genitoriale che è stata particolarmente invadente e poco rispettosa.

Essa ha inculcato involontariamente nella prole l’idea di “meritarsi” un ruolo subalterno nelle relazioni. 

Il genitore tendenzialmente “bipolare”, ovvero inarrivabile, grandissimo, super smart ma al tempo stesso anche estremamente vulnerabile e bisognoso ha un impatto schiacciante sui figli. Creando in loro un mix di insicurezze e di propensione all’aiuto tali da contribuire all’associazione inconscia fra il sentimento dell’amore forte e vero e quello di inferiorità, di nostalgia luttuosa e riparativa.

Nei rapporti con l’altro sesso queste persone vengono istintivamente attratte da personalità originali ma poi disturbate, verso cui si propongono ingenuamente come salvatori, senza mettere a fuoco la ripetizione verso cui vanno incontro e valutare adeguatamente le conseguenze di lungo termine.

Colui che dispensa cure si ritrova così inchiodato nella posizione di crocerossina/o e ogniqualvolta tenta di rivendicare attenzioni o di sospendere gli aiuti ottiene indifferenza, noncuranza o reazioni rabbiose e ostili. 

Nel tempo incamera sofferenza e frustrazione, alternando periodi di impotenza e depressione a crisi emotive parossistiche, queste ultime destinate ad esaurirsi  in un inconcludente trascinarsi, senza decisioni o  tagli netti.

La psicoterapia 

La terapia viene chiesta molto spesso con un obiettivo non chiaro nemmeno alla coscienza di chi domanda. Ovvero: “come posso cambiarlo?” . 

Pur stando male, spesso malissimo, chi resta intrappolato nella relazione d’amore unilaterale ad un livello più nascosto, enigmatico e per certi versi insondabile sta bene, è lì che vuole stare. È come se vivesse, si nutrisse della personalità del compagno, accettando la completa dipendenza da lui e dai suoi capricci. 

Egli in realtà fa fatica a percepirsi come un essere distaccato e completo di suo, perché psicologicamente ancora dipendente dal genitore problematico ma supposto “superiore e vitalizzante”.

La personalità in questi casi non è maturata completamente, sotto molti punti di vista permane una fanciullezza resistente alla crescita, al bagno di realtà. L’attesa che sia l’altro a donare la felicità, l’ebbrezza, il brivido, incastra e fa sopportare tutto, anche le peggiori mancanze di rispetto.

 Per questo è essenziale che nella cura si arrivi a mettere a fuoco queste dinamiche sottostanti.

Altrimenti il rischio è quello di spingere qualcuno a compiere delle decisioni che non solo non è in grado di assumere ma che non vuole nemmeno fare. 

Piuttosto il percorso terapeutico potrà essere riconosciuto come un’occasione non tanto per cambiare l’altro ma per riscoprirsi, per far emergere un vero sé (quando presente, almeno in potenza) rimasto imprigionato  sotto le macerie di un passato mai davvero problematizzato e rivisitato in maniera critica.

La rinascita del sé, se così si può dire, può preludere a scelte di rottura o al contrario conservative, là dove la personalità ritrovata sarà in grado di stimolare delle modificazioni anche nel partner e nella dinamica  sbilanciata che bloccava lo sviluppo di entrambi. 

Rapporto uomo donna

Altri articoli sull'amore

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961