La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Si tratta delle così dette dipendenze affettive, in cui domina un pertinace attaccamento ad un partner sfuggente, incostante e sostanzialmente concentrato su se stesso. 

Le donne sono le più inclini a tale modalità “masochistica” ma non mancano nemmeno casi in cui è la controparte maschile a trovarsi in seria difficoltà.

Perché le donne sono le più invischiate?

A causa dell’educazione, di fattori culturali e di predisposizioni innate il genere femminile è portato alla cura, al contenimento e all’empatia.

Il materno si sovrappone facilmente al femminile, finendo per impattare anche all’interno delle relazioni di coppia. Gli stessi uomini, pur amando le donne forti ed indipendenti, in campo amoroso tendono a regredire, comportandosi spesso in maniera infantile e richiedente cura e attenzioni. 

In amore l’uomo si può rilassare, si può spogliare dei panni di quello che non deve chiedere mai, e può mostrare la sua parte più vulnerabile e bisognosa.

Fino a quando la colorazione del rapporto di coppia in senso materno non esclude la reciprocità e non soffoca la sessualità tutto rientra nella normalità; se i ruoli sono interscambiabili e anche la donna ha la possibilità di regredire senza sentirsi giudicata e di giocare un po’ allora nulla di male.

Tale sana reciprocità si instaura tuttavia non a caso ma per volontà di entrambi. Infatti quando l’uomo sistematicamente non si dimostra in grado di “dare” dal punto di vista affettivo,  la donna sufficientemente sicura di sé e del proprio valore si allontana, decretando la fine della dinamica sbilanciata.

Ma se persiste lo schema per cui lui è l’oggetto indiscusso delle cure (perché lunatico, incostante, vulnerabile e profondamente autoriferito)  e lei è sempre lì, pronta a capire, giustificare, sacrificarsi e ingoiare bocconi amari allora le cose si mettono male.

Le cause profonde 

E qui il discorso si fa del tutto unisex, nella misura in cui entrano in gioco vulnerabilità personali che poco hanno a che fare con l’identità di genere. 

Essere disposti a sopportare personalità ingombranti, di qualsiasi sesso siano, fino al sacrificio di sé,  sottende sempre nell’infanzia una figura genitoriale che è stata particolarmente invadente e poco rispettosa.

Essa ha inculcato involontariamente nella prole l’idea di “meritarsi” un ruolo subalterno nelle relazioni. 

Il genitore tendenzialmente “bipolare”, ovvero inarrivabile, grandissimo, super smart ma al tempo stesso anche estremamente vulnerabile e bisognoso ha un impatto schiacciante sui figli. Creando in loro un mix di insicurezze e di propensione all’aiuto tali da contribuire all’associazione inconscia fra il sentimento dell’amore forte e vero e quello di inferiorità, di nostalgia luttuosa e riparativa.

Nei rapporti con l’altro sesso queste persone vengono istintivamente attratte da personalità originali ma poi disturbate, verso cui si propongono ingenuamente come salvatori, senza mettere a fuoco la ripetizione verso cui vanno incontro e valutare adeguatamente le conseguenze di lungo termine.

Colui che dispensa cure si ritrova così inchiodato nella posizione di crocerossina/o e ogniqualvolta tenta di rivendicare attenzioni o di sospendere gli aiuti ottiene indifferenza, noncuranza o reazioni rabbiose e ostili. 

Nel tempo incamera sofferenza e frustrazione, alternando periodi di impotenza e depressione a crisi emotive parossistiche, queste ultime destinate ad esaurirsi  in un inconcludente trascinarsi, senza decisioni o  tagli netti.

La psicoterapia 

La terapia viene chiesta molto spesso con un obiettivo non chiaro nemmeno alla coscienza di chi domanda. Ovvero: “come posso cambiarlo?” . 

Pur stando male, spesso malissimo, chi resta intrappolato nella relazione d’amore unilaterale ad un livello più nascosto, enigmatico e per certi versi insondabile sta bene, è lì che vuole stare. È come se vivesse, si nutrisse della personalità del compagno, accettando la completa dipendenza da lui e dai suoi capricci. 

Egli in realtà fa fatica a percepirsi come un essere distaccato e completo di suo, perché psicologicamente ancora dipendente dal genitore problematico ma supposto “superiore e vitalizzante”.

La personalità in questi casi non è maturata completamente, sotto molti punti di vista permane una fanciullezza resistente alla crescita, al bagno di realtà. L’attesa che sia l’altro a donare la felicità, l’ebbrezza, il brivido, incastra e fa sopportare tutto, anche le peggiori mancanze di rispetto.

 Per questo è essenziale che nella cura si arrivi a mettere a fuoco queste dinamiche sottostanti.

Altrimenti il rischio è quello di spingere qualcuno a compiere delle decisioni che non solo non è in grado di assumere ma che non vuole nemmeno fare. 

Piuttosto il percorso terapeutico potrà essere riconosciuto come un’occasione non tanto per cambiare l’altro ma per riscoprirsi, per far emergere un vero sé (quando presente, almeno in potenza) rimasto imprigionato  sotto le macerie di un passato mai davvero problematizzato e rivisitato in maniera critica.

La rinascita del sé, se così si può dire, può preludere a scelte di rottura o al contrario conservative, là dove la personalità ritrovata sarà in grado di stimolare delle modificazioni anche nel partner e nella dinamica  sbilanciata che bloccava lo sviluppo di entrambi. 

Rapporto uomo donna

Altri articoli sull'amore

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

Donne che amano troppo

“Donne che amano troppo”, titolo di un famoso best seller americano degli anni ottanta, è stato ed è ancora (soprattutto fra le non più giovanissime) una sorta di mantra relativo alla sofferenza femminile in campo amoroso.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961