Giovinezza

La giovinezza è quel tempo sfumato e senza confini netti che si snoda fra la fine dell’adolescenza e l’inizio della vita adulta. Coincide spesso temporalmente con l’uscita dalla scuola superiore e l’avviamento di un percorso universitario o professionale.

Se da una parte permane ancora la dipendenza dalla famiglia di origine e l’esperienza di vita accumulata è ancora scarsa, dall’altra subentrano una maturità e un equilibrio prima sconosciuti.

Rispetto al tempo dell’adolescenza, fatto di scossoni e mutamenti anche radicali, si delineano i contorni della personalità, emergono chiaramente gusti, aspirazioni, idee. Ancora sono forti la spinta ad imparare e l’entusiasmo della scoperta. Iniziano a prendere corpo in maniera decisa uno scopo, un’aspirazione, un progetto. Non si è più sospesi fra mille possibilità. La dedizione, l’impegno, l’energia caratterizzano questo tempo, in cui per altro si manifesta una sempre maggiore consapevolezza delle proprie scelte. Anche in campo amoroso e nelle amicizie si esprimono un gusto e un’inclinazione personali.

Tuttavia può accadere che questa progressiva assunzione di responsabilità subisca alcuni scacchi. Ciò può avvenire sia nella forma di una restrizione della propria libertà, un rimanere intrappolati al volere degli altri (della famiglia ad esempio) e quindi un dedicarsi alle attività e agli amori senza gioia, senza passione autentica, oppure al contrario in quella di un eccesso di possibilità, che portano a disperdersi e perdersi in mille relazioni e attività che non costruiscono nulla, non danno luogo a niente di concreto.

In entrambi i casi, sia in quello della rinuncia che della moltiplicazione ingorda di esperienze, capita di arrivare al punto di non sapere più ciò che si è e cosa si vuole veramente.

Per questo a volte una psicoterapia intorno ai trent’anni può essere quella molla che spinge a ritrovare ambizioni messe da parte o a ritagliare dalla gamma infinita di possibilità quella decisiva, unica che direzionerà la propria vita.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.