Giovinezza

La giovinezza è quel tempo sfumato e senza confini netti che si snoda fra la fine dell’adolescenza e l’inizio della vita adulta. Coincide spesso temporalmente con l’uscita dalla scuola superiore e l’avviamento di un percorso universitario o professionale.

Se da una parte permane ancora la dipendenza dalla famiglia di origine e l’esperienza di vita accumulata è ancora scarsa, dall’altra subentrano una maturità e un equilibrio prima sconosciuti.

Rispetto al tempo dell’adolescenza, fatto di scossoni e mutamenti anche radicali, si delineano i contorni della personalità, emergono chiaramente gusti, aspirazioni, idee. Ancora sono forti la spinta ad imparare e l’entusiasmo della scoperta. Iniziano a prendere corpo in maniera decisa uno scopo, un’aspirazione, un progetto. Non si è più sospesi fra mille possibilità. La dedizione, l’impegno, l’energia caratterizzano questo tempo, in cui per altro si manifesta una sempre maggiore consapevolezza delle proprie scelte. Anche in campo amoroso e nelle amicizie si esprimono un gusto e un’inclinazione personali.

Tuttavia può accadere che questa progressiva assunzione di responsabilità subisca alcuni scacchi. Ciò può avvenire sia nella forma di una restrizione della propria libertà, un rimanere intrappolati al volere degli altri (della famiglia ad esempio) e quindi un dedicarsi alle attività e agli amori senza gioia, senza passione autentica, oppure al contrario in quella di un eccesso di possibilità, che portano a disperdersi e perdersi in mille relazioni e attività che non costruiscono nulla, non danno luogo a niente di concreto.

In entrambi i casi, sia in quello della rinuncia che della moltiplicazione ingorda di esperienze, capita di arrivare al punto di non sapere più ciò che si è e cosa si vuole veramente.

Per questo a volte una psicoterapia intorno ai trent’anni può essere quella molla che spinge a ritrovare ambizioni messe da parte o a ritagliare dalla gamma infinita di possibilità quella decisiva, unica che direzionerà la propria vita.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Lutto e depressione: somiglianze e differenze

 

Uno stato luttuoso successivo ad una perdita, sia essa di una persona, di un lavoro o di una condizione esistenziale, spesso ad un occhio non esperto non appare distinguibile dalla depressione. In comune vi sono infatti alcune manifestazioni tipiche: un profondo e doloroso scoramento, una perdita di interesse per il mondo esterno e per la maggior parte delle attività quotidiane e un affievolimento della capacità di amare.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.