Conversioni somatiche

I sintomi isterici sono i derivati di ricordi che operano a livello inconscio.
Sigmund Freud

Chiamiamo conversioni tutta una serie di piccoli e indecifrabili disturbi fisici che mettono al centro il corpo e il suo malessere e che, indagati dalla medicina, non svelano nessuna lesione organica. Dipendono cioè al cento per centodalla psiche e non producono nessun danno permanente agli organi interessati dalla disfunzione.

Ad esempio: contratture o paralisi della muscolatura (dei vari distretti corporei: occhi, viso, collo, schiena, braccia, mani, gambe, piedi, organi genitali…), crampi o dolori agli organi interni (testa, cuore, polmoni, stomaco e intestino nella forma di turbe gastrointestinali o conati di vomito…), insensibilità e anestesie (della pelle, della percezione, degli organi genitali nella forma di frigidità sessuale…)

Queste localizzazioni della sofferenza sul corpo permettono in molti casi di avvertire solo il dolore fisico, che neutralizza, cancella, nasconde quello della psiche. Qualcosa non va ma non lo si vuol vedere. È in atto un vero e proprio meccanismo di rimozione dei fattori psichici. Non a caso la psicoanalisi nasce proprio a partire dallo studio di questo tipo di problematiche (le famose paralisi isteriche studiate da Charcot) che, se nel corso del tempo sono cambiate per certi versi nella forma, continuano a persistere anche ai giorni nostri.

Soprattutto il genere femminile ne è interessato. Questo fenomeno ha varie spiegazioni, tra cui una maggiore sensibilità della donna alla tematica del corpo, alle sue modificazioni, al suo potere seduttivo e generativo, al suo valore per l’espressione della femminilità e dell’identità.

Gli organi che vengono colpiti frequentemente hanno un valore speciale che va al di là dell’anatomia, simboleggiano qualcosa, un malessere interiore che attraverso il loro malfunzionamento cercano di rappresentare, teatralizzare.

A volte l’insoddisfazione, il lamento e un po’ di vittimismo fanno da corollario ai sintomi del corpo. Oppure al contrario osserviamo una tendenza alla ribellione, alla sfida, alla ricerca continua di altro. Questi sono tutti modi per dare voce all’urgenza vitale che attraversa la donna, il suo bisogno di essere vista e apprezzata e nello stesso tempo di accedere a una libertà senza vincoli, uno spazio privo di costrizioni e ricco di possibilità inesplorate.

La sfida nel trattamento di questi disturbi consiste nel valorizzare la vitalità della sottostante spinta al nuovo senza che la sua espressione avvenga per la via patologica e invalidante del sintomo.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Depressione lucida o inconsapevole?

L’affetto depressivo tendenzialmente mal si concilia con l’esercizio della parola, inteso quest’ultimo come possibilità di espressione ed elaborazione di questioni relative a verità soggettive. La depressione blocca la parola sia nella sua dimensione di ponte nei confronti dell’Altro, sia nella sua potenzialità dinamica di scoperta del nuovo.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.