Le età della vita

La vita è troppo breve per sprecarla a realizzare i sogni degli altri.
Oscar Wilde
eta-della-vita-sibilla-ulivi-grey

Un percorso psicoterapeutico o una serie di colloqui con un terapeuta possono essere utili in ogni età della vita.

Se la terapia con il bambino comporta altri strumenti rispetto al colloquio clinico, dall’adolescenza in poi, grazie allo sviluppo del linguaggio e dell’autoconsapevolezza, si può accedere ad un lavoro basato sulla parola.

Convenzionalmente, possiamo rintracciare quattro grandi scansioni a partire dal termine dell’infanzia. L’adolescenza, la giovinezza, la vita adulta e la terza età. Tra una fase e l’altra i confini sfumano e in ogni caso sono sempre variabili da persona a persona. Inoltre, tra l’adolescenza e la vita adulta vera e propria, potremmo collocare il tempo della giovinezza, quell’area dai contorni indefiniti intorno alla trentina e che si confonde con l’inizio della maturità.

Ognuna di queste fasi può comportare delle crisi specifiche, legate alla particolarità delle sfide che qualificano ciascuna tappa. Se ogni momento della vita porta con sé la necessità della scelta, del confronto con i propri limiti e l’incontro con la perdita, nello stesso tempo non esistono dei paletti rigidi fra una fase e l’altra che impediscano di rilanciare progetti e desideri.

Non è mai “troppo tardi” per rimettersi in gioco, per incontrare il nuovo, per cambiare. Nonostante esistano delle stagioni e ciascuna di esse abbia le sue specificità, ogni essere umano conserva nel tempo la capacità di rinnovarsi e di trasformare le sue necessarie perdite in nuove occasioni di crescita interiore.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.