Terza età

Il corpo è cambiato, non è più quello di una volta, scattante, forte. L’immagine di sé pure non corrisponde più a quella che ha accompagnato gli anni centrali della vita. Anche la mente non sfugge alla metamorfosi: la memoria può andare incontro a vuoti, dimenticanze. Capita di commettere sbadataggini, di perdersi. Il ragionamento e il linguaggio si fanno meno graffianti, le emozioni sono più sfumate o al contrario compare un’emotività prima sconosciuta.

Ci si sente fragili, un po’ smarriti e impauriti. Ogni cosa accanto a noi scorre veloce, in un’accelerazione in cui non ci riconosciamo più. Dove corrono tutti quanti? Per andare dove?

E’ vero, siamo diventati vecchi. Apparentemente, in questo mondo che insegue eterna giovinezza, forza, benessere, prestazione, che tenta così di rimuovere l’inaggirabile fragilità umana, non abbiamo più posto. Ma è davvero così?

La nostra esperienza passata, la nostra saggezza, il nostro attuale incedere lento e timoroso non servono proprio più a niente e a nessuno?

La trasformazione a cui siamo andati incontro va vista per forza come un meno? Perché non la possiamo godere così com’è, come una nuova stagione, un grande mutamento che comporta anche delle ricchezze ed acquisizioni?

Spesso la persona anziana va incontro a solitudine e depressione. Soprattutto dopo la perdita del coniuge, sente di non avere più valore agli occhi degli altri, di essere diventata un peso. Teme di infastidire con i suoi racconti a volte troppo lunghi, con il suo bisogno di comunicazione e di tenerezza.

Una psicoterapia, anche in quest’ultima stagione della vita, può aiutare a riscoprire il proprio valore che si pensava perduto, a recuperare serenità e fiducia, a vivere nella sua pienezza l’era della saggezza, della lentezza, dei ricordi, del fluire sommesso delle ore.

Anche quando compare la malattia e la morte si fa più vicina ci si può concedere di chiedere aiuto. Sono questi i momenti in cui più abbiamo bisogno della presenza e dell’ascolto di un altro essere umano. Che in quanto altro e al di fuori del proprio ambiente non ci chiede niente, non giudica, ci può donare una differente visione delle cose ed un’accoglienza del nostro dolore. Il quale, così, trova un posto, una collocazione, una possibilità di sfuggire, almeno in parte, all’insensatezza della fine.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.