Terza età

Il corpo è cambiato, non è più quello di una volta, scattante, forte. L’immagine di sé pure non corrisponde più a quella che ha accompagnato gli anni centrali della vita. Anche la mente non sfugge alla metamorfosi: la memoria può andare incontro a vuoti, dimenticanze. Capita di commettere sbadataggini, di perdersi. Il ragionamento e il linguaggio si fanno meno graffianti, le emozioni sono più sfumate o al contrario compare un’emotività prima sconosciuta.

Ci si sente fragili, un po’ smarriti e impauriti. Ogni cosa accanto a noi scorre veloce, in un’accelerazione in cui non ci riconosciamo più. Dove corrono tutti quanti? Per andare dove?

E’ vero, siamo diventati vecchi. Apparentemente, in questo mondo che insegue eterna giovinezza, forza, benessere, prestazione, che tenta così di rimuovere l’inaggirabile fragilità umana, non abbiamo più posto. Ma è davvero così?

La nostra esperienza passata, la nostra saggezza, il nostro attuale incedere lento e timoroso non servono proprio più a niente e a nessuno?

La trasformazione a cui siamo andati incontro va vista per forza come un meno? Perché non la possiamo godere così com’è, come una nuova stagione, un grande mutamento che comporta anche delle ricchezze ed acquisizioni?

Spesso la persona anziana va incontro a solitudine e depressione. Soprattutto dopo la perdita del coniuge, sente di non avere più valore agli occhi degli altri, di essere diventata un peso. Teme di infastidire con i suoi racconti a volte troppo lunghi, con il suo bisogno di comunicazione e di tenerezza.

Una psicoterapia, anche in quest’ultima stagione della vita, può aiutare a riscoprire il proprio valore che si pensava perduto, a recuperare serenità e fiducia, a vivere nella sua pienezza l’era della saggezza, della lentezza, dei ricordi, del fluire sommesso delle ore.

Anche quando compare la malattia e la morte si fa più vicina ci si può concedere di chiedere aiuto. Sono questi i momenti in cui più abbiamo bisogno della presenza e dell’ascolto di un altro essere umano. Che in quanto altro e al di fuori del proprio ambiente non ci chiede niente, non giudica, ci può donare una differente visione delle cose ed un’accoglienza del nostro dolore. Il quale, così, trova un posto, una collocazione, una possibilità di sfuggire, almeno in parte, all’insensatezza della fine.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.