Ossessioni

Ci sono taluni ossessi di prudenza, che a furia di volere evitare ogni più piccolo errore, fanno dell'intera vita un errore solo.
Arturo Graf

Le problematiche di natura ossessiva colpiscono l’attività di pensiero. Possiamo avere la tendenza a rimuginare, a girare a vuoto sempre sugli stessi argomenti. A volte si affiancano pure delle compulsioni, cioè spinta ad agire, a fare delle cose in risposta ad alcuni rigidi comandamenti interni. Ciò che spesso si blocca è la capacità di scelta, il non sapere quello che succederà paralizza. Prevale allora il dubbio, si vagliano meticolosamente pro e contro dei possibili scenari senza riuscire a propendere né per gli uni né per gli altri.

Si vive così nel rimandare, nel “poi”, congelando la propria vita, i propri talenti, le proprie aspirazioni. Tutto deve essere amministrato e tenuto sotto controllo, non ci possono essere buchi, perdite. Tutto deve restare così come è, immutabile, imbalsamato, “morto”. Per molti anni ci si può trascinare in questo tran tran inaridente. Si arriva a chiedere aiuto quando nel silenzio e immobilismo della propria vita tutelata da mille garanzie, si fanno sentire la voce, il tarlo del desiderio. Una crepa si forma nel guscio protettivo ma asfissiante dell’amministrazione ossessiva. Che può assumere la forma di un innamoramento, il risvegliarsi di un’antica aspirazione, un lutto, un evento inatteso e sconvolgente.

Spesso questa problematica è più diffusa fra gli uomini, anche se si incontra sempre più frequentemente anche nelle donne. C’è in gioco una tendenza, più maschile del resto, a cercare di ridurre l’imprevedibilità della passione entro binari stabiliti, ordinati. A cercare di rispondere alla domanda d’amore da parte del partner attraverso la gestione degli aspetti pratici della vita. “Faccio tutto quello che vuoi ma non mi chiedere niente” è la modalità di approccio alla relazione, che mira a mettere fuori gioco un coinvolgimento più profondo, una messa in discussione di sé, un incontro autentico con la differenza dell’altro.

La psicoterapia può allora aiutare ad allentare la tendenza al controllo e a restituire la gioia del lasciarsi andare, all’amore, alle scelte, all’imprevedibilità della vita.

Ossessioni: alcuni casi clinici

  • Alice ha visto morire il fidanzato e la migliore amica durante un incidente stradale. Sono passati già alcuni anni e il dolore acuto si è smorzato. Un nuovo amore sembra poter nascere. Tuttavia è in dubbio, non sa se accettare o meno il corteggiamento. La sua mente è impegnata a rimuginare di continuo su come avrebbero potuto andare le cose se nelle ore prima dell’incidente avesse fatto questa o quest’altra cosa. E’ come se una parte di sé le dicesse di essere cattiva ed egoista. Come smorzare questo rimuginare ossessivo? Come mitigare l’inflessibilità delle autoaccuse?

  • Antonello è un uomo soddisfatto. Un buon lavoro, una bella famiglia. Al compimento del quarantesimo anno di età gli succede però qualcosa di strano. Da semplici considerazioni sul passare del tempo inizia via via a fissarsi sul tema della caducità della vita. Si interroga di continuo sul mistero della vita e della morte, si chiude in se stesso, si mostra geloso e intollerante nei confronti della vitalità della moglie. Non siamo più ragazzini! le dice di fronte a sue semplici manifestazioni di gioia. Cosa ha provocato questa crisi?

  • Mirko da ragazzo era timido e impacciato con le donne. Oggi è invece sicuro di sé e molto affascinante. Tuttavia quella che era una caratteristica a cui in passato non dava peso sta iniziando a interrogarlo. Dopo aver fatto l’amore con una donna la deve cacciare dal suo letto. Non può dormire insieme a lei, altrimenti una serie di pensieri tormentosi gli impedisce di lasciarsi andare al sonno. Come poter mantenere vivo il desiderio per una donna amandola nello stesso tempo?

  • Filippo è un uomo di cultura, tutto pensiero astratto e controllo. La sua attitudine alla riflessione e allo studio lo portano però a trascurare la moglie. Tutto in casa deve svolgersi secondo una sequenza ordinata, per potergli lasciare il tempo di dedicarsi alle sue passioni intellettuali. Anche la sessualità diventa sbrigativa e meccanica. Va in crisi quando la moglie lo lascia. Allora chiede aiuto…

  • Marco è uno studente in gamba. Scrupoloso, meticoloso. È sempre stato un “bravo ragazzo”. Da un po’ non riesce a concentrasi negli studi. È costantemente distratto da pensieri intrusivi, fantasticherie, sogni ad occhi aperti. Che lo portano ad arrivare impreparato agli esami. Cosa mette in scacco il suo pensiero?

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.