Isteria: tra discorso comune e psicoanalisi

Molto spesso, come psicologo che lavora a Milano, mi capita di sentire frasi come “ha fatto una scenata isterica”, “calmati, smettila di fare l’isterico”, “era fuori di sé come un’isterica” ecc…Il termine isteria è dunque usato nel linguaggio comune per nominare quei comportamenti in cui il soggetto, senza essere folle, è dominato da una transitoria emotività, che lo conduce fino a scoppi d’ira o a crisi angosciose.

Ne esce il ritratto di una persona tendenzialmente capricciosa, poco accomodante, egocentrica ed esibizionista. Di solito di sesso femminile.

Ma è proprio questa l’isteria per la psicoanalisi? Le descrizioni citate colgono qualcosa della questione, ma solo una parte. Quella cioè legata alla teatralità e all’esibizionismo, una modalità tipicamente isterica di attirare su di sé l’attenzione, connotata da un certo vittimismo da melodramma.

Tuttavia l’isteria è molto di più di un semplice accesso emotivo. Sigmund Freud la considerava una “nevrosi”, cioè una struttura psichica dominata dal meccanismo della rimozione di pulsioni inaccettabili per la coscienza, di natura per lo più sessuale. Ciò dava luogo a dei sintomi centrati sul corpo, quali tremori, paralisi, blocchi, dolori vari (le famose conversioni somatiche), risultanti dal ritorno del rimosso. La pulsione trovava così una via sostitutiva di appagamento.

Il legame isteria – sessualità non è una scoperta freudiana: ne parlava già Ippocrate, persuaso del fatto che l’isteria fosse una malattia legata alla mancata purificazione dell’utero da parte del coito e della procreazione. Questi riconosceva nell’isteria aspetti somatici (paralisi, tremori, crisi epilettiche, febbri) e psichici (ansia, crisi di panico, depressione).

Se nel corso del tempo tale concezione viene sostanzialmente condivisa ed assume pure delle connotazioni denigratorie nei confronti delle donne isteriche, considerate moralmente deboli e simulatrici, Freud sarà sempre critico verso la demonizzazione della donna, interessato piuttosto a un’indagine di tipo scientifico basata su osservazioni lucide e scevre da pregiudizi.

Si deve a Jacques Lacan la valorizzazione del concetto freudiano per cui l’isteria, in quanto nevrosi ingenerata dalla rimozione, comporta una divisione del soggetto. Chi ne soffre è impigliato nel dilemma del “vorrei ma non posso”. Vive la dimensione del desiderio ma fatica a realizzarlo, le sue energie vitali finiscono con l’esaurirsi nel sentimento di una generale insoddisfazione.

Questo appare dunque il cuore dell’isteria. La centralità del desiderio e la sua fatale insoddisfazione. Certo, ci sono i comportamenti esibizionistici, ma anche loro si spiegano in quest’ottica. Il soggetto isterico, di cui ormai è chiara la prevalenza fra il sesso femminile, si nutre di desiderio. E’ così spalancato verso l’altro, come una bocca aperta. Si industria allora per suscitare il desiderio dell’altro, per catturarlo. Salvo poi, quando ci riesce, darsela a gambe. Continuando ad usare l’insoddisfazione come meccanismo principe per mantenere la dimensione aperta del desiderio.

La cura dell’isteria, oggi ancora ben diffusa nonostante siano cambiate le sue modalità di manifestazione, costituisce un’altra importante sfida per uno psicologo a Milano.

Riesce se il soggetto incontra tutto questo. Realizzando come sia possibile soddisfare un desiderio senza per questo appassire.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.