Nevrosi ossessiva e paranoia. Quale differenza?

Tutti i clinici sanno bene come il nevrotico ossessivo e il paranoico condividano un tratto comune, ovvero la passione assoluta per il pensiero. Entrambi cioè cercano, tramite sistemi astratti, di identificare dei principi ultimi che possano indiscutibilmente attribuire un senso all'esistenza e alla natura umana, di per sè invece ricche di mistero e segnate da profonde contraddizioni, ambivalenze e lacerazioni.

Tuttavia tale assetto difensivo, rigidamente improntato alla ricerca della "vera" verità, risponde a logiche diverse, che differenziano strutturalmente la nevrosi ossessiva dalla paranoia. A ben vedere, andando oltre l'aspetto fenomenico comune, si tratta di mondi ben distinti, molto lontani fra di loro. Che rispondono altrettanto diversamente ad una cura, nei casi in cui vi si sottopongono.

Quali sono allora le specificità di ciascuna struttura?

Nella paranoia, come affermava Lacan, "tutto è segno". Ciò individua una prima differenza con la nevrosi ossessiva. "Tutto è segno" mette l'accento su una dimensione delirante del fenomeno, perché vuole dire che per il paranoico il non senso semplicemente non esiste. La verità diventa quindi una certezza che taglia fuori la dimensione del dubbio, della ricerca, dell'interrogazione. Ogni ossessivo al contrario, pur ancorandosi saldamente alle sue elucubrazioni, sa metterle in discussione in un secondo tempo, sa confrontarsi con l'altro, è permeabile alla parola.

La certezza della verità serve al paranoico per trattare un'ambivalenza con cui non può strutturalmente fare i conti. A causa di una fragilità di fondo esasperata il suo Io si cementifica, si cristallizza, esclude ogni divisione interna, aggrappandosi a categorie dicotomiche che distinguono il " giusto" dallo "sbagliato" , il " buono" dal "cattivo", il "puro" dall' "impuro".... In questo modo tiene a distanza le parti scabrose di se stesso (che non saprebbe in nessun modo integrare se non a rischio di andare in pezzi) proiettandole all'esterno. Ecco che il mondo diventa minaccioso, si popola di persecutori da temere e combattere. L'Altro vuole godere di lui, è cattivo, è abusante, è tiranno.

Anche l'ossessivo si trova in difficoltà con l'ambivalenza che attraversa se stesso e l'Altro. Anche lui è in balia di spinte contrapposte d'odio e d'amore, che tenta disperatamente di tenere a bada. A differenza del paranoico però è un soggetto desiderante, segnato da una mancanza, in perdita. Mentre nella paranoia la dimensione del desiderio non esiste, c'è solo una compattezza difensiva che copre una frammentazione di fondo. Non una mancanza, non una ferita, non uno strappo ma un caos, un magma indifferenziato, un'assenza di regolazione e di ordine.

L'ossessivo patisce di una perdita di un godimento "mitico" infantile (quello in rapporto all'unione con la madre) perché è soggetto alla legge, all'intervento di un principio terzo di ordine paterno che lo scaccia da un'unione totale con il primo oggetto d'amore. Da lì la ferita, l'odio per il padre e il tentativo di negare il patimento legato all'irruzione traumatica della legge attraverso un suo iper investimento. Ecco nascere la morale, il rispetto per le regole, l'idealizzazione del pensiero contrapposto alla forza della pulsione e del desiderio. Questi ultimi restando però inconsciamente delle forze potentissime che sbalestrano di continuo la sua ricerca di padronanza e coerenza.

Nella paranoia non v'è nulla di tutto ciò. Non c'è stato intervento della legge nell'infanzia, non c'è stata alcuna "castrazione simbolica". Il paranoico è rimasto impigliato in un rapporto incestuoso con l' Altro, è rimasto un oggetto nelle sue mani, intrappolato in un gioco di specchi con il simile che gli ha impedito di accedere ad una libertà e ad un'indipendenza dall'Altro, anche solo in potenza. Odio e amore per lui sono spinte pericolosissme e distruttive, da tenere a bada con meccanismi proiettivi di controllo.

Ne consegue come una terapia nel caso della nevrosi ossessiva andrà nella direzione dell'acquisizione di un rapporto più armonico con il desiderio. Attraverso la parola si cerca di dare voce all'inconscio, diminuendo la spinta al controllo da parte dell'Io. Il soggetto incontrerà cosí accanto alla sua morale anche il suo odio. Vedrà il suo peggio, nell'ottica di una convivenza meno turbolenta con le parti scabrose di sè. Nel caso della paranoia si cercherà invece di stemperarne la persecutorietà, attraverso l'incarnazione di un Altro regolato che possa supplire in parte alla carenza patita.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.