Il disagio della giovinezza

La giovinezza è quel lasso di tempo nella vita di una persona che segue l'adolescenza e prelude all'età adulta. È di durata variabile, generalmente si situa fra i venti ed i trent'anni circa. A differenza dell'adolescenza, connotata per lo più dalla ribellione e dalla spinta violenta alla differenziazione dal contesto di origine, implica la ricerca di una dimensione personale che non sia però più in opposizione netta all'Altro, ma a cui sia permesso un inserimento e una possibilità di realizzazione concreta nella societá.

Accanto ad una spinta desiderante ancora forte e decisa, prende piede la capacità di orientare le energie verso scopi e progetti dai contorni definiti, non più vaghi ed astratti. La realtà non è più semplicemente rifiutata e criticata, ma diventa un luogo sul quale si scopre di avere una capacità di incidenza e di trasformazione attraverso le proprie azioni. Il conflitto fra l'ideale e l'imperfezione del mondo giunge ad una conciliazione, attraverso la conquista di un annodamento fra aspirazioni e loro messa in forma. L'accettazione delle limitazioni imposte dalla realtà non è da impedimento ma da stimolo per dar luogo a creazioni originali e personali, sempre all'interno di un orizzonte comunitario.

Spessissimo però la sfida propria di questo periodo della vita, quella di tenere insieme i sogni con la realtà, va incontro ad un fallimento, o per eccesso di conformismo o al contrario per una dose eccessiva di idealismo che blocca ogni possibilità di realizzazione.

Nel primo caso prevale un iper adattamento alle richieste ambientali, che tendono a livellare e a massificare i desideri dei singoli. Ecco che le scelte non si orientano verso ciò che appassiona davvero ma sono determinate dalla volontà di aderire ai valori e alle idee condivise su cosa è ritenuto giusto ed opportuno volere. Si girano così le spalle alle vere inclinazioni per abbracciare dei percorsi in cui non si crede fino in fondo, nella convinzione mortificante quanto ingannevole che per andare avanti nella vita sia necessario rinunciare ai propri sogni.

Ne secondo caso invece il fallimento all'auto realizzazione è decretato dal predominio di un atteggiamento utopistico, che porta a scartare tutti i gruppi, gli ambienti e comunità umane perché giudicati inappropriati a permettere il dispiegamento dei propri talenti. Nessuna situazione è mai quella ideale, mai quella all'altezza. L'inconcludenza ne è la conseguenza fatale, le occasioni vengono continuamente bruciate perché non si riesce a venire a patti con l'imperfezione dell'Altro, ostinatamente mantenuto in una posizione " senza macchie".

Un lavoro psicoterapeutico in questa fase delicata della vita può fare moltissimo per aiutare a trovare un qualche intreccio fra desiderio e soddisfazione. Chi troppo rinuncia riuscirà nel tempo a sintonizzarsi nuovamente sulle frequenze del proprio desiderio, mentre chi troppo critica potrà ammorbidire la sua chiusura per aprirsi all'imperfezione insita in ogni atto umano.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.