La non accettazione del limite

Che significa rifiutare i propri e altrui limiti? Da dove origina tale attitudine? E quali ricadute ha sulla vita?

Un po' tutti gli esseri umani tendono a non voler accettare la propria castrazione, ovvero la limitatezza del proprio essere e delle sue possibilità espressive e d'azione. Anche i bravissimi, i più talentuosi hanno un punto debole, una macchia cieca che offusca in parte la loro lucidità. È un dato di struttura: la perfezione assoluta non è propria dell'umano, che è tale perché è diviso, lacerato, incompleto.

Ora esistono soggetti che compiono comunque grandi opere, nonostante ciò. Il fatto che riescano a creare non significa che la castrazione non li tocchi, non vuol dire che appartengono ad un'altra specie. Sicuramente c'è del talento, addirittura del genio nei casi dei grandi scienziati o artisti che segnano la storia. Ma poi interviene qualcos'altro, qualcosa che può accomunare il raffinato musicista al semplice falegname.

Si tratta del saperci fare con il vuoto, con la mancanza, con il non sapere e il non capire. Un'umiltà di fondo, che riflette un atteggiamento di accettazione verso il fatto che qualcosa sfugga sempre. Allora al posto del rifiuto e della rabbia subentra la curiosità, invece che la lotta con se stessi compare la dedizione, da distinguere bene dal sacrificio. La chiusura narcisistica della rivalità con la propria immagine ideale lascia il posto ad un'apertura all'altro, il focus non è più su se stessi e sui risultati da raggiungere ma sulla cosa, sul provare costantemente ad avvicinarla nonostante sfugga incessantemente.

L'esperienza creativa ad ogni livello ed in ogni campo comporta sempre uno spossessamento, una povertà, un vuoto di essere. Il limite personale è trasformato in un trampolino di lancio per la ricerca, mentre il tempo si ferma, mentre esiste solo il qui ed ora dell'atto.

Purtroppo nella contemporaneità il focus ossessivo ed esasperato sulla performance e l'eccellenza a tutti i costi va nella direzione del rifiuto della castrazione e non della sua integrazione. Spesso questa attitudine maniacale è respirata in famiglia, molti giovani davvero capaci sentono di non essere mai abbastanza rispetto alle aspettative dell'Altro, vivendo le loro défaillance come delle catastrofi o delle spie del loro non valere nulla.

Si tratta di un meccanismo pericoloso perché ha come ricaduta su molte vite o la rinuncia, il mollare tutto a partire dalla convinzione di una presunta inadeguatezza personale, o al contrario un cieco narcisismo, che rimuove i propri punti ciechi e ingabbia in una lotta rivaleggiante con se stessi e il mondo senza fine. Chiudendo le porte all'altro e alla possibilità di mettersi in discussione in maniera costruttiva e non semplicemente mortificante.

Una psicoterapia su questo punto può fare molto, proprio nella misura in cui fa risaltare le "macchie" rispetto all'immagine senza incrinature. Un approccio psicoanalitico non mira a cancellarle queste macchie, ma ad interrogarle. Per renderle generative, trasformarle da semplici inciampi al successo in possibilità per rimettersi in gioco a partire da un rovesciamento di prospettiva.

Altri articoli di attualità

Il disagio della giovinezza

La giovinezza è quel lasso di tempo nella vita di una persona che segue l'adolescenza e prelude all'età adulta. È di durata variabile, generalmente si situa fra i venti ed i trent'anni circa. A differenza dell'adolescenza, connotata per lo più dalla ribellione e dalla spinta violenta alla differenziazione dal contesto di origine, implica la ricerca di una dimensione personale che non sia però più in opposizione netta all'Altro, ma a cui sia permesso un inserimento e una possibilità di realizzazione concreta nella societá.

Leggi l'articolo

Paura sana e paura malata ai tempi del virus

Generalmente conosciamo due tipi di paura, quella “istintiva”,  innescata direttamente dall’elemento minaccioso, e quella più “fredda”, dettata dall’esercizio della ragione.

Leggi l'articolo

Il bullismo visto dalla compagnia teatrale Quelli di Grock. Osservazioni sullo Spettacolo “Io me ne frego”.

Biglia e Rospo sono due ragazzini molto diversi. L’uno studioso, un po’ timido, ancora acerbo nel corpo. L’altro allergico alla scuola, chiacchierone, fisicamente prestante. Stanno bene insieme, sono amici. Tra loro c’è uno scambio spontaneo e vivace, al di là delle differenze caratteriali. La presa di giro, quando c’è, è lieve, non punta a distruggere ma esprime l’attrazione di fondo per la particolarità dell’altro.

Leggi l'articolo

Tipi estroversi ed introversi: luci e ombre

Posto che non esiste il tipo estroverso puro così come l'introverso tout court, proprio perché ogni essere è una miscela unica di tratti che rendono impossibile qualsiasi sua riduzione ad uno stereotipo, possiamo però tratteggiare per comodità il ritratto delle due personalità estreme. Ciò per mostrare come ciascuna delle due tendenze dell'animo umano possegga luci ed ombre.

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

La sindrome di Peter Pan

La  figura di Peter Pan (un personaggio letterario, ibrido fra uccello e bambino), viene comunemente evocata per indicare l’immaturità emotiva tipica di alcuni soggetti, appartenenti  soprattutto al sesso maschile.

Leggi l'articolo

La cura della lettura

In questi giorni di grande chiusura, in cui in molti si trovano in difficoltà perché a tu per tu con un grande vuoto di parole, un antidoto veramente potente è costituito dalla lettura.

Leggi l'articolo

Le virtù della mitezza

Dolcezza e animo mite vengono spesso considerate doti negative nella società competitiva in cui viviamo (anche se in questa crisi attuale e generalizzata cominciamo ad avvertire timidi segnali della possibilità che qualcosa possa muoversi in una direzione nuova, una sorta di rinascimento dopo anni oscuri di falsi miti ormai giunti al capolinea).

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

La sospensione del giudizio

La lucidità nell’inquadrare correttamente persone e situazioni può essere offuscata da una serie di fattori che fanno interferenza con una lettura equilibrata delle cose.

Leggi l'articolo

Pandemia: la strana calma nel dramma

In molti, in questi giorni sospesi, stanno sperimentando una sensazione contro intuitiva rispetto alle attese.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961