La non accettazione del limite

Che significa rifiutare i propri e altrui limiti? Da dove origina tale attitudine? E quali ricadute ha sulla vita?

Un po' tutti gli esseri umani tendono a non voler accettare la propria castrazione, ovvero la limitatezza del proprio essere e delle sue possibilità espressive e d'azione. Anche i bravissimi, i più talentuosi hanno un punto debole, una macchia cieca che offusca in parte la loro lucidità. È un dato di struttura: la perfezione assoluta non è propria dell'umano, che è tale perché è diviso, lacerato, incompleto.

Ora esistono soggetti che compiono comunque grandi opere, nonostante ciò. Il fatto che riescano a creare non significa che la castrazione non li tocchi, non vuol dire che appartengono ad un'altra specie. Sicuramente c'è del talento, addirittura del genio nei casi dei grandi scienziati o artisti che segnano la storia. Ma poi interviene qualcos'altro, qualcosa che può accomunare il raffinato musicista al semplice falegname.

Si tratta del saperci fare con il vuoto, con la mancanza, con il non sapere e il non capire. Un'umiltà di fondo, che riflette un atteggiamento di accettazione verso il fatto che qualcosa sfugga sempre. Allora al posto del rifiuto e della rabbia subentra la curiosità, invece che la lotta con se stessi compare la dedizione, da distinguere bene dal sacrificio. La chiusura narcisistica della rivalità con la propria immagine ideale lascia il posto ad un'apertura all'altro, il focus non è più su se stessi e sui risultati da raggiungere ma sulla cosa, sul provare costantemente ad avvicinarla nonostante sfugga incessantemente.

L'esperienza creativa ad ogni livello ed in ogni campo comporta sempre uno spossessamento, una povertà, un vuoto di essere. Il limite personale è trasformato in un trampolino di lancio per la ricerca, mentre il tempo si ferma, mentre esiste solo il qui ed ora dell'atto.

Purtroppo nella contemporaneità il focus ossessivo ed esasperato sulla performance e l'eccellenza a tutti i costi va nella direzione del rifiuto della castrazione e non della sua integrazione. Spesso questa attitudine maniacale è respirata in famiglia, molti giovani davvero capaci sentono di non essere mai abbastanza rispetto alle aspettative dell'Altro, vivendo le loro défaillance come delle catastrofi o delle spie del loro non valere nulla.

Si tratta di un meccanismo pericoloso perché ha come ricaduta su molte vite o la rinuncia, il mollare tutto a partire dalla convinzione di una presunta inadeguatezza personale, o al contrario un cieco narcisismo, che rimuove i propri punti ciechi e ingabbia in una lotta rivaleggiante con se stessi e il mondo senza fine. Chiudendo le porte all'altro e alla possibilità di mettersi in discussione in maniera costruttiva e non semplicemente mortificante.

Una psicoterapia su questo punto può fare molto, proprio nella misura in cui fa risaltare le "macchie" rispetto all'immagine senza incrinature. Un approccio psicoanalitico non mira a cancellarle queste macchie, ma ad interrogarle. Per renderle generative, trasformarle da semplici inciampi al successo in possibilità per rimettersi in gioco a partire da un rovesciamento di prospettiva.

Altri articoli di attualità

Il malessere da smartphone

Sono innegabili gli impatti dell’avvento di internet nella vita di ciascuno di noi. Dai quarant’anni in su ce ne rendiamo ben conto, noi della mezza età almeno i primi vent’anni della vita li abbiamo trascorsi nella più completa disconnessione (proprio perché non esisteva nulla a cui connettersi). 

Leggi l'articolo

La non accettazione del limite

Che significa rifiutare i propri e altrui limiti? Da dove origina tale attitudine? E quali ricadute ha sulla vita?

Un po' tutti gli esseri umani tendono a non voler accettare la propria castrazione, ovvero la limitatezza del proprio essere e delle sue possibilità espressive e d'azione. Anche i bravissimi, i più talentuosi hanno un punto debole, una macchia cieca che offusca in parte la loro lucidità. È un dato di struttura: la perfezione assoluta non è propria dell'umano, che è tale perché è diviso, lacerato, incompleto.

Leggi l'articolo

Sapersi arrendere

La forza del carattere viene generalmente associata alla capacità di andare avanti nonostante le difficoltà, al saper insistere, al voler trovare strategie per aggirare gli ostacoli, al non demordere di fronte alla possibilità di realizzare un obiettivo importante sopportando fatica e frustrazione.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

Paura sana e paura malata ai tempi del virus

Generalmente conosciamo due tipi di paura, quella “istintiva”,  innescata direttamente dall’elemento minaccioso, e quella più “fredda”, dettata dall’esercizio della ragione.

Leggi l'articolo

La sospensione del giudizio

La lucidità nell’inquadrare correttamente persone e situazioni può essere offuscata da una serie di fattori che fanno interferenza con una lettura equilibrata delle cose.

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

Insegnare: quando manca la passione

È esperienza comune purtroppo imbattersi in insegnanti che non solo non amano particolarmente il proprio lavoro, ma che lo fanno anche di malavoglia, con svogliatezza e senso di frustrazione. 

Leggi l'articolo

Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

Il difficile equilibrio tra la donna e la madre

Ogni donna che diventa madre incontra prima o poi un momento in cui sente il richiamo di un desiderio che va al di là di quello di occuparsi di suo figlio. Il suo essere semplicemente madre ad un certo punto non le basta più, la dedizione totale si allenta e riaffiora un desiderio d'altro.

Leggi l'articolo

Covid e salute mentale

In questi anni di pandemia stiamo assistendo ad un’esacerbazione di molti disagi psicologici. Lo spettro della malattia, la precarietà lavorativa, la tenuta traballante del sistema sanitario e sociale, la chiusura fra le quattro mura, la solitudine, l’aspettativa di un pieno ritorno alla normalità ciclicamente frustrata concorrono al mantenimento di stati depressivi e ansiosi (senza parlare delle ben note reazioni maniacali di negazione della realtà).

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961