Il difficile equilibrio tra la donna e la madre

Ogni donna che diventa madre incontra prima o poi un momento in cui sente il richiamo di un desiderio che va al di là di quello di occuparsi di suo figlio. Il suo essere semplicemente madre ad un certo punto non le basta più, la dedizione totale si allenta e riaffiora un desiderio d'altro.

Allora ecco che si riprendono in mano le vecchie passioni temporaneamente accantonate in virtù della cura esclusiva che esige il neonato. La preoccupazione primaria nei confronti del piccolo si ridimensiona, lasciando posto al ritorno della femminilità. L'interesse per l'uomo si ridesta, così come riemerge la voglia di realizzarsi nella dimensione sociale, che esula quella meramente familiare e domestica.

Ora questo passaggio per molte donne è molto delicato e vissuto all'insegna della conflittualità. Possono subentrare cioè sensi di colpa e sentimenti di inadeguatezza. Sono una buona madre se sento il bisogno d'altro? Sono un mostro se provo fatica e non semplicemente gioia? Non è immediato cogliere la normalità di questo bisogno di staccarsi, così come non va da sè che se ne percepisca il valore benefico per il figlio.

I bambini crescono più sereni se la madre non si riduce ad essere tutta madre, se trova cioè alcune soddisfazioni altrove, se non li incarica del duro e impossibile compito di essere loro a colmarla. Questo discorso vale sia che lei lavori sia che non lavori. Non è infatti in gioco ciò che la madre fa nel reale, ma come essa si pone verso il suo bambino. Il punto è che l'amore, la cura e l'attenzione non siano finalizzate a ottenere da lui qualcosa di ritorno, perché quel qualcosa proviene da altre fonti, dal marito, da una passione, da un interesse per la vita. La forza dell'amore non la si misura con il parametro del sacrificio e della simbiosi perenne.

In relazione all'insoddisfazione emergente nella madre alle prese con il ritorno dei suoi desideri possono però verificarsi delle prese di posizione per così dire "estreme", che sbilanciano l'equilibrio o verso una chiusura totale nella relazione duale con il bambino o verso un'apertura esagerata ai desideri di realizzazione personale a discapito della cura.

Se il piccolo rimane il centro esclusivo di ogni pensiero e desiderio può accadere che le sue possibilità di sviluppo e di autonomia ne vengano penalizzate. Ciò accade però anche nella situazione rovesciata, quella in cui il ritorno della donna eclissa completamente la madre. In questi casi il rischio è che il figlio si senta lasciato cadere, si percepisca come un ingombro che si frappone fra la donna e le sue ambizioni.

L'andare via della madre dunque non è un bene in sè, non basta che abbia altro da fare per decretare la salute del rapporto con il suo piccolo. Non è nei fatti che si gioca la questione. La separazione è benefica quando non produce sentimenti di abbandono, quando il bambino è cioè sicuro di essere amato gratuitamente, non per ciò che può dare alla madre in termini di gratificazione narcisistica ma per il solo fatto di esistere.

Tale amore gratuito, a cui un un genitore è chiamato, è fatto di dare senza l'aspettativa di ricevere. Esso rompe necessariamente la simbiosi, sempre basata su un'interdipendenza reciproca, e fiorisce grazie alla pienezza di una vita aperta al desiderio.

Altri articoli di attualità

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

La solitudine del bambino

Sguardo sfuggente, sorriso (se proprio si deve fare) appena abbozzato, spalle ricurve, andatura incerta, tic nervosi, inappetenza.

Leggi l'articolo

La cura della lettura

In questi giorni di grande chiusura, in cui in molti si trovano in difficoltà perché a tu per tu con un grande vuoto di parole, un antidoto veramente potente è costituito dalla lettura.

Leggi l'articolo

Il bullismo visto dalla compagnia teatrale Quelli di Grock. Osservazioni sullo Spettacolo “Io me ne frego”.

Biglia e Rospo sono due ragazzini molto diversi. L’uno studioso, un po’ timido, ancora acerbo nel corpo. L’altro allergico alla scuola, chiacchierone, fisicamente prestante. Stanno bene insieme, sono amici. Tra loro c’è uno scambio spontaneo e vivace, al di là delle differenze caratteriali. La presa di giro, quando c’è, è lieve, non punta a distruggere ma esprime l’attrazione di fondo per la particolarità dell’altro.

Leggi l'articolo

Paura sana e paura malata ai tempi del virus

Generalmente conosciamo due tipi di paura, quella “istintiva”,  innescata direttamente dall’elemento minaccioso, e quella più “fredda”, dettata dall’esercizio della ragione.

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

Seconda ondata tra paura e speranza

Per affrontare la  recrudescenza della pandemia e delle limitazioni che stanno impattando pesantemente sulle nostre vite, per ritrovare un po’ di serenità pur nel disagio e nelle preoccupazioni, è necessario rendersi conto di alcune dinamiche psicologiche tossiche in cui ci andiamo inavvertitamente ad avviluppare (traendone anche delle soddisfazioni malate).

Leggi l'articolo

L'incontro con lo straniero

Davanti al progressivo aumento nelle nostre città di soggetti provenienti da altri paesi assistiamo ad un parallelo incremento del sentimento dell’angoscia nei cittadini. Perché ci angosciamo? Siamo i soli a sentirci disorientati dal contatto con il diverso o accade anche allo straniero stesso di sentirsi insicuro e diffidente?

Leggi l'articolo

La sospensione del giudizio

La lucidità nell’inquadrare correttamente persone e situazioni può essere offuscata da una serie di fattori che fanno interferenza con una lettura equilibrata delle cose.

Leggi l'articolo

Social network tra rischi e opportunità

I social network sono nati, almeno apparentemente, con uno scopo virtuoso: mettere in connessione sconosciuti che altrimenti non avrebbero nessun’altra opportunità di conoscersi, permettendo scambi di informazioni ed idee in tempo reale. 

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961