Il difficile equilibrio tra la donna e la madre

Ogni donna che diventa madre incontra prima o poi un momento in cui sente il richiamo di un desiderio che va al di là di quello di occuparsi di suo figlio. Il suo essere semplicemente madre ad un certo punto non le basta più, la dedizione totale si allenta e riaffiora un desiderio d'altro.

Allora ecco che si riprendono in mano le vecchie passioni temporaneamente accantonate in virtù della cura esclusiva che esige il neonato. La preoccupazione primaria nei confronti del piccolo si ridimensiona, lasciando posto al ritorno della femminilità. L'interesse per l'uomo si ridesta, così come riemerge la voglia di realizzarsi nella dimensione sociale, che esula quella meramente familiare e domestica.

Ora questo passaggio per molte donne è molto delicato e vissuto all'insegna della conflittualità. Possono subentrare cioè sensi di colpa e sentimenti di inadeguatezza. Sono una buona madre se sento il bisogno d'altro? Sono un mostro se provo fatica e non semplicemente gioia? Non è immediato cogliere la normalità di questo bisogno di staccarsi, così come non va da sè che se ne percepisca il valore benefico per il figlio.

I bambini crescono più sereni se la madre non si riduce ad essere tutta madre, se trova cioè alcune soddisfazioni altrove, se non li incarica del duro e impossibile compito di essere loro a colmarla. Questo discorso vale sia che lei lavori sia che non lavori. Non è infatti in gioco ciò che la madre fa nel reale, ma come essa si pone verso il suo bambino. Il punto è che l'amore, la cura e l'attenzione non siano finalizzate a ottenere da lui qualcosa di ritorno, perché quel qualcosa proviene da altre fonti, dal marito, da una passione, da un interesse per la vita. La forza dell'amore non la si misura con il parametro del sacrificio e della simbiosi perenne.

In relazione all'insoddisfazione emergente nella madre alle prese con il ritorno dei suoi desideri possono però verificarsi delle prese di posizione per così dire "estreme", che sbilanciano l'equilibrio o verso una chiusura totale nella relazione duale con il bambino o verso un'apertura esagerata ai desideri di realizzazione personale a discapito della cura.

Se il piccolo rimane il centro esclusivo di ogni pensiero e desiderio può accadere che le sue possibilità di sviluppo e di autonomia ne vengano penalizzate. Ciò accade però anche nella situazione rovesciata, quella in cui il ritorno della donna eclissa completamente la madre. In questi casi il rischio è che il figlio si senta lasciato cadere, si percepisca come un ingombro che si frappone fra la donna e le sue ambizioni.

L'andare via della madre dunque non è un bene in sè, non basta che abbia altro da fare per decretare la salute del rapporto con il suo piccolo. Non è nei fatti che si gioca la questione. La separazione è benefica quando non produce sentimenti di abbandono, quando il bambino è cioè sicuro di essere amato gratuitamente, non per ciò che può dare alla madre in termini di gratificazione narcisistica ma per il solo fatto di esistere.

Tale amore gratuito, a cui un un genitore è chiamato, è fatto di dare senza l'aspettativa di ricevere. Esso rompe necessariamente la simbiosi, sempre basata su un'interdipendenza reciproca, e fiorisce grazie alla pienezza di una vita aperta al desiderio.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.