Il difficile equilibrio tra la donna e la madre

Ogni donna che diventa madre incontra prima o poi un momento in cui sente il richiamo di un desiderio che va al di là di quello di occuparsi di suo figlio. Il suo essere semplicemente madre ad un certo punto non le basta più, la dedizione totale si allenta e riaffiora un desiderio d'altro.

Allora ecco che si riprendono in mano le vecchie passioni temporaneamente accantonate in virtù della cura esclusiva che esige il neonato. La preoccupazione primaria nei confronti del piccolo si ridimensiona, lasciando posto al ritorno della femminilità. L'interesse per l'uomo si ridesta, così come riemerge la voglia di realizzarsi nella dimensione sociale, che esula quella meramente familiare e domestica.

Ora questo passaggio per molte donne è molto delicato e vissuto all'insegna della conflittualità. Possono subentrare cioè sensi di colpa e sentimenti di inadeguatezza. Sono una buona madre se sento il bisogno d'altro? Sono un mostro se provo fatica e non semplicemente gioia? Non è immediato cogliere la normalità di questo bisogno di staccarsi, così come non va da sè che se ne percepisca il valore benefico per il figlio.

I bambini crescono più sereni se la madre non si riduce ad essere tutta madre, se trova cioè alcune soddisfazioni altrove, se non li incarica del duro e impossibile compito di essere loro a colmarla. Questo discorso vale sia che lei lavori sia che non lavori. Non è infatti in gioco ciò che la madre fa nel reale, ma come essa si pone verso il suo bambino. Il punto è che l'amore, la cura e l'attenzione non siano finalizzate a ottenere da lui qualcosa di ritorno, perché quel qualcosa proviene da altre fonti, dal marito, da una passione, da un interesse per la vita. La forza dell'amore non la si misura con il parametro del sacrificio e della simbiosi perenne.

In relazione all'insoddisfazione emergente nella madre alle prese con il ritorno dei suoi desideri possono però verificarsi delle prese di posizione per così dire "estreme", che sbilanciano l'equilibrio o verso una chiusura totale nella relazione duale con il bambino o verso un'apertura esagerata ai desideri di realizzazione personale a discapito della cura.

Se il piccolo rimane il centro esclusivo di ogni pensiero e desiderio può accadere che le sue possibilità di sviluppo e di autonomia ne vengano penalizzate. Ciò accade però anche nella situazione rovesciata, quella in cui il ritorno della donna eclissa completamente la madre. In questi casi il rischio è che il figlio si senta lasciato cadere, si percepisca come un ingombro che si frappone fra la donna e le sue ambizioni.

L'andare via della madre dunque non è un bene in sè, non basta che abbia altro da fare per decretare la salute del rapporto con il suo piccolo. Non è nei fatti che si gioca la questione. La separazione è benefica quando non produce sentimenti di abbandono, quando il bambino è cioè sicuro di essere amato gratuitamente, non per ciò che può dare alla madre in termini di gratificazione narcisistica ma per il solo fatto di esistere.

Tale amore gratuito, a cui un un genitore è chiamato, è fatto di dare senza l'aspettativa di ricevere. Esso rompe necessariamente la simbiosi, sempre basata su un'interdipendenza reciproca, e fiorisce grazie alla pienezza di una vita aperta al desiderio.

Altri articoli di attualità

La psicoterapia via Skype

La psicoterapia da remoto può riprodurre fedelmente quella vis a vis, sia nella dinamica che negli effetti.

Leggi l'articolo

L'incontro con lo straniero

Davanti al progressivo aumento nelle nostre città di soggetti provenienti da altri paesi assistiamo ad un parallelo incremento del sentimento dell’angoscia nei cittadini. Perché ci angosciamo? Siamo i soli a sentirci disorientati dal contatto con il diverso o accade anche allo straniero stesso di sentirsi insicuro e diffidente?

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

Il disagio della giovinezza

La giovinezza è quel lasso di tempo nella vita di una persona che segue l'adolescenza e prelude all'età adulta. È di durata variabile, generalmente si situa fra i venti ed i trent'anni circa. A differenza dell'adolescenza, connotata per lo più dalla ribellione e dalla spinta violenta alla differenziazione dal contesto di origine, implica la ricerca di una dimensione personale che non sia però più in opposizione netta all'Altro, ma a cui sia permesso un inserimento e una possibilità di realizzazione concreta nella societá.

Leggi l'articolo

La ricerca dell’equilibrio interiore

In genere un robusto equilibrio interiore non si basa né su un approccio passivo all’esistenza né al rovescio su un eccesso di presa e di controllo sugli eventi.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

Chi si lamenta non vuole cambiare

Lamentarsi è un ottimo modo per non confrontarsi davvero con se stessi.

Leggi l'articolo

Le virtù della mitezza

Dolcezza e animo mite vengono spesso considerate doti negative nella società competitiva in cui viviamo (anche se in questa crisi attuale e generalizzata cominciamo ad avvertire timidi segnali della possibilità che qualcosa possa muoversi in una direzione nuova, una sorta di rinascimento dopo anni oscuri di falsi miti ormai giunti al capolinea).

Leggi l'articolo

Fronteggiare la malattia

La malattia, la lesione, il deteriorarsi di un organo, una parte del corpo per gli esseri umani non sono soltanto fenomeni che investono la sfera somatica. Essi hanno un impatto enorme soprattutto sulla psiche di chi ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Il fascino della psicopatia

ll campo della psicologia criminale ha sempre affascinato il grande pubblico. Romanzi, film, articoli vari ispirati a grandi delitti ce ne sono sempre stati. Raramente però veniva  data la parola direttamente all’assassino, come invece sta accadendo ultimamente.

Leggi l'articolo

Psicologia della disabilità

Un deficit di qualche funzione sensoriale, motoria o mentale, ha degli impatti notevoli sulla psiche di chi vive la condizione di minorazione. La sfida in questi casi è quella di non soccombere del tutto sotto il peso di tali implicazioni emotive.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961