L'insuccesso

Incorrere in un insuccesso, amoroso o lavorativo, è un evento diventato destabilizzante per l’uomo di oggi. In effetti fin da bambino avevano stabilito per lui vari traguardi da raggiungere. Nella scuola, nello sport, nelle relazioni.

C’era chi non perdeva mai e chi perdeva sempre, rimaneva indietro. Poi la vita rimescolava le carte e magari l’ultimo finiva per affermarsi mentre il più popolare si perdeva strada facendo. Oppure l’ultimo rimaneva ultimo e il primo primo. In ogni caso l’ombra del fallimento accompagnava le loro vite, sia come rischio sempre possibile o come triste realtà con cui fare i conti quotidianamente. Condannando entrambi all’angoscia e alla rivalità esasperata con il vicino.

Il mito della prestazione ha intriso l’educazione di chi oggi è adulto. E rischia di continuare a influenzare le nuove generazioni. Perché è un mito pericoloso? Perché lo è ancor più al tempo presente, con la crisi economica che falcia le aspettative di benessere a lungo coltivate?

L’idea dell’uomo come macchina performante, strutturalmente programmata per la produzione e il benessere, comporta alcune conseguenze. Intanto se la macchina è “sana” allora funziona bene. C’è un’equivalenza fra salute e funzionamento. Sono sano se sono prestante. Si possono dunque fissare dei parametri che misurano il grado di salute e quindi di resa della macchina. Ecco allora le varie categorie a cui siamo abituati: le competenze sociali, la proattività, l’ottimismo, la dominanza, il controllo, la resistenza allo stress, ecc…Nel momento in cui non rispondo più adeguatamente alle attese previste bisogna che mi faccia curare, aggiustare. Per potermi poi riadattare alle esigenze dell’ambiente.

Ciò che la psicoanalisi intende ribaltare è proprio questo assioma salute = buon funzionamento, adattamento alle richieste ambientali. Non si tratta di aggiustare il meccanismo inceppato, ciecamente, senza andare a vedere le ragioni per cui si è bloccato. La rottura, lo strappo, l’insuccesso appunto, non vengono repressi. Piuttosto sono valorizzati, perché fanno emergere l’umanità, la soggettività, la particolarità dell’uomo non assimilabile a nessun sistema, macchina o categoria.

La psicoanalisi ci aiuta a svegliarci dal sonno in cui siamo immersi, quello costituito dalle strade già ordinate e programmate per noi. Dai miti a cui saremmo supposti aspirare in quanto uomini “sani” e “adattati”. Lo scacco, l’umiliazione, il fallimento appaiono sotto questa luce come delle possibilità per riscoprire chi siamo e cosa vogliamo davvero nel profondo. Non dunque una rinuncia allo stare al mondo ma una scoperta di una personale misura della felicità. In quanto tale possibile anche nei momenti di crisi economica.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.