L'insuccesso

Incorrere in un insuccesso, amoroso o lavorativo, è un evento diventato destabilizzante per l’uomo di oggi. In effetti fin da bambino avevano stabilito per lui vari traguardi da raggiungere. Nella scuola, nello sport, nelle relazioni.

C’era chi non perdeva mai e chi perdeva sempre, rimaneva indietro. Poi la vita rimescolava le carte e magari l’ultimo finiva per affermarsi mentre il più popolare si perdeva strada facendo. Oppure l’ultimo rimaneva ultimo e il primo primo. In ogni caso l’ombra del fallimento accompagnava le loro vite, sia come rischio sempre possibile o come triste realtà con cui fare i conti quotidianamente. Condannando entrambi all’angoscia e alla rivalità esasperata con il vicino.

Il mito della prestazione ha intriso l’educazione di chi oggi è adulto. E rischia di continuare a influenzare le nuove generazioni. Perché è un mito pericoloso? Perché lo è ancor più al tempo presente, con la crisi economica che falcia le aspettative di benessere a lungo coltivate?

L’idea dell’uomo come macchina performante, strutturalmente programmata per la produzione e il benessere, comporta alcune conseguenze. Intanto se la macchina è “sana” allora funziona bene. C’è un’equivalenza fra salute e funzionamento. Sono sano se sono prestante. Si possono dunque fissare dei parametri che misurano il grado di salute e quindi di resa della macchina. Ecco allora le varie categorie a cui siamo abituati: le competenze sociali, la proattività, l’ottimismo, la dominanza, il controllo, la resistenza allo stress, ecc…Nel momento in cui non rispondo più adeguatamente alle attese previste bisogna che mi faccia curare, aggiustare. Per potermi poi riadattare alle esigenze dell’ambiente.

Ciò che la psicoanalisi intende ribaltare è proprio questo assioma salute = buon funzionamento, adattamento alle richieste ambientali. Non si tratta di aggiustare il meccanismo inceppato, ciecamente, senza andare a vedere le ragioni per cui si è bloccato. La rottura, lo strappo, l’insuccesso appunto, non vengono repressi. Piuttosto sono valorizzati, perché fanno emergere l’umanità, la soggettività, la particolarità dell’uomo non assimilabile a nessun sistema, macchina o categoria.

La psicoanalisi ci aiuta a svegliarci dal sonno in cui siamo immersi, quello costituito dalle strade già ordinate e programmate per noi. Dai miti a cui saremmo supposti aspirare in quanto uomini “sani” e “adattati”. Lo scacco, l’umiliazione, il fallimento appaiono sotto questa luce come delle possibilità per riscoprire chi siamo e cosa vogliamo davvero nel profondo. Non dunque una rinuncia allo stare al mondo ma una scoperta di una personale misura della felicità. In quanto tale possibile anche nei momenti di crisi economica.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.