Il trauma

Spesso il malessere che ci assale può essere riconducibile ad un trauma che abbiamo subito nel nostro passato. Ma cosa si intende per trauma? In un certo senso l’esistenza stessa è traumatica. Perché confronta tutti, prima o poi, con il sentimento di impotenza.

La percezione di essere sopraffatti da qualcosa che non possiamo controllare: la violenza, la pulsione sessuale, l’invidia, il rifiuto, l’abbandono, la malattia, l’avvicinarsi della morte. Jacques Lacan chiamava tutto ciò con il termine “reale”. E’ infatti “reale” non la realtà che tutti conosciamo e che troviamo rassicurante nella nostra routine quotidiana, ma ciò che sfugge ai binari consueti e prevedibili dei nostri automatismi.

Ora, se tutti quanti siamo esposti al “reale”, quando è che ci ammaliamo? Ci capita di stare davvero male quando non riusciamo a padroneggiare in modo equilibrato la potenza delle emozioni negative che si abbattono su di noi. Quando cioè o ne veniamo completamente travolti, o cerchiamo di negarla attraverso rigidi meccanismi di difesa. In entrambe le situazioni il malessere che ci avvolge è la conseguenza del non essere riusciti a venire a patti con quanto è successo. Per un eccesso di debolezza o di controllo. Come un giunco che viene strappato dalla forza delle acque o una diga che sembra tenere ma che snatura la bellezza del paesaggio naturale.

Come si affronta un trauma? Come si fa a depotenziarne gli effetti? Non c’è una risposta valida per tutti. Aiuta senz’altro poterne parlare. Attraverso una parola indirizzata ad un altro essere umano possiamo tentare l’impresa coraggiosa di dare un senso all’insensatezza. Parlando ciò che ci è accaduto ritorna, trova un posto. Ma è meno pericoloso, perché non siamo da soli davanti a lui. Qualcuno ci aiuta a guardarlo in faccia. Ad averne meno paura. Diventa allora possibile lasciare fluire le emozioni negative dentro noi stessi, dare loro spazio, voce. Senza però esserne devastati, schiavizzati, controllati.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.