Il trauma

Spesso il malessere che ci assale può essere riconducibile ad un trauma che abbiamo subito nel nostro passato. Ma cosa si intende per trauma? In un certo senso l’esistenza stessa è traumatica. Perché confronta tutti, prima o poi, con il sentimento di impotenza.

La percezione di essere sopraffatti da qualcosa che non possiamo controllare: la violenza, la pulsione sessuale, l’invidia, il rifiuto, l’abbandono, la malattia, l’avvicinarsi della morte. Jacques Lacan chiamava tutto ciò con il termine “reale”. E’ infatti “reale” non la realtà che tutti conosciamo e che troviamo rassicurante nella nostra routine quotidiana, ma ciò che sfugge ai binari consueti e prevedibili dei nostri automatismi.

Ora, se tutti quanti siamo esposti al “reale”, quando è che ci ammaliamo? Ci capita di stare davvero male quando non riusciamo a padroneggiare in modo equilibrato la potenza delle emozioni negative che si abbattono su di noi. Quando cioè o ne veniamo completamente travolti, o cerchiamo di negarla attraverso rigidi meccanismi di difesa. In entrambe le situazioni il malessere che ci avvolge è la conseguenza del non essere riusciti a venire a patti con quanto è successo. Per un eccesso di debolezza o di controllo. Come un giunco che viene strappato dalla forza delle acque o una diga che sembra tenere ma che snatura la bellezza del paesaggio naturale.

Come si affronta un trauma? Come si fa a depotenziarne gli effetti? Non c’è una risposta valida per tutti. Aiuta senz’altro poterne parlare. Attraverso una parola indirizzata ad un altro essere umano possiamo tentare l’impresa coraggiosa di dare un senso all’insensatezza. Parlando ciò che ci è accaduto ritorna, trova un posto. Ma è meno pericoloso, perché non siamo da soli davanti a lui. Qualcuno ci aiuta a guardarlo in faccia. Ad averne meno paura. Diventa allora possibile lasciare fluire le emozioni negative dentro noi stessi, dare loro spazio, voce. Senza però esserne devastati, schiavizzati, controllati.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.