Il lutto

Quando subiamo una perdita di solito attraversiamo un periodo in cui siamo tristi, svogliati, chiusi in noi stessi e non a nostro agio con gli altri. Può capitare di sentirsi ansiosi, posseduti dall’attesa di un pericolo imminente.

Come si spiegano queste reazioni? In un certo senso la perdita di una persona cara impoverisce il nostro mondo, lo svuota, lo rende privo di attrattive. L’amore che provavamo per chi non c’è più non scompare con la sua assenza fisica. Prima di tornare nuovamente ad amare con pienezza può trascorrere un lungo periodo in cui niente e nessuno sembrano essere di un qualche interesse. Siamo come congelati, sospesi, ripiegati verso un passato che ci distoglie dal vivere il presente. Si può fare strada anche la paura: della solitudine, dell’abbandono, dell’improvviso venir meno delle nostre certezze.

Se la persona che abbiamo perso con il suo amore ci regalava la sensazione di essere speciali, a causa del suo venir meno ci sentiamo inutili, di nessuna importanza. La nostra identità è meno salda, siamo fragili, indifesi.

Come se ne può uscire? In psicoanalisi parliamo di elaborazione del lutto. La perdita per essere superata va guardata in faccia, il dolore vissuto fino in fondo. Lasciar fluire la sofferenza, piangere, raccontare, ricordare permettono alla nostra mente di assorbire il colpo della perdita, metabolizzarlo, digerirlo piano piano. Cercare di tirarsi tutto dietro le spalle ed andare avanti come se nulla fosse può apparentemente sembrare la via più comoda. Tuttavia il dolore non elaborato torna e i tempi di ripresa così facendo si allungano ulteriormente.

Per superare un lutto è necessario attraversarlo. E’ essenziale cioè rendersi conto che chi abbiamo perso non c’è davvero più. Anche se questa consapevolezza porta con sé dolore. Attaccarsi al passato nell’illusione di renderlo presente impedisce di lasciar andare, di accettare cioè la nostra impotenza di fronte al mistero della vita e della morte.

Ricordare, rivivere, raccontare sono i passi necessari per poter dimenticare e tornare a vivere.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Lutto e depressione: somiglianze e differenze

 

Uno stato luttuoso successivo ad una perdita, sia essa di una persona, di un lavoro o di una condizione esistenziale, spesso ad un occhio non esperto non appare distinguibile dalla depressione. In comune vi sono infatti alcune manifestazioni tipiche: un profondo e doloroso scoramento, una perdita di interesse per il mondo esterno e per la maggior parte delle attività quotidiane e un affievolimento della capacità di amare.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.