Lo psicologo a Milano: il malessere nelle grandi città

Che tipo di malessere tratta uno psicologo a Milano? Sicuramente incontra una varietà di sintomi, oggi in aumento: attacchi di panico, depressione, ansia, problemi con il cibo… Ma esiste una radice comune ai vari modi con cui si esprime la sofferenza? E se sì, questa è ricollegabile al contesto sociale? In psicoanalisi osserviamo come la sofferenza si manifesti in modi diversi a seconda delle epoche e dei luoghi.

Milano, come tutte le grandi città, da una parte offre stimoli e opportunità, dall’altra favorisce però l’incontro con la solitudine e con una certa “liquidità” dei legami. La competitività inevitabile che scaturisce dalla corsa verso la realizzazione di sé, il raggiungimento del benessere e di uno status sociale rischia di falciare o impoverire enormemente i rapporti autentici fra le persone. Inoltre, la richiesta pressante di prestazioni sempre maggiori, può far perdere il senso dei limiti umani che ciascuno di noi fortunatamente ha.

Ne deriva un senso di disumanizzazione e di precarietà diffusa. Che può far insorgere dei sintomi. L’ansia, il panico, la depressione, l’anoressia (solo per citarne alcuni) infondo denunciano uno sgretolamento dei legami. Ci fanno vivere la sensazione di essere soli, inermi, gettati nel mondo senza punti di riferimento solidi che diano un orientamento sicuro nella vita.

La sfida di uno psicologo a Milano è dunque quella di favorire in chi si è perso, si è disorientato, il recupero o il rafforzamento di ideali e di legami che facciano da bussola nelle tempeste del fallimento e della sconfitta. Perché l’immagine e il sentimento di sé non vengano ogni volta sviliti e messi in discussione da un sistema sociale che promuove falsi valori e che ci vuole tutti uguali e “vincenti” .

Lo psicologo a Milano che opera seguendo la psicoanalisi non si affretta a riadattare chi si è perso ma valorizza la crisi come un momento prezioso di conoscenza di sé da cui si può uscire rafforzati.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.