I vari volti della solitudine

La solitudine è uno stato a cui non si associa invariabilmente un unico modo di sentire. Esistono infatti vari tipi di solitudine, accompagnati da vissuti anche molto diversi, addirittura diametralmente contrapposti.

La principale differenza fra la solitudine che reca con sé tristezza e senso di isolamento e quella che apporta al contrario sollievo e leggerezza risiede nel fatto di essere subita piuttosto che attivamente ricercata.

La solitudine subita è quella che ci troviamo a sperimentare quando, pur desiderando un contatto umano, per vari motivi non riusciamo ad averne accesso. A volte pensiamo di essere noi a scegliere liberamente di stare da soli. In realtà, se ascoltiamo attentamente le nostre sensazioni, possiamo capire se si tratti davvero di una libera scelta, di un’esigenza vitale, oppure di un ripiego per sfuggire alla paura.

La solitudine, quando è benefica, è anche creativa. L’essere umano non può essere continuamente in relazione agli altri, pena la perdita di un contatto profondo con se stesso. Le capacità critiche si sviluppano infatti in solitudine. C’è il momento del confronto con l’altro, preziosissimo e fonte di ispirazione, ma è altrettanto necessario uno spazio tutto per sé. Un vuoto che predispone alla creazione, all’espressione della propria soggettività in opere di vario genere o al semplice raccoglimento nella propria intimità.

Oggi un problema diffuso osservato frequentemente da uno psicologo a Milano è quello della connessione perenne attraverso internet e i social network. Le chat appaiono in un certo senso come rimedi alla solitudine “cattiva”, quella da isolamento sociale. Ma, oltre ad alimentare illusioni a causa della mancanza dello scambio con l’altro in carne ed ossa, finiscono per complicare lo sviluppo della solitudine “buona”. Quell’ambito inviolabile che ciascuno dovrebbe cercare di custodire per non essere sopraffatto dal conformismo dei pensieri e dei sentimenti.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.