I vari volti della solitudine

La solitudine è uno stato a cui non si associa invariabilmente un unico modo di sentire. Esistono infatti vari tipi di solitudine, accompagnati da vissuti anche molto diversi, addirittura diametralmente contrapposti.

La principale differenza fra la solitudine che reca con sé tristezza e senso di isolamento e quella che apporta al contrario sollievo e leggerezza risiede nel fatto di essere subita piuttosto che attivamente ricercata.

La solitudine subita è quella che ci troviamo a sperimentare quando, pur desiderando un contatto umano, per vari motivi non riusciamo ad averne accesso. A volte pensiamo di essere noi a scegliere liberamente di stare da soli. In realtà, se ascoltiamo attentamente le nostre sensazioni, possiamo capire se si tratti davvero di una libera scelta, di un’esigenza vitale, oppure di un ripiego per sfuggire alla paura.

La solitudine, quando è benefica, è anche creativa. L’essere umano non può essere continuamente in relazione agli altri, pena la perdita di un contatto profondo con se stesso. Le capacità critiche si sviluppano infatti in solitudine. C’è il momento del confronto con l’altro, preziosissimo e fonte di ispirazione, ma è altrettanto necessario uno spazio tutto per sé. Un vuoto che predispone alla creazione, all’espressione della propria soggettività in opere di vario genere o al semplice raccoglimento nella propria intimità.

Oggi un problema diffuso osservato frequentemente da uno psicologo a Milano è quello della connessione perenne attraverso internet e i social network. Le chat appaiono in un certo senso come rimedi alla solitudine “cattiva”, quella da isolamento sociale. Ma, oltre ad alimentare illusioni a causa della mancanza dello scambio con l’altro in carne ed ossa, finiscono per complicare lo sviluppo della solitudine “buona”. Quell’ambito inviolabile che ciascuno dovrebbe cercare di custodire per non essere sopraffatto dal conformismo dei pensieri e dei sentimenti.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.