L’atto della scelta

Scegliere non coincide semplicemente con il pensare. Non consegue direttamente da una catena di pensieri o dalle conclusioni di un ragionamento. Comporta un salto, una discontinuità rispetto al piano della pura elaborazione mentale. E’ un momento a sé stante. Implica un atto.

L’atto non va confuso con la semplice motilità, rimane nell’ambito del simbolico. Ci sono persone che fanno molte cose, che si danno da fare, che definiamo attive, dinamiche. Ma non è detto che compiano degli atti.

Che cos’è un atto? Potremmo pensarlo come un oltrepassamento, una trasgressione, una posizione in tutto e per tutto nuova. E’ l’istante in cui si sceglie questo e non quello, ma non a partire da un ragionamento logico, da una valutazione dei pro e dei contro degli effetti dell’azione. Un atto consiste a volte nel rifiutare di fare qualcosa, nel non voler seguire gli altri. Nell’assumere una posizione scomoda e controcorrente. Al di là del calcolo utilitaristico, di ogni interesse o vantaggio.

Potrei avere tutte le ragioni del mondo per agire ma non farlo, e viceversa. Un atto rispecchia un atteggiamento etico nei confronti del proprio desiderio.

Sposarsi, troncare una relazione, fondare un’impresa, lasciare un lavoro sono tutti esempi di atti, rappresentano delle discontinuità rispetto al piano del noto e introducono del nuovo, del non ancora visto, non ancora vissuto.

Nell’istante dell’atto la nostra soggettività si trova come sospesa tra un prima e un dopo. Tutto ciò a cui tenevamo non conta più, siamo indifferenti al futuro. Siamo in uno stato di passaggio, di totale indeterminazione.

Immediatamente dopo aver compiuto un atto non siamo più gli stessi. Ne usciamo profondamente trasformati. Irrimediabilmente la nostra vita prende un nuovo corso.

Ma un atto lo possiamo mancare. E questo può accadere sostanzialmente in due modi. O rinviandolo all’infinito o affrettandolo eccessivamente.

La sospensione dell’atto è legata ad un eccesso di pensiero: la valutazione delle ragioni favorevoli o contrarie può durare all’infinito. Abbiamo il dubbio, la procrastinazione continua. La stasi inaridente.

Al contrario possiamo scivolare precocemente nell’azione, senza che questa sia preceduta da un’opportuna riflessione che ci implica soggettivamente. Un atto vero, pur comportando una discontinuità rispetto al pensiero, non è mai fuori dal campo simbolico. Può apparire irragionevole, in controtendenza, ma non prescinde in nessun modo da una posizione etica di responsabilità.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.