L’atto della scelta

Scegliere non coincide semplicemente con il pensare. Non consegue direttamente da una catena di pensieri o dalle conclusioni di un ragionamento. Comporta un salto, una discontinuità rispetto al piano della pura elaborazione mentale. E’ un momento a sé stante. Implica un atto.

L’atto non va confuso con la semplice motilità, rimane nell’ambito del simbolico. Ci sono persone che fanno molte cose, che si danno da fare, che definiamo attive, dinamiche. Ma non è detto che compiano degli atti.

Che cos’è un atto? Potremmo pensarlo come un oltrepassamento, una trasgressione, una posizione in tutto e per tutto nuova. E’ l’istante in cui si sceglie questo e non quello, ma non a partire da un ragionamento logico, da una valutazione dei pro e dei contro degli effetti dell’azione. Un atto consiste a volte nel rifiutare di fare qualcosa, nel non voler seguire gli altri. Nell’assumere una posizione scomoda e controcorrente. Al di là del calcolo utilitaristico, di ogni interesse o vantaggio.

Potrei avere tutte le ragioni del mondo per agire ma non farlo, e viceversa. Un atto rispecchia un atteggiamento etico nei confronti del proprio desiderio.

Sposarsi, troncare una relazione, fondare un’impresa, lasciare un lavoro sono tutti esempi di atti, rappresentano delle discontinuità rispetto al piano del noto e introducono del nuovo, del non ancora visto, non ancora vissuto.

Nell’istante dell’atto la nostra soggettività si trova come sospesa tra un prima e un dopo. Tutto ciò a cui tenevamo non conta più, siamo indifferenti al futuro. Siamo in uno stato di passaggio, di totale indeterminazione.

Immediatamente dopo aver compiuto un atto non siamo più gli stessi. Ne usciamo profondamente trasformati. Irrimediabilmente la nostra vita prende un nuovo corso.

Ma un atto lo possiamo mancare. E questo può accadere sostanzialmente in due modi. O rinviandolo all’infinito o affrettandolo eccessivamente.

La sospensione dell’atto è legata ad un eccesso di pensiero: la valutazione delle ragioni favorevoli o contrarie può durare all’infinito. Abbiamo il dubbio, la procrastinazione continua. La stasi inaridente.

Al contrario possiamo scivolare precocemente nell’azione, senza che questa sia preceduta da un’opportuna riflessione che ci implica soggettivamente. Un atto vero, pur comportando una discontinuità rispetto al pensiero, non è mai fuori dal campo simbolico. Può apparire irragionevole, in controtendenza, ma non prescinde in nessun modo da una posizione etica di responsabilità.

Altri articoli sul disagio esistenziale

Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Cosa ci impedisce di realizzare davvero le nostre vite? Perché rimaniamo così facilmente impigliati nelle aspettative degli altri a tal punto da smarrire la bussola interiore dei nostri desideri più profondi? Cosa ci trattiene in realtà? Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Leggi l'articolo

La sindrome di Asperger: luci e ombre


La sindrome di Asperger fa parte della categoria dei Disturbi pervasivi dello sviluppo. Essi comportano la compromissione dello sviluppo psichico del bambino per ciò che concerne la socialità, la comunicazione verbale e non verbale e il repertorio di attività e interessi.

Leggi l'articolo

Il valore del presente

Il presente solo raramente è del tutto privo di bellezza, ma spessissimo lo sfuggiamo, lo manchiamo perché distolti dalle preoccupazioni o dalle attese, dall pensiero di ciò che intravediamo all’orizzonte come possibile

Leggi l'articolo

Limiti della psichiatria istituzionale: la voce di Eugenio Borgna

Eugenio Borgna, primario di Psichiatria dell'Ospedale Maggiore di Novara, è stato allievo di uno dei più insigni maestri di fenomenologia in Italia, Enrico Morselli.

Leggi l'articolo

Normalità e patologia: quali confini?

È opinione comune associare ad uno stato di "normalità" psichica l'adesione alla realtà, intesa come pacifica accettazione dei limiti imposti dall'ambiente esterno sulle nostre pulsioni e aspirazioni. La stessa civiltà infatti si basa su una quota di rinuncia alla soddisfazione delle pulsioni individuali, in virtù di un bene più grande, l'ordine e la stabilità nel reale.

Leggi l'articolo

Quando il desiderio si eclissa

Moltissime situazioni di sofferenza psicologica, sia nei giovani che negli adulti, hanno alla base la percezione di essersi persi, di brancolare nel buio, di non sapere più bene che cosa si vuole veramente. Un’insonnia, una certa apatia, un’ansia prima sconosciute ad un certo punto della vita compaiono sulla scena.

Leggi l'articolo

Esistere o sentirsi reali?

Sentirsi "reali" è più che semplicemente esistere. Significa parlare, muoversi, rapportarsi ed agire a partire da un accordo profondo con se stessi. Vuol dire conoscenza ed accettazione del proprio tratto singolare, accoglienza ed abbandono verso ciò che si è. Senza svalutazioni severe o sciocche vanità.

Leggi l'articolo

Il trauma

Spesso il malessere che ci assale può essere riconducibile ad un trauma che abbiamo subito nel nostro passato. Ma cosa si intende per trauma? In un certo senso l’esistenza stessa è traumatica. Perché confronta tutti, prima o poi, con il sentimento di impotenza.

Leggi l'articolo

Creatività o compiacenza?

In psicoanalisi utilizziamo il termine creatività non solo per indicare la capacità di dare vita ad opere d’arte. Sulla scia dell’insegnamento di Donald W. Winnicott, per noi acquista un significato più ampio, nella misura in cui la intendiamo come quell’atteggiamento di fondo nei confronti della realtà esterna che sta alla base dell’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta.

Leggi l'articolo

Quando il malessere si fa corpo

Una sofferenza emotiva intensa ma negata, un desiderio soffocato possono trovare come unica via di sfogo quella somatica. Possono cioè trasformarsi in dolori fisici di varia natura, che l'indagine medica definisce "psicosomatici" nella misura in cui non riesce a trovare una chiara eziologia organica.    

Leggi l'articolo

Narcisismo "sano" o narcisismo "patologico"?


Quando si parla di narcisismo si tende a pensare immediatamente al culto esagerato per la propria immagine, all'autocelebrazione a tutti i livelli che non lascia spazio alla considerazione dell'altro. Tuttavia questa è la versione "patologica" del fenomeno, sempre frutto di una sottostante fragilità narcisistica.

Esistono infatti un narcisismo "sano" ed uno "malato". Il primo non è altro che amor proprio, coscienza di sè, rispetto e cura per se stessi. È, freudianamente parlando, un equilibrato investimento libidico sull'io, necessario alla vita. Freud parlava di un "narcisismo primario" del piccolo dell'uomo, necessariamente chiuso nel suo guscio per sopravvivere e svilupparsi, avvolto in un bozzolo di bisogni e di indifferenza rispetto al mondo esterno.

Leggi l'articolo

I vari volti della solitudine

La solitudine è uno stato a cui non si associa invariabilmente un unico modo di sentire. Esistono infatti vari tipi di solitudine, accompagnati da vissuti anche molto diversi, addirittura diametralmente contrapposti.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961