Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Cosa ci impedisce di realizzare davvero le nostre vite? Perché rimaniamo così facilmente impigliati nelle aspettative degli altri a tal punto da smarrire la bussola interiore dei nostri desideri più profondi? Cosa ci trattiene in realtà? Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Sigmund Freud già ai suoi tempi scopriva una verità scabrosa: da ciò che non va, dai nostri sintomi traiamo in realtà un godimento paradossale. C'è cioè un tornaconto che ricaviamo dai nostri patimenti. Una sorta di autogol da cui tiriamo fuori dei vantaggi. Il più evidente e'quello di poterci crogiolare nel lamento, nell'autocommiserazione, nel "non c'è la farò mai".

Il vittimismo e' il male più insidioso da estirpare, resiste tenacemente a ogni tentativo terapeutico. In effetti non vi può essere cura di nessun malessere esistenziale se non avviene una qualche embrionale presa di consapevolezza rispetto a questo meccanismo. Non si tratta di liberasene velocemente; basta iniziare a vederlo e a riconoscerne i modi con cui più o meno sottilmente si insinua nei nostri modi di pensare e di inquadrare la realtà. Quante volte impercettibilmente, inconsciamente, attribuiamo la colpa di un nostro problema a qualcun altro? Alla cattiva sorte, al destino avverso? A qualcosa che dunque ci è estraneo?

Una volta capito che siamo noi i macchinisti e non i poveri spettatori innocenti delle disgrazie che ci capitano, si tratta di fare un passo ulteriore. A cosa mi serve veramente scaricarmi la coscienza? Con sorpresa potremmo finire con l'accorgerci che è maledettamente comodo. Finché non sono io ma è l'altro ci possiamo esimere dal tentare. Possiamo stare fermi, come bambini sotto l'ala rassicurante della madre.

Da una parte vediamo la strategia femminile: la donna e' più incline all'insoddisfazione rispetto all'inibizione. Ecco allora un fiorire di sintomi somatici: fa male questa o quella parte del corpo, si cerca la causa esterna, si fa il pellegrinaggio da un medico all'altro, tutti aime' mai competenti abbastanza per capire cosa veramente non va. Così nelle relazioni: tutti gli uomini sono sempre fatalmente insoddisfacenti. E parimenti nel lavoro: nessuna professione si mostra in grado di far venire a galla i propri talenti. E' sempre l'altro ad essere insufficiente, mai che il soggetto si interroghi sulla sua posizione autentica verso ciò che davvero vuole senza tirare in ballo una causa esterna. Magari si ribella, anzi spesso l'animo femminile e' portato alla rivendicazione e al rifiuto. Ma il tutto rimane sterile perché si esaurisce in un vuoto ribollire afinalistico.

Per l'uomo e' un altro discorso, anche se non è infrequente incontrare donne che ne condividano l'attitudine. Per il maschio più che essere il corpo a soffrire e ' la mente, l'attività di pensiero si blocca e prolifera a dismisura nello stesso tempo. A discapito dell'azione. Della decisione. Del passare dal piano speculativo a quello pratico. Così che la vita si trascina in una catena di divieti, inibizioni e impossibilità. Un comodo vivacchiare, placido ma abbastanza arido. Tra mille garanzie che incatenano vitalità e possibilità nuove. Qui più che la ribellione vediamo il suo rovescio, l'ubbidienza senza scarti. L'uomo è portato a fare tutto ciò che gli viene chiesto, così da stare tranquillo, stare in pace. Lo si vede bene anche nei rapporti con le donne.

L'analisi, se ben condotta, porta a vedere tutto questo. A confrontarcisi. Non è un percorso facile, non risparmia una certa fatica, soprattutto nelle fasi più avanzate. Ma senza un incontro autentico con la nostra implicazione nel perpetuare ciò di cui ci lamentiamo non andiamo da nessuna parte. Infondo già quando arriviamo a chiedere aiuto abbiamo fatto un passo avanti enorme:quanto meno riconosciamo che qualcosa non gira per il verso giusto. Il vero malato e' chi si trova talmente a bagno e a suo agio nei propri meccanismi mentali da non percepire neppure un briciolo di sofferenza. Magari i parenti, i partner e gli amici ne patiscono, ma il soggetto no. Dunque la via regia per venire fuori da un'empasse rimane sempre e comunque la sofferenza individuale, vera porta d'accesso a un possibile cambiamento.

 

Altri articoli sul disagio esistenziale

Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

Leggi l'articolo

La persona è sempre altro rispetto al suo disagio

Per la psicoanalisi, al pari di ogni vero e interessante approccio all'umano, ogni soggetto sintomatico resta sempre altro rispetto alla sua malattia. La diagnosi è uno strumento utile, di cui il clinico si avvale per classificare, riconoscere e dunque dare un nome al disagio che affligge una persona.

Leggi l'articolo

Quando il desiderio si eclissa

Moltissime situazioni di sofferenza psicologica, sia nei giovani che negli adulti, hanno alla base la percezione di essersi persi, di brancolare nel buio, di non sapere più bene che cosa si vuole veramente. Un’insonnia, una certa apatia, un’ansia prima sconosciute ad un certo punto della vita compaiono sulla scena.

Leggi l'articolo

La sindrome di Asperger: luci e ombre


La sindrome di Asperger fa parte della categoria dei Disturbi pervasivi dello sviluppo. Essi comportano la compromissione dello sviluppo psichico del bambino per ciò che concerne la socialità, la comunicazione verbale e non verbale e il repertorio di attività e interessi.

Leggi l'articolo

Narcisismo "sano" o narcisismo "patologico"?


Quando si parla di narcisismo si tende a pensare immediatamente al culto esagerato per la propria immagine, all'autocelebrazione a tutti i livelli che non lascia spazio alla considerazione dell'altro. Tuttavia questa è la versione "patologica" del fenomeno, sempre frutto di una sottostante fragilità narcisistica.

Esistono infatti un narcisismo "sano" ed uno "malato". Il primo non è altro che amor proprio, coscienza di sè, rispetto e cura per se stessi. È, freudianamente parlando, un equilibrato investimento libidico sull'io, necessario alla vita. Freud parlava di un "narcisismo primario" del piccolo dell'uomo, necessariamente chiuso nel suo guscio per sopravvivere e svilupparsi, avvolto in un bozzolo di bisogni e di indifferenza rispetto al mondo esterno.

Leggi l'articolo

Quando il malessere si fa corpo

Una sofferenza emotiva intensa ma negata, un desiderio soffocato possono trovare come unica via di sfogo quella somatica. Possono cioè trasformarsi in dolori fisici di varia natura, che l'indagine medica definisce "psicosomatici" nella misura in cui non riesce a trovare una chiara eziologia organica.    

Leggi l'articolo

Esistere o sentirsi reali?

Sentirsi "reali" è più che semplicemente esistere. Significa parlare, muoversi, rapportarsi ed agire a partire da un accordo profondo con se stessi. Vuol dire conoscenza ed accettazione del proprio tratto singolare, accoglienza ed abbandono verso ciò che si è. Senza svalutazioni severe o sciocche vanità.

Leggi l'articolo

Ambizione o desiderio autentico?

Spesso si utilizza genericamente il termine ambizione per indicare l'attitudine di un individuo a far emergere la propria individualità in un determinato campo di interesse. Essa si accompagna solitamente al raggiungimento di un riconoscimento da parte dell'ambiente di riferimento, in termini di notorietà, prestigio e valorizzazione economica.

Leggi l'articolo

L'insuccesso

Incorrere in un insuccesso, amoroso o lavorativo, è un evento diventato destabilizzante per l’uomo di oggi. In effetti fin da bambino avevano stabilito per lui vari traguardi da raggiungere. Nella scuola, nello sport, nelle relazioni.

Leggi l'articolo

Normalità e patologia: quali confini?

È opinione comune associare ad uno stato di "normalità" psichica l'adesione alla realtà, intesa come pacifica accettazione dei limiti imposti dall'ambiente esterno sulle nostre pulsioni e aspirazioni. La stessa civiltà infatti si basa su una quota di rinuncia alla soddisfazione delle pulsioni individuali, in virtù di un bene più grande, l'ordine e la stabilità nel reale.

Leggi l'articolo

Siamo vittime o responsabili?

E' incontestabile la subordinazione di ciascun essere umano all'ambiente che lo accoglie fin dal suo ingresso nel mondo. Il desiderio dei genitori, le loro ambizioni e aspettative condizionano e plasmano inevitabilmente la materia che costituisce ogni soggettività. Facendo sì che essa sia sempre frutto di un passato, di una storia, di un Altro che ci ha preceduto.

Leggi l'articolo

Narcisismo patologico: cause, effetti, rimedi.

Narcisismo sano e narcisismo patologico

Il narcisismo in sé non rappresenta una patologia. Freud ci insegna come un buon investimento di energia libidica sul proprio Io (noto come amor proprio) sia fondamentale ai fini dell'equilibrio psichico.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961