Analisi come esperienza

Svolgere un'analisi è primariamente vivere un'esperienza, un'esperienza di ricerca e di trasformazione. Già Hegel legava la conoscenza della verità all'esperienza: il sapere vero non arriva di colpo ma passo passo, nel corso di un'esperienza in cui il sapere non vero viene via via rimaneggiato.

Secondo la teorizzazione hegeliana l'uomo, proprio perché dotato di una coscienza di sè, è strutturalmente tormentato, lacerato, impossibilitato nel rifugiarsi pacificamente in un'inerzia priva di pensiero senza che un'inquietudine venga a turbare la sua pigrizia. L'angoscia spinge dunque la coscienza verso un cammino dialettico, una ricerca della verità, che assume varie forme, ciascuna delle quali situa un rapporto preciso del soggetto e della verità. Ad ogni tappa dell'itinerario viene scoperta la non verità della verità precedente, che si rivela solo transitoria. Si alternano così varie forme di verità fino al raggiungimento del sapere assoluto, della congettura ultima.

Lacan riprende Hegel quando afferma che il soggetto in analisi è in rapporto con una verità cangiante, transitoria, esposta alla decadenza, da cui si può sottrarre nel momento dell'incontro con alcune sue conseguenze. Lo riprende anche quando mostra come grazie all'esperienza dell'analisi piano piano cadano i "prestigi del narcisismo", in un itinerario nel quale l'Io progressivamente si libera dei suoi orpelli, delle sue identificazioni, delle sue maschere immaginarie per arrivare al cuore pulsionale dell'essere.  

Ma una psicoanalisi secondo Lacan non coincide pienamente con il modello hegeliano, benché mantenga come punto saldo il riferimento  alla nozione di esperienza soggettiva. Il soggetto di Hegel infatti è uno che, sebbene angosciato, sebbene inquieto, rimane al fondo identico a se stesso, in grado alla fine di detenere un sapere assoluto in cui confluisce tutto il reale.

Il soggetto freudiano, il soggetto della psicoanalisi invece non sa la verità, la cerca ma non può afferrarla mai perché esiste il reale che lo trascende sempre, il reale del sesso e della morte, forze che sbalestrano l'ideale umano di padronanza e di controllo assoluto.

L'analisi allora è un'esperienza sì, ma un'esperienza di "destituzione soggettiva", in cui avviene l'incontro con la propria e altrui divisione e che non si conclude con il possesso di una somma verità, con il potenziamento dell'Io, ma al contrario con la riconciliazione con il proprio essere pulsionale.

L'oblio dell'Io e dei suoi miraggi immaginari svuota e nello stesso tempo libera, ridimensiona ma apre la via ad un'intensità e possibilità espressive del tutto inedite.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.