Andare in crisi: solo un problema o anche un’opportunità?

Cosa intendiamo per crisi dal punto di vista psicologico?

Per capire cosa significa veramente andare in crisi ci può aiutare l’etimologia della parola, che rimanda al concetto di scelta. In effetti non è un caso che i momenti più delicati della nostra esistenza siano in qualche modo connessi con il dubbio rispetto alla modalità con cui abbiamo impostato la nostra vita.

La crisi può sopraggiungere in corrispondenza di un lutto, una separazione, una perdita, un incontro, qualcosa cioè che altera l’equilibrio di sempre e ci mette di fronte ad una valutazione critica del nostro mondo, forzandoci ad aprire gli occhi e a vedere oltre il filtro dell’abitudine.

Può anche comparire apparentemente dal nulla, come un fulmine a ciel sereno, magari proprio nel momento in cui raggiungiamo i traguardi che ci eravamo prefissati. Dunque non irrompe mai per caso, non è associata unicamente ad eventi che potremmo definire spiacevoli e a posteriori è sempre possibile ricostruirne la logica di insorgenza. In effetti dobbiamo tenere distinti quelli che sono gli eventi di vita che la fanno venire a galla dalle questioni profonde che ne sono alla base. La crisi è un momento in cui tutti i nodi vengono al pettine, le difese sulle quali ci eravamo retti per una vita vacillano e poi collassano lasciandoci nudi, senza pelle. Di solito emerge con forza l’interrogativo su chi siamo e cosa vogliamo veramente, in campo sentimentale o lavorativo. Sigmund Freud valutava l’equilibrio psichico di una persona sulla base di questi due parametri: amare e lavorare. Qualcosa che non va a questo livello può rimanere silente per anni per poi esplodere sbaragliando la nostra volontà. Di colpo ci troviamo nella situazione paradossale di non desiderare ciò che vogliamo con la ragione, la dimensione inconscia si trova finalmente in primo piano ad inchiodandoci alla nostra verità più propria. Tutto ciò naturalmente comporta molta sofferenza: è sempre doloroso strapparci dal nostro IO, dalle nostre certezze, dai ripari che abbiamo edificato per anni per proteggerci dai rischi del vivere.

Quali suggerimenti per venirne fuori?

Posto che ogni caso è diverso dall’altro e che non esistono soluzioni preconfezionate per ricomporre una crisi, si può affermare in base all’esperienza clinica che questa si risolve quando non viene negata ma autenticamente attraversata. Reprimere tutto ciò che di fecondo ne può venir fuori può apparire come la soluzione più semplice ma è anche quella meno duratura e fautrice di crescita. Questo non vuol dire precipitarsi a fare delle cose, buttarsi in azioni volte per lo più a sedare l’ansia del non sapere cosa fare. E’ importante prendersi del tempo per riflettere, come in una sorta di convalescenza, magari ricorrendo all’aiuto di uno psicoterapeuta, per giungere poi al momento di una scelta sana e consapevole, non condizionata dalla fretta e dall’urgenza. Questo processo comporta andare a vedere ciò a cui nel passato abbiamo voltato inconsciamente le spalle, abbiamo trascurato, non abbiamo prestato sufficiente attenzione. La vera sfida che una crisi ci pone è quella di passare dal tormento, dalla sofferenza, dal fastidio dato dall’incertezza della nostra condizione ad uno stato di maggior pienezza, fondato su un’armonia ritrovata con le parti più profonde di noi stessi. Non è detto che la scelta che seguirà andrà necessariamente nella direzione del nuovo. Potremmo infatti al termine della nostra analisi riscoprire il valore del vecchio. Ma in ogni caso saremo in grado di deciderci risolutamente per una direzione, accettando di perdere le alternative, di esporci al rischio di desiderare davvero qualcosa.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.