Sintomo isterico: tra ribellione e schiavitù

Molti soggetti che chiedono un percorso di psicoterapia, soprattutto donne, al di là delle motivazioni contingenti che li portano in cura, finiscono con il rivelare una questione di fondo che li apparenta e li comprende nel variegato continente dell'isteria. Si tratta dell'insoddisfazione del desiderio, spesso veicolata da un sintomo di natura fisica, un dolore o una contrazione di una parte del corpo a cui la medicina non riesce a ricondurre una semplice causa organica.

Noi clinici tendiamo a considerare valida ancor oggi la teoria delle pulsioni del padre della psicoanalisi, da cui scaturisce l'ipotesi sull'eziologia sessuale di tali problematiche. Ciò significa che riteniamo che alla loro base vi sia una rimozione di pulsioni sessuali, le quali, impedite nella loro scarica, trovano una soddisfazione sostitutiva nel sintomo invalidante. Accanto al disagio rintracciamo dunque una quota di godimento, che è poi ciò che rende la situazione di malessere inerziale e difficile da scardinare. Da un lato il patimento rappresenta una ribellione a una repressione, un torto subito e dunque in ciò ha un valore assolutamente da riconoscere e valorizzare in quanto rappresenta una spinta separativa del soggetto, dall'altro mette sotto scacco la sua vita, subordinando qualsiasi soddisfazione possibile a un godimento inconscio inappropriato e chiuso su se stesso.

Ma che significa rimozione della pulsione? Vuol dire non vivere una vita sessuale? Significa frigidità o impotenza tout court? Assolutamente no. Purtroppo la teoria freudiana delle pulsioni a livello di divulgazione di massa ha subito importanti riduzionismi e stereotipizzazioni da cui sono scaturiti grossolani equivoci e banalizzazioni. La pulsione non rappresenta altro che un'energia psichica, una spinta vitale, una corrente di desiderio, di vitalità, una forza propulsiva e a tratti sovversiva. E' la vita stessa. Ha una matrice biologica, fisica, ma non si riduce a essa perché la cultura e il linguaggio la trasformano profondamente. Si tratta del campo della vera, autentica realizzazione personale di un individuo. Non vuol dire affatto mero esercizio della sessualità.

Ora questa forza pulsionale, vitale, trascinante e dunque potenzialmente apportatrice di disordine e insubordinazione, a causa delle limitazioni imposte dal vivere nella società, si trova soggetta ad ogni genere di limitazione. E che venga limitata non è un male, anzi, quando ciò non accade non osserviamo mai pienezza o equilibrio ma al contrario dispersione e perdita di confini. Dunque i problemi nascono quando c'è un eccesso nell'esercizio del limite, della castrazione, dell'imposizione della volontà altrui sulla realizzazione di un soggetto, oppure al contrario quando l'eccesso sta nell' assoluta assenza di argini. In generale le complicazioni di ordine nevrotico si verificano nei casi in cui un bambino prima, e un adolescente poi, sono esposti a figure genitoriali o troppo autoritarie o eccessivamente permissive, in ogni caso in difficoltà nel fornire un esempio di cosa può voler dire realizzare il proprio desiderio pur nell'orizzonte inaggirabile del limite. La vitalità del desiderio soggettivo finisce con l'andare incontro a mortificazione, rinuncia, adeguamento alle aspettative genitoriali. Non si aggancia armonicamente alla legge, al limite e finisce per affermarsi alla fine solo come rifiuto, ribellione, distruzione, invalidamento di sè.

A livello psichico chiamiamo rimozione il meccanismo che scatta quando la pulsione di un soggetto incontra degli impedimenti alla sua soddisfazione. Dunque l'energia non viene azzerata, sopravvive relegata in una zona della mente fuori dal controllo dell'Io, che chiamiamo inconscio. L'inconscio però non se ne sta buono, costituendo una buona fetta della nostra attività mentale ed essendo una sorta di depositario delle nostre verità, cerca di esprimersi, spesso facendo interferenza sulle attività coscienti. Ecco che compaiono dei sintomi, qualcosa si inceppa, fa da ostacolo alla nostra volontà cosciente. Nell'isteria, al contrario della nevrosi ossessiva, questi zoppicamenti li ritroviamo a livello del corpo, sotto forma di blocchi o malfunzionamenti di specifici distretti corporei. Nei nevrotici ossessivi l'interferenza dell'inconscio la vediamo invece nel mentale, non è il corpo a venire tarpato ma l'attività di pensiero, che va incontro a inibizioni di vario genere.

Una psicoterapia ispirata dalla psicoanalisi, detto ciò, non andrà a tentare di estirpare attraverso metodiche coercitive il sintomo. Lo valorizzerà invece, perché vedrà in esso la spia di una qualche vitalità in movimento, di una spinta soggettiva a tentare di separarsi dalle attese dell'Altro per divenire se stessi. L'arresto che un sintomo porta con sè, sia esso negli studi o nel lavoro, non va mai considerato come un male ma come un punto di partenza per una possibile, autentica rinascita. Solo grazie a questo atteggiamento di fondo mai giudicante del terapeuta sarà possibile affrontare la parte in ombra dei sintomi, quella che inchioda chi ne soffre a non fare nulla e a crogiolarsi nella propria sofferenza.

<<Che guadagno ne ho in tutto questo>> costituisce la domanda fondamentale che apre la via a una presa di coscienza profonda della propria implicazione nel mantenere il male che si denuncia. Se il patimento deriva dall'Altro, da un certo punto in poi siamo noi stessi a mantenerlo e paradossalmente a goderne. Poter prenderne atto, cogliere la soddisfazione dell'insoddisfazione è il passo più difficile ma decisivo per accedere a una qualche soddisfazione possibile nel presente, non più proiettata in un mondo ideale, perfetto e irraggiungibile.

Questo tipo di approccio appare molto faticoso perché presuppone di accogliere e di assumere ciò di cui siamo solo inconsciamente responsabili. Vuol dire prendere e accettare quello che c'è, ora, adesso, per poter godere finalmente della vita, pur nella sua imperfezione.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.