Ricerca della magrezza e femminilità: qual è il confine con l'anoressia?

Ciascuno di noi ha la possibilità di verificare quotidianamente come l’ideale del corpo femminile magro, liscio ed in forma sia ormai entrato a pieno titolo nella nostra cultura. Basti pensare agli stimoli pubblicitari con cui entriamo in contatto involontariamente semplicemente aprendo un giornale, accedendo ad internet o uscendo di casa.

Non ci facciamo nemmeno più caso: il binomio bellezza-magrezza è dato per assodato. Se si vuole essere desiderabili agli occhi degli altri si deve essere anche magri.

Andiamo a vedere perché questo imperativo fa molta presa sulle donne e le condiziona così tanto. La femminilità comporta in sé una sensibilità particolare all’apprezzamento da parte dell’altro. Ogni donna, anche la più austera e meno frivola, desidera essere desiderabile. E questo non necessariamente per vanità o esibizionismo. La femminilità implica un’apertura all’altro, una recettività speciale ai suoi bisogni ed aspettative. Che la predispongono alla relazione ma anche ad una certa vulnerabilità. “Sono come tu mi vuoi” non va visto come indice della mancanza di una personalità propria ma un effetto della tendenza tutta femminile a trovare conferme del proprio essere attraverso il desiderio dell’altro.

Se dunque il contesto sociale tende a valorizzare una certa immagine di femminilità, la donna è portata ad adeguarvisi. Naturalmente ciò varia in base alle caratteristiche di ciascuna: esistono diverse sensibilità al discorso della magrezza. Inoltre ogni donna trova un suo stile per esprimere la propria bellezza.

Bisogna poi ricordare come siano in aumento casi in cui le donne ricercano il corpo magro come qualcosa che bisogna avere per raggiungere il successo all’interno di determinati ambienti. Come psicologo a Milano mi capita di osservare una nuova ossessione per il corpo magro sganciata dal sopracitato desiderio femminile di piacere. In queste situazioni non si tratta di trovare conferme alla propria femminilità davanti all’altro. Lo scambio sembra essere del tutto tagliato fuori. Il corpo magro è ridotto ad uno dei tanti elementi che non ci si può esimere da avere per un curriculum di successo.

Si può dire che l’anoressia come patologia clinicamente rilevabile sia causata da un’esasperazione di questo meccanismo? Assolutamente no. Dobbiamo tenere ben distinti i motivi che portano le donne ad essere sensibili alle mode o ai nuovi diktat sociali da quelli che le conducono a sviluppare problemi con il cibo.

Perché una donna si ammali di anoressia ci vuole ben altro rispetto alla volontà di aderire agli standard estetici correnti. Ben altro rispetto al femminile desiderio di essere desiderate e alla comunissima insoddisfazione per la forma o un aspetto del proprio corpo.

L’anoressia può trovare terreno fertile in un contesto che considera la magrezza un valore assoluto. Ma non ne è una diretta conseguenza. Certo, spesso l’esordio avviene in concomitanza di una dieta, sulla quale non si riesce più ad esercitare un controllo.

Ma non tutti coloro che iniziano una dieta sviluppano un disturbo alimentare.

Perdere il controllo sulla dieta non porta ad essere né più belle né più allegre. Non c’è dietro alcuna motivazione di natura edonistica. Da un certo punto in poi irrompe una spinta distruttiva, autolesionistica, masochistica che niente ha a che fare con la ricerca della bellezza. Il limite della cura e della conservazione di sé, il confine dettato dalla legge freudiana del “principio di piacere” (che spinge l’essere umano a cercare il piacere ed evitare il dispiacere) viene travalicato. Compare un desiderio di niente.

Le ragioni alla base del fenomeno anoressico - bulimico sono varie e complesse, e cambiano a seconda delle storie e della gravità clinica. In ogni caso un elemento comune sembra venire alla luce invariabilmente dal passato delle donne che sviluppano questo sintomo. Sono state amate da qualcuno che ha dimostrato l’amore attraverso le cure materiali, il riempire, il dare, il nutrire fino al soffocamento. Rifiutare il cibo fino alla consunzione appare dunque paradossalmente come una manovra di separazione. Un modo per neutralizzare l’equivalenza dare amare e per costringere l’altro ad angosciarsi per loro, a perdere cioè la sua compattezza, a mostrare la sua mancanza. Ad amarle finalmente per quello che sono, per la loro particolarità non omologabile.

Esistono poi quadri in cui l’ “appetito di morte” va oltre questa logica. L’invadenza dell’altro di riferimento ha assunto un carattere di eccesso, di vera e propria spietatezza. Non mangiare o vomitare sono allora strumenti indispensabili non tanto per smuovere l’altro e costringerlo a vederci ma per mantenere saldo un senso di identità, costantemente minacciato da una capricciosità violenta e difficile da padroneggiare.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.