Anoressia-bulimia: due facce della stessa medaglia

Innanzitutto occorre una precisazione. E’ innegabile che un disturbo del comportamento alimentare non riguardi solo la sfera dell’alimentazione. Non costituisca cioè un puro problema di appetito bensì la punta di un iceberg, la manifestazione visibile di difficoltà della sfera psichica, che affondano le loro radici nella storia individuale.

A tal proposito lo psicoanalista Massimo Recalcati chiama questi disturbi “malattie dell’amore”. Anoressia e bulimia colpiscono spesso chi si è trovato a subire una frustrazione d’amore, in rapporto soprattutto alla madre.

Questo non significa che le madri delle donne che vivono queste problematiche siano state affettivamente fredde o distanti.

In psicoanalisi ascoltiamo la parola di chi soffre, valorizziamo cioè il modo con cui ciascuno percepisce la sua realtà. E’ solo a partire da lì che si può capire cosa è successo.

Dunque una persona può essere stata amata con tutta la dedizione possibile da parte della madre, ma non aver percepito quel segno d’amore che per lei era fondamentale per sentirsi accettata e voluta in tutto e per tutto.

Può aver sentito prevalere la cura dei bisogni materiali sull’espressione di un amore incondizionato. Può cioè aver visto la propria madre tutta presa dalla serietà del compito di nutrirla correttamente, a discapito della circolazione affettiva. Scambiando l’ansia materna per una manifestazione dovuta ad una propria inadeguatezza. Sviluppando magari la convinzione di dover essere una brava bambina docile e ubbidiente per poter meritare affetto e riconoscimento. Di dover essere perfetta. Liscia, senza sbavature. In posizione di pieno controllo rispetto ai suoi capricci.

Rifiutare il cibo o al contrario rimpinzarsi fino a vomitare sotto questa luce assumono un senso, appaiono un po’ meno enigmatici. Non è un caso che si scatenino frequentemente quando nell’adolescenza si ripresenta una delusione amorosa.

Se per il DSM (Manuale Diagnostico Statistico dei disturbi mentali) l’anoressia e bulimia sono due fenomeni distinti, osserviamo invece come infondo costituiscano due facce della stessa medaglia.

L’anoressia indica la realizzazione dell’Ideale del soggetto. Essere perfetta, incorrotta, indipendente. E’ inoltre un modo per tentare di separarsi dall’Altro e dal suo volere. Un modo però patologico sia per gli effetti distruttivi, sia perché dimostra al fondo la permanenza di una forte dipendenza dalle sue aspettative.

La bulimia è invece spia del fallimento di questo Ideale. La pulsione a divorare tutto mostra il ritorno dell’imperfezione che si tentava di cancellare con il controllo anoressico. La spinta a mangiare, la pulsione infondo, rappresenta tutto ciò su cui l’essere umano non ha padronanza. Testimonia la sua miseria, la sua fragilità. I suoi limiti.

Abbiamo quindi una sola logica nell’anoressia bulimia: un rapporto di guerra, di non armonica convivenza fra l’ideale e la pulsione. Legame difficile per tutti gli esseri umani, che l’anoressia bulimia radicalizza fino alle estreme conseguenze della distruzione di sé.

Di solito questa logica si manifesta inizialmente con condotte di tipo anoressico (l’esordio della malattia avviene con restrizioni alimentari). In un secondo tempo osserviamo l’evoluzione nella bulimia. Nella bulimia vediamo ancora persistere lo sforzo di mantenere l’Ideale, perché infondo il vomito espellendo il cibo non fa altro che ripristinare il corpo magro.

In psicoanalisi diciamo spesso come la bulimia sia un dialetto dell’anoressia, un modo diverso, meno nobile, ma infondo simile di dire le stesse cose.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Tradimento e fedeltà in amore

Le cause alla base di un tradimento non sono mai sempre le stesse in tutti i casi, così come le conseguenze che ingenera all'interno della relazione di coppia. Non solo, nessuno se ne può ritenere del tutto immune, si tratta di un evento che può colpire anche i rapporti più solidi, le unioni meglio riuscite.

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

Amare l'uomo sbagliato

Perché alcune donne si innamorano sempre dell'uomo sbagliato? Cosa le porta a ripetere in maniera seriale un tipo di scelta che si rivela nel tempo distruttiva? Di solito la risposta è di una semplicità sconcertante: nell'uomo sfuggente ma affascinante, freddo ma a tratti capace di slanci ritrovano la traccia di qualcosa di familiare, qualcosa di già sperimentato nella famiglia di origine.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Solitudine femminile

Sempre più donne nel contesto contemporaneo si trovano confrontate con la solitudine, non semplicemente quella subita. Pur non mancando di corteggiatori, decidono di non scendere a compromessi, in nome dell'amore con la A maiuscola. Non innamorandosi mai veramente, non incontrando mai la persona che sentono essere "giusta" per loro, scelgono di vivere la loro vita rinunciando ai vantaggi economici e sociali associati ad una relazione con un uomo.

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961