Anoressia-bulimia: due facce della stessa medaglia

Innanzitutto occorre una precisazione. E’ innegabile che un disturbo del comportamento alimentare non riguardi solo la sfera dell’alimentazione. Non costituisca cioè un puro problema di appetito bensì la punta di un iceberg, la manifestazione visibile di difficoltà della sfera psichica, che affondano le loro radici nella storia individuale.

A tal proposito lo psicoanalista Massimo Recalcati chiama questi disturbi “malattie dell’amore”. Anoressia e bulimia colpiscono spesso chi si è trovato a subire una frustrazione d’amore, in rapporto soprattutto alla madre.

Questo non significa che le madri delle donne che vivono queste problematiche siano state affettivamente fredde o distanti.

In psicoanalisi ascoltiamo la parola di chi soffre, valorizziamo cioè il modo con cui ciascuno percepisce la sua realtà. E’ solo a partire da lì che si può capire cosa è successo.

Dunque una persona può essere stata amata con tutta la dedizione possibile da parte della madre, ma non aver percepito quel segno d’amore che per lei era fondamentale per sentirsi accettata e voluta in tutto e per tutto.

Può aver sentito prevalere la cura dei bisogni materiali sull’espressione di un amore incondizionato. Può cioè aver visto la propria madre tutta presa dalla serietà del compito di nutrirla correttamente, a discapito della circolazione affettiva. Scambiando l’ansia materna per una manifestazione dovuta ad una propria inadeguatezza. Sviluppando magari la convinzione di dover essere una brava bambina docile e ubbidiente per poter meritare affetto e riconoscimento. Di dover essere perfetta. Liscia, senza sbavature. In posizione di pieno controllo rispetto ai suoi capricci.

Rifiutare il cibo o al contrario rimpinzarsi fino a vomitare sotto questa luce assumono un senso, appaiono un po’ meno enigmatici. Non è un caso che si scatenino frequentemente quando nell’adolescenza si ripresenta una delusione amorosa.

Se per il DSM (Manuale Diagnostico Statistico dei disturbi mentali) l’anoressia e bulimia sono due fenomeni distinti, osserviamo invece come infondo costituiscano due facce della stessa medaglia.

L’anoressia indica la realizzazione dell’Ideale del soggetto. Essere perfetta, incorrotta, indipendente. E’ inoltre un modo per tentare di separarsi dall’Altro e dal suo volere. Un modo però patologico sia per gli effetti distruttivi, sia perché dimostra al fondo la permanenza di una forte dipendenza dalle sue aspettative.

La bulimia è invece spia del fallimento di questo Ideale. La pulsione a divorare tutto mostra il ritorno dell’imperfezione che si tentava di cancellare con il controllo anoressico. La spinta a mangiare, la pulsione infondo, rappresenta tutto ciò su cui l’essere umano non ha padronanza. Testimonia la sua miseria, la sua fragilità. I suoi limiti.

Abbiamo quindi una sola logica nell’anoressia bulimia: un rapporto di guerra, di non armonica convivenza fra l’ideale e la pulsione. Legame difficile per tutti gli esseri umani, che l’anoressia bulimia radicalizza fino alle estreme conseguenze della distruzione di sé.

Di solito questa logica si manifesta inizialmente con condotte di tipo anoressico (l’esordio della malattia avviene con restrizioni alimentari). In un secondo tempo osserviamo l’evoluzione nella bulimia. Nella bulimia vediamo ancora persistere lo sforzo di mantenere l’Ideale, perché infondo il vomito espellendo il cibo non fa altro che ripristinare il corpo magro.

In psicoanalisi diciamo spesso come la bulimia sia un dialetto dell’anoressia, un modo diverso, meno nobile, ma infondo simile di dire le stesse cose.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.