Anoressia - bulimia: il vuoto e il pieno

Anoressia e bulimia sono due declinazioni dello stesso fenomeno.Non hanno nulla a che fare con la spinta ad esibire un corpo curato e alla moda. Nono sono nemmeno disturbi dell’appetito.Toccano piuttosto il tema dell’amore. Della delusione d’amore. Del dubbio sull’autenticità dell’amore dell’Altro.

Ma qual è la relazione fra questo fatto e la ricerca del vuoto tipica di chi soffre di un disturbo alimentare?

Possiamo vedere in atto due aspetti, solo apparentemente contraddittori.

Da una parte fare il vuoto dentro di sé, affamarsi, vomitare, staccarsi dalla dipendenza del bisogno del cibo sono dei tentativi di raggiungere un ideale di controllo impossibile per l’essere umano, fragile e agitato da mille passioni. Un tentativo di rendersi indipendente rispetto alle delusioni, uno scudo di fronte alla sofferenza. Un’anestesia. Un chiudere con l’amore e i suoi rischi, un dire basta. Il cibo è l’equivalente della pulsione, del godimento, dell'amore, di ciò che travolge e sfugge alla volontà.

Nello stesso tempo però la spinta verso il vuoto testimonia pure di una domanda disperata di amore e di riconoscimento. L’anoressica, ma anche la bulimica che con il vomito mostra di non essere stata davvero placata dall’oggetto, vuole dimostrare come il fondo dell’essere umano sia fatto di mancanza, non di pienezza. Ognuno di noi è attraversato da desideri insoddisfatti o impossibili, anche se magari abbiamo tutto sul piano materiale. E questi desideri hanno sempre a che vedere con l’essere riconosciuti dall’Altro. Ci rendono insufficienti, mancanti, in un certo senso vuoti. Facendo il vuoto nel suo corpo è come se l’anoressica volesse denunciare la natura desiderante dell’essere umano, il suo bisogno di essere visto, amato per quello che è. Dunque l’anoressia da questa prospettiva appare un grido, un appello disperato perché qualcuno finalmente sia capace di un amore senza domande e senza condizioni.

A tal proposito è molto calzante una frase dello psicoanalista Alfredo Zenoni: “voglio essere amato per me stesso. Il per me stesso infondo è essere amato per nessuna delle qualità che mi definiscono”. C’è qualcosa in noi che reclama la convalida dell’amore dell’Altro ma non a partire dalle nostre qualità, dal fatto che siamo belli o intelligenti. Vogliamo essere amati per la mancanza che al fondo siamo, per la nostra particolarità irriducibile all’avere, al possesso di beni o attributi fisici o morali. Scomparendo letteralmente, facendosi eterea, incorporea l’anoressica prova a materializzare sul piano della realtà il vuoto che al fondo siamo.

Cogliere questa logica ha delle ricadute importanti non solo sul versante della comprensione del fenomeno anoressico bulimico ma anche su quello della cura. Una cura che non andrà a riempire con parole, spiegazioni, domande. Ma che sarà piuttosto orientata all’ascolto della parola di chi soffre.

L'uso del linguaggio appare l’unica via per uscire dall’equivalenza mortifera vuoto= corpo scarnificato. Attraverso una parola piena si può ricollocare il vuoto al suo posto, sul piano dell’essere e non su quello fisico della carne.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.