Anoressia: la larva e il desiderio

Jacques Lacan (nel testo I complessi familiari nella formazione dell’individuo ) usa a proposito dell’anoressia l’espressione “desiderio della larva”.

Ma che significa questa definizione che sembra contenere in sé una contraddizione? Perché viene attribuito un desiderio alla larva, che per definizione è un essere passivo, incompiuto, ancora nel bozzolo?

Lo scopo di Lacan è proprio quello di mostrare la complessità del fenomeno anoressico, la sua doppiezza, la sua ambiguità enigmatica.

Vediamo il primo punto, la larva. Questa evoca l’immagine di un soggetto inerte, dipendente, non ancora sviluppato. Non ancora separato dalla madre. L’anoressica è simile alla larva nella misura in cui con il suo rifiuto di mangiare tenta di aggirare lo svezzamento, non volendo rinunciare allo stato di fusionalità simbiotica con la madre. C’è dunque nell’anoressia una spinta regressiva verso la rifusione con la madre, spinta in sé non vitale ma mortifera, un abbandonarsi alla morte pur di non incontrare la perdita.

Il tratto malinconico, parassita della larva è dunque sull’asse dell’anestesia, della non autonomia, del ripiegamento regressivo. Questo rende ragione di alcuni tratti tipici delle anoressiche: dipendenza dall’Altro, non autonomia, incapacità di scegliere, compiacenza, chiusura.

Passiamo al secondo aspetto della definizione di Lacan, il desiderio. La larva, che così descritta tutto sembra tranne che un essere vitale, desiderante, è paradossalmente animata da un desiderio. L’anoressia esprime una forma di protesta silenziosa rispetto al troppo di presenza materna, per salvare così qualcosa della dimensione del suo desiderio. Sempre citando Lacan (La Direzione della cura) “E’ il bambino nutrito con più amore a rifiutare il nutrimento e a orchestrare il suo rifiuto come un desiderio…In fin dei conti il bambino, rifiutando di soddisfare la domanda della madre, non esige forse che la madre abbia un desiderio fuori di lui? ”.

L’anoressia è allora un modo per preservare il desiderio, per non farlo travolgere dalla compiacenza alla domanda dell’Altro. E’ una via appunto non urlata, sommessa, senza parole ma decisa nel dimostrare che c’è qualcosa di più importante del cibo, delle cure, del dare…E’ un tentativo di aprire un varco, di spezzare la relazione a due soffocante con la madre. Il richiamo che Lacan fa al desiderio della madre è cruciale. Se la madre desidera altro rispetto a suo figlio, preferibilmente se desidera il marito, il partner, allora è possibile anche al figlio avere un suo desiderio tutto suo…Ma se la madre è tutta madre, se della donna non è rimasto nulla, allora per il figlio va male, perché si trova così caricato dell’aspettativa di apportarle soddisfazione. A questo l’anoressica dice no! Lasciandosi morire di fame esprime la sua protesta. Morte e spinta alla vita, involuzione e desiderio si mescolano in modo inquietante.

Per capire i disturbi del comportamento alimentare dobbiamo allora sempre tenere presente questa doppiezza contraddittoria. Da una parte la larva, il rifiuto ad abbandonare la simbiosi, la dipendenza, l’apatia, l’incollamento alla madre. Dall’altra l’affermazione del desiderio, l’appello affinchè l’altro desideri, l’invocazione della rottura del bozzolo asfissiante.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Amore malato

Molte domande di aiuto che accogliamo in studio (formulate per lo più da donne) ruotano direttamente o indirettamente attorno alla questione di un “amore malato”. Sono infatti principalmente le donne a patire per amore, sebbene non manchino casi in cui è lui a chiedere aiuto a causa delle vessazioni subite dalla partner. 

Leggi l'articolo

Solitudine femminile

Sempre più donne nel contesto contemporaneo si trovano confrontate con la solitudine, non semplicemente quella subita. Pur non mancando di corteggiatori, decidono di non scendere a compromessi, in nome dell'amore con la A maiuscola. Non innamorandosi mai veramente, non incontrando mai la persona che sentono essere "giusta" per loro, scelgono di vivere la loro vita rinunciando ai vantaggi economici e sociali associati ad una relazione con un uomo.

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

Tradimento e fedeltà in amore

Le cause alla base di un tradimento non sono mai sempre le stesse in tutti i casi, così come le conseguenze che ingenera all'interno della relazione di coppia. Non solo, nessuno se ne può ritenere del tutto immune, si tratta di un evento che può colpire anche i rapporti più solidi, le unioni meglio riuscite.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961