Anoressia: la larva e il desiderio

Jacques Lacan (nel testo I complessi familiari nella formazione dell’individuo ) usa a proposito dell’anoressia l’espressione “desiderio della larva”.

Ma che significa questa definizione che sembra contenere in sé una contraddizione? Perché viene attribuito un desiderio alla larva, che per definizione è un essere passivo, incompiuto, ancora nel bozzolo?

Lo scopo di Lacan è proprio quello di mostrare la complessità del fenomeno anoressico, la sua doppiezza, la sua ambiguità enigmatica.

Vediamo il primo punto, la larva. Questa evoca l’immagine di un soggetto inerte, dipendente, non ancora sviluppato. Non ancora separato dalla madre. L’anoressica è simile alla larva nella misura in cui con il suo rifiuto di mangiare tenta di aggirare lo svezzamento, non volendo rinunciare allo stato di fusionalità simbiotica con la madre. C’è dunque nell’anoressia una spinta regressiva verso la rifusione con la madre, spinta in sé non vitale ma mortifera, un abbandonarsi alla morte pur di non incontrare la perdita.

Il tratto malinconico, parassita della larva è dunque sull’asse dell’anestesia, della non autonomia, del ripiegamento regressivo. Questo rende ragione di alcuni tratti tipici delle anoressiche: dipendenza dall’Altro, non autonomia, incapacità di scegliere, compiacenza, chiusura.

Passiamo al secondo aspetto della definizione di Lacan, il desiderio. La larva, che così descritta tutto sembra tranne che un essere vitale, desiderante, è paradossalmente animata da un desiderio. L’anoressia esprime una forma di protesta silenziosa rispetto al troppo di presenza materna, per salvare così qualcosa della dimensione del suo desiderio. Sempre citando Lacan (La Direzione della cura) “E’ il bambino nutrito con più amore a rifiutare il nutrimento e a orchestrare il suo rifiuto come un desiderio…In fin dei conti il bambino, rifiutando di soddisfare la domanda della madre, non esige forse che la madre abbia un desiderio fuori di lui? ”.

L’anoressia è allora un modo per preservare il desiderio, per non farlo travolgere dalla compiacenza alla domanda dell’Altro. E’ una via appunto non urlata, sommessa, senza parole ma decisa nel dimostrare che c’è qualcosa di più importante del cibo, delle cure, del dare…E’ un tentativo di aprire un varco, di spezzare la relazione a due soffocante con la madre. Il richiamo che Lacan fa al desiderio della madre è cruciale. Se la madre desidera altro rispetto a suo figlio, preferibilmente se desidera il marito, il partner, allora è possibile anche al figlio avere un suo desiderio tutto suo…Ma se la madre è tutta madre, se della donna non è rimasto nulla, allora per il figlio va male, perché si trova così caricato dell’aspettativa di apportarle soddisfazione. A questo l’anoressica dice no! Lasciandosi morire di fame esprime la sua protesta. Morte e spinta alla vita, involuzione e desiderio si mescolano in modo inquietante.

Per capire i disturbi del comportamento alimentare dobbiamo allora sempre tenere presente questa doppiezza contraddittoria. Da una parte la larva, il rifiuto ad abbandonare la simbiosi, la dipendenza, l’apatia, l’incollamento alla madre. Dall’altra l’affermazione del desiderio, l’appello affinchè l’altro desideri, l’invocazione della rottura del bozzolo asfissiante.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.