Anoressia e misticismo. Quale differenza?

Come è noto l’anoressia si presenta come una pratica di controllo e di riduzione della spinta ad alimentarsi. Sotto questo profilo le restrizioni alimentari che impone potrebbero essere paragonate al digiuno dei mistici.

In effetti dal punto di vista meramente esteriore le due condotte coincidono: in entrambi i casi abbiamo un soggetto che volontariamente esercita un addomesticamento della fame. Tenta cioè attraverso la volontà di dominare i suoi impulsi.

Ma ha senso porre una tale equivalenza? Non esiste piuttosto una differenza di fondo radicale al di là di una somiglianza in superficie? Lo spartiacque che mostra la non assimilabilità dei due atteggiamenti verso il digiuno lo possiamo rintracciare nella finalità con cui questi sono perseguiti.

L’obiettivo del mistico, nel momento in cui pratica un’attività di dominio sulle passioni come può essere quella sul mangiare, è quello di salvare se stesso e i suoi fratelli dal peccato, secondo l’idea cristiana di stampo medievale dell’imitatio Christi. Attraverso l’imitazione del percorso di mortificazione affrontato da Cristo, il mistico offre il suo sacrificio per la salvezza. All’orizzonte c’è dunque l’idea di un dono d’amore per l’altro, il sacrificio non è fine a se stesso ma è praticato con una finalità umanitaria. Inoltre al centro non abbiamo la volontà del singolo, perché il mistico si affida a Dio, dunque a una volontà che va oltre la sua, in un abbandono che lo spossessa di ogni tornaconto utilitaristico.

Se la finalità del mistico è in ultima analisi di natura altruistica, perseguire la salvezza dell’uomo, quella dell’anoressica non si inscrive in questa logica. Sullo sfondo del suo sacrificio non c’è l’Altro, non c’è una ragione trascendente. C’è piuttosto l’inseguimento dell’ideale del corpo alla moda, un ideale mondano, concreto, spogliato da qualunque rimando a una dimensione spirituale. La sua rinuncia non si accompagna alla perdita della volontà personale in virtù dell’abbandono a un bene superiore ma si associa a un incremento del volere dell’io. Nell’anoressia l’io si rafforza, la volontà si ispessisce, l’auto controllo diventa implacabile. Il tutto per realizzare l’immagine di un corpo perfetto, liscio, privo di sporgenze e di mancanze. Una sorta di feticcio, senza sesso, senza bisogni, senza passioni destabilizzanti. Che possa fare da scudo, da appoggio, da protesi a una fragilità personale, a una carenza interiore, a una delusione d’amore che riattiva antiche ferite e mai sopite mancanze.

Chiaramente dietro a questo culto anoressico dell’immagine possiamo rintracciare la cultura salutista contemporanea, che spinge la cura verso la propria apparenza esteriore fino ai limiti dell’ossessione e del masochismo. Non dobbiamo però mai perdere di vista come alla base dei disturbi della condotta alimentare vi siano ragioni più profonde di una mera adesione ai diktat sociali. Questi esercitano il loro potere sempre a partire dalla vulnerabilità di chi li subisce, come nel caso dell’anoressica, impigliata nel mito del corpo magro a causa di ragioni che affondano sempre nella sua storia personale.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

La donna narcisista in amore

Generalmente si tende ad associare la personalità narcisistica al sesso maschile, più che altro sulla base dei racconti delle molte donne che lamentano la freddezza e l'incostanza in amore dei loro partner. L'apparente maggiore frequenza di tratti narcisistici negli uomini si spiega proprio a partire dalla maggiore disponibilità del sesso femminile nel raccontare e denunciare le sofferenze patite all'interno delle relazioni di coppia.

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

La relazione a senso unico

Una delle situazioni che spesso spinge a chiedere aiuto psicoterapeutico è il trovarsi invischiati in relazioni frustranti, fortemente sbilanciate dal punto di vista emotivo, senza tuttavia riuscire a trovare la forza di uscirne.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961