Anoressia e misticismo. Quale differenza?

In effetti dal punto di vista meramente esteriore le due condotte coincidono: in entrambi i casi abbiamo un soggetto che volontariamente esercita un addomesticamento della fame. Tenta cioè attraverso la volontà di dominare i suoi impulsi.

Ma ha senso porre una tale equivalenza? Non esiste piuttosto una differenza di fondo radicale al di là di una somiglianza in superficie? Lo spartiacque che mostra la non assimilabilità dei due atteggiamenti verso il digiuno lo possiamo rintracciare nella finalità con cui questi sono perseguiti.

L’obiettivo del mistico, nel momento in cui pratica un’attività di dominio sulle passioni come può essere quella sul mangiare, è quello di salvare se stesso e i suoi fratelli dal peccato, secondo l’idea cristiana di stampo medievale dell’imitatio Christi. Attraverso l’imitazione del percorso di mortificazione affrontato da Cristo, il mistico offre il suo sacrificio per la salvezza. All’orizzonte c’è dunque l’idea di un dono d’amore per l’altro, il sacrificio non è fine a se stesso ma è praticato con una finalità umanitaria. Inoltre al centro non abbiamo la volontà del singolo, perché il mistico si affida a Dio, dunque a una volontà che va oltre la sua, in un abbandono che lo spossessa di ogni tornaconto utilitaristico.

Se la finalità del mistico è in ultima analisi di natura altruistica, perseguire la salvezza dell’uomo, quella dell’anoressica non si inscrive in questa logica. Sullo sfondo del suo sacrificio non c’è l’Altro, non c’è una ragione trascendente. C’è piuttosto l’inseguimento dell’ideale del corpo alla moda, un ideale mondano, concreto, spogliato da qualunque rimando a una dimensione spirituale. La sua rinuncia non si accompagna alla perdita della volontà personale in virtù dell’abbandono a un bene superiore ma si associa a un incremento del volere dell’io. Nell’anoressia l’io si rafforza, la volontà si ispessisce, l’auto controllo diventa implacabile. Il tutto per realizzare l’immagine di un corpo perfetto, liscio, privo di sporgenze e di mancanze. Una sorta di feticcio, senza sesso, senza bisogni, senza passioni destabilizzanti. Che possa fare da scudo, da appoggio, da protesi a una fragilità personale, a una carenza interiore, a una delusione d’amore che riattiva antiche ferite e mai sopite mancanze.

Chiaramente dietro a questo culto anoressico dell’immagine possiamo rintracciare la cultura salutista contemporanea, che spinge la cura verso la propria apparenza esteriore fino ai limiti dell’ossessione e del masochismo. Non dobbiamo però mai perdere di vista come alla base dei disturbi della condotta alimentare vi siano ragioni più profonde di una mera adesione ai diktat sociali. Questi esercitano il loro potere sempre a partire dalla vulnerabilità di chi li subisce, come nel caso dell’anoressica, impigliata nel mito del corpo magro a causa di ragioni che affondano sempre nella sua storia personale.

Altri articoli sull'anoressia-bulimia

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Le relazioni “usa e getta”

Accade in amicizia, accade in amore. Nel mondo attuale degli “amori liquidi” sentirsi oggetto di una modalità relazionale “usa e getta” non è affatto ben tollerato, anzi, costituisce ancora una delle cause principali di sofferenza emotiva.

Leggi l'articolo

La madre “tossica”

Il termine “madre” nell’immaginario collettivo rimanda immediatamente al tema dell’amore e della cura, dunque a qualcosa di incontestabilmente positivo.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Amori contemporanei

Molte impasse negli amori fra i giovanissimi oggi sembrano legarsi non tanto ad una difficoltà di comunicazione fra i sessi, cosa più tipica di generazioni passate,  bensì ad un cinismo e ad un disincanto che bloccano e cristallizzano la conoscenza prima ancora che essa possa iniziare.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Masochismo e amore

Nella mia pratica clinica mi accade frequentemente di ascoltare persone, anche di notevole intelligenza e spessore, invischiate in relazioni distruttive per il proprio equilibrio ed autostima. Queste sono portate ad accettare e portare il peso di rapporti all'insegna della sofferenza. Non solo, spesso accade che proprio i legami più sofferti siano quelli considerati più intensi dal punto di vista emotivo, come se da un certo punto in poi non fossero solo subiti ma attivamente ricercati per una sorta di oscuro piacere ricavato dal tormento.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961